Insolito egitto

E’ la mia terza partenza per l’Egitto. La prima nel 1996 quando ancora si viveva il fascino e l’atmosfera magica dei siti, la seconda volta nel 2003 con grande delusione di vedere trasformati i luoghi da visitare, per la comodità ...

  • di daniela cesca
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

E’ la mia terza partenza per l’Egitto. La prima nel 1996 quando ancora si viveva il fascino e l’atmosfera magica dei siti, la seconda volta nel 2003 con grande delusione di vedere trasformati i luoghi da visitare, per la comodità del turista,quasi un parco dei divertimenti, questa terza partenza è la realizzazione di un sogno, visitare anche quella parte dell’Egitto sconosciuta ai più, quella che le agenzie non propongono e la meta agognata più di tutto sarà ABYDOS.

Siamo in quattordici, tra noi Paolo Renier amico, fotografo e autore di una mostra fotografica su Abydos (www.Studiorenierpaolo.It)le cui conoscenze “altolocate” ci hanno permesso l’attuazione del viaggio e Ezz Salem egittologo nativo di Abydos. Primo giorno:Si parte da Roma dopo essere arrivati con l’Eurostar da Venezia, l’agitazione e la curiosità sono tante, del viaggio infatti sappiamo solo a grandi linee come si svolgerà, non ci sono programmi e orari fissi, tutto si baserà sulla nostra curiosità e sulla nostra resistenza fisica visto che anche sulla carta si dimostra “tosto”.

Arrivo al Cairo in serata e dopo le più o meno confuse pratiche doganali e ritiro bagagli, usciti dall’aeroporto incontriamo per la prima volta Ezz. Veniamo “caricati” e stipati insieme ai nostri bagagli dentro un pulmino che sarà il nostro mezzo di trasporto per una parte del viaggio, attraversato il Cairo arriviamo all’Hotel. Incontro e vado a cena con Adel Aziz altro egittologo-guida conosciuto nel primo viaggio, rincontrato nel secondo e col quale ho mantenuto sempre contatti via mail. E’ bello trovare un amico in terra straniera! Secondo giorno: sveglia presto, rifatti i bagagli si parte per la visita delle Piramidi, è necessario arrivare presto perché i biglietti per l’entrata sono ogni giorno solo un certo numero e non molti.

Piramide di Cheope.Non so se entrare o no...Mi impressiona il cunicolo davanti a me..Ma come gli altri mi faccio coraggio e affronto prima la discesa e poi la lunga salita per raggiungere la sala del sarcofago. Siamo i primi e per il momento i soli, restiamo per un attimo in religioso silenzio prima di raggiungere sudando l’uscita ostacolati dalla risalita di vocianti giapponesi! Giro d’obbligo nella spianata dietro alle Piramidi per le foto di rito...C’è chi è per la prima volta in Egitto e quindi ha voglia di immortalarsi nelle immagini classiche che da sempre conosciamo dai libri e dai documentari. Partiamo alla volta della Sfinge e del Tempio della Valle. Anche se è la terza volta, rimango affascinata da questi meravigliosi scorci e ascolto finalmente anche qualcosa di “nuovo” vista la preparazione di Ezz. Si riparte, meta Saqqara, Piramide a gradoni di Zoser e visita al nuovo Museo, piccolo ma curato e degno di una vista. Tomba mastaba di Ti e Mastaba di Ptah-Hotep sono le altre cose viste in questo sito, spiegate da un Egittologo...Sono tutta un’altra cosa!! E si riparte, affamati e stanchi...Acquistiamo lungo la strada arance, banane e fragranti gallette al sesamo nonché acqua, anche se non fa certamente caldo! La prossima meta la Piana di Dahsur e la visita delle Piramidi di Snefru, la Piramide Romboidale con la sua facciata ancora ricoperta di lastre bianche e la meravigliosa Piramide Rossa... (entrare assolutamente..Ne vale la pena!) già qui cominciamo a essere un po’ fuori dai classici percorsi! Finalmente abbiamo il “permesso” di mangiare i nostri cestini da viaggio che ci seguivano fin dal mattino. Fame è dire poco...E i pomodorini e cetrioli sconditi...Sono buonissimi!!!! Ci aspetta un lungo viaggio per raggiungere El Minia, vediamo dal finestrino un Egitto sconosciuto, paesini modesti, mercatini locali, gente seduta per terra e piano piano cala la sera. Sfiniti arriviamo in albergo (??? )e affamati assaltiamo il buffet stranamente degno di nota. Sarà la fame?...No, il cibo è proprio buono

  • 269 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social