Return to Edinburgh

Immersi (di nuovo) nella magica atmosfera di Edimburgo, piccola città a misura d'uomo

  • di hummin
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Non mi capita spesso di tornare più volte nello stesso luogo, quando viaggio mi piace cambiare e conoscere sempre posti nuovi, ma come in tutte le cose esistono delle eccezioni.

Visitai per la prima volta Edimburgo 8 anni fa, uno dei miei primi viaggi, un viaggio tra amici che mi permise comunque di farmi un'idea e di farmi una promessa, vale a dire che un giorno sarei tornato per conoscere meglio la città. Edimburgo è una piccola città, visitabile tranquillamente in tre giorni, per usare un luogo comune la si può definire a misura d'uomo, soprattutto la parte più antica o Old Town come viene definita.

Il viaggio nasce un po' per caso, di fatto ci capitano due biglietti aerei ad ottimo prezzo e decidiamo di non lasciarci sfuggire l'occasione visto che normalmente la città scozzese è una meta piuttosto cara, per me poi è una doppia opportunità nel senso che potrò mostrare a mia moglie uno dei luoghi più affascinanti mai visti.

17 APRILE

Lasciamo l'Italia in un caldo martedì sera con partenza dall'aeroporto di Pisa, il viaggio dura circa due ore e mezza e per nostra fortuna si svolge senza intoppi o contrattempi. Faccio una doverosa premessa, dal punto di vista organizzativo tolto il volo e l'hotel, acquistiamo online i biglietti per il castello e Holyroodhouse, risparmiamo qualche euro e speriamo così di evitare delle noiose code alle biglietterie. A questo proposito mi permetto di consigliare il sito www.visitbritain.com, una fonte inesauribile di informazioni su tutto il mondo anglosassone, ci è stato molto utile per pianificare il viaggio.

Dall'aeroporto di Edimburgo raggiungiamo il nostro hotel con un taxi, vista l'ora è la soluzione migliore, un po' più costoso del bus ma sicuramente più rapido. L'hotel è l'Holiday Inn in Picardy Place, posizione molto centrale e struttura nuova, ottimo anche se in giro si può trovare qualcosa di più economico.

Come primo giorno non riusciamo a fare granché, è tardi e dopo aver provveduto alla cena non possiamo fare altro che riposarci in vista del giorno dopo. Una delle variabili più importanti a queste latitudini è il meteo, raramente capita di trovare intere giornate di bel tempo, l'imprevedibilità è una caratteristica riconosciuta di queste terre, il classico clima all'inglese come si suol dire, anche se l'orgoglio scozzese non accetterebbe volentieri la definizione.

18 APRILE

Ci svegliamo la mattina seguente e la prima lieta sorpresa è il meteo, cielo terso e sole splendente, un buon inizio anche se siamo consapevoli che qui può cambiare repentinamente. Dopo aver affrontato la difficile esperienza della colazione (molta gente affamata in spazi ridotti) siamo pronti ad uscire alla scoperta di Edimburgo.

C'è un vento freddo che sferza la città ma siamo adeguatamente coperti, come primo giorno cerchiamo di scoprire quello che il posto ha da offrirci senza troppi programmi o aspettative. In meno di dieci minuti si arriva al Royal Mile, di fatto il cuore pulsante della città, un chilometro e mezzo che collega il famoso castello alla residenza estiva della famiglia reale inglese. Lungo questa strada c'è praticamente tutto quello che vale la pena vedere ad Edimburgo, questo permette di fare le cose con calma unendo la voglia di scoprire con la visita di qualche negozio di souvenir. Abbiamo i biglietti per il Castello il giorno successivo quindi iniziamo dalla St. Giles Cathedral, proprio al centro del Royal Mile. È il principale luogo di culto della Chiesa di Scozia e del presbiterianesimo, la particolarità è che non ha un vescovo il che la rende una cattedrale atipica, è più una parrocchiale per la parte vecchia della città

  • 10528 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social