Dai vulcani dell'Ecuador al mare delle Galapagos

Dalle vette imbiancate ai fondali blu, dalle persone dagli animali, non manca proprio nulla

  • di Debora e Luca
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

GIOVEDì 9 GIUGNO

Ancora una volta l’idea di vedere un vulcano in attività ci attira e se questo può succedere in Sud America, terra che amiamo molto, la scelta è presto fatta. Si parte per Ecuador e Galapagos con Iberia via Madrid e Panama. Gli orari sono ok, il costo anche, salvo che c’era il sovrapprezzo per la scelta dei posti (a partire da 66 euro), che l’aereo non era dotato di video sui sedili e che a Madrid si sono persi una delle due valigie imbarcate, arrivata a Quito il giorno dopo alle 21.

VENERDì 10

Giornata dedicata alla visita della città, fatta con calma per acclimatarsi ai 2.850 metri di altitudine. Dall’hotel San Francisco de Quito si arriva in Plaza Grande in pochi minuti a piedi; alle 8:30 siamo già là. Sempre affollata di locali che occupano le panchine, più occidentalizzati di quelli visti nelle piazze delle città peruviane o boliviane. Nessuna donna con bombetta nera o gonna dai colori vivaci. Chissà se è segno del tempo o se questo Paese sudamericano è meno attaccato alle tradizioni. Le chiese aprono tutte dopo le nove, così come il Palazzo del Governo che domina la piazza in tutto il suo biancore. Da un lato si può vedere il Panecillo con la Madonna con le ali che veglia sulla città. Vogliamo fare le cose con calma quindi visitiamo solo la città vecchia con un salto al Mariscal (taxi 9$ a/r) per il Mercado Artisanal. Alla Dolceria in Plaza Grande troviamo un cameriere molto gentile che ci dà un assaggio di succhi dei diversi frutti ecuadoriani. Cena in uno dei tanti ristoranti della Ronda, dove il venerdì sera c’è musica dal vivo ovunque.

SABATO 11

Alle 8 si parte per il Parque del Condor, gestito da una fondazione olandese dedita al recupero di animali rapaci feriti, da riportare in libertà. 89 tra aquile, falchi, gufi e gli enormi condor andini. Alle 11:30 si assiste all’esibizione del volo degli uccelli con l’aquila Susanna che decide di non tornare dall’addestratore e lasciare tutti a bocca aperta. A Otavalo ci attende il mercato più famoso di tutta la nazione. Come tutti quelli sudamericani, lo troviamo colorato, chiassoso e “barattoso” perché il prezzo va sempre contrattato. Nonostante sulle guide si dica che quello del sabato è pieno di campesinos che vengono apposta per fare affari, non solo con i turisti, a noi è sembrato meno “vero” di quelli visti a Pisaq in Perù o a Tarabuco in Bolivia. Il mercato è presente sempre, distribuito nella grande piazza ed il sabato anche nelle vie laterali. Possiamo dire però che anche le sole bancarelle della piazza sono davvero tante. Verso le 16 ci spostiamo alle cascate di Peguche, poco lontane, per una passeggiata nella foresta, un ponte sospeso sul rio e una cascata carina da vedere. Ultima sosta in una casa dove si costruiscono e si suonano tipi di strumenti diversi. Purtroppo il capofamiglia è assente e la figlia cerca di sostituirlo nell’illustrazione e nei suoni ma con esito un po’… incerto. Rientriamo in hotel un po’ stanchi e, con enorme piacere, vediamo che c’è un ristorante interno “La Tulpa” dove mangiamo di gusto.

DOMENICA 12

A pochi km si va verso la Laguna di Cuicocha, un lago vulcanico sorto da un’eruzione a 3.069 metri. Al centro vi sono due isolotti, di forma conica, che ricordano il dorso di un porcellino d’india, da cui deriva il nome della località “Cuicocha”. La nostra idea era quella di fare il giro dell’isola, come scrive la Lonely in 3h ½, massimo 5. Poi, pensandoci bene, 14 km di saliscendi partendo da 3.100 metri in 4 ore non è fattibile… ha ragione la ns. guida Mario quando ci dice che ne servono 6/7. Desistiamo e optiamo per un semplice giro in barca con la classica gita domenicale in mezzo a tante famiglie ecuadoriane. La laguna è carina ma non entusiasmante; ci è piaciuta decisamente di più la parata dei cavalieri a Cotocachi a cui assistiamo per caso durante la festa annuale dei rancheros a cui segue rodeo pomeridiano. Questi sono i plus del viaggio!

Dopo due ore abbondanti di strada (tra km e traffico) arriviamo alla Mitad del Mundo; sarà pure “pacchiana attrazione per turisti” come la definisce la Lonely ma è comunque da vedere per la foto con un piede nell’emisfero nord, uno in quello sud e in mezzo la linea gialla dell’Equatore. La sfera che sovrasta il monumento riporta l’incisione dei Paesi della Terra con Ecuador in mezzo e Vulcano Cotopaxi. Ci perdiamo gironzolando con calma e arrivano le sei, il Museo Inti Rami è chiuso e così termina la giornata

  • 16690 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social