Ecuador: dalle Ande alle Galapagos!

Ho sempre concordato su alcuni tratti distintivi del tipico di maschio italiano: esemplare di uomo amante della pasta, destinato almeno una volta nella vita ad ingolfarsi di pizza fino a non poterne più ed incapace di trattenersi dal cantare il ...

  • di Francin
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Ho sempre concordato su alcuni tratti distintivi del tipico di maschio italiano: esemplare di uomo amante della pasta, destinato almeno una volta nella vita ad ingolfarsi di pizza fino a non poterne più ed incapace di trattenersi dal cantare il ritornello di ‘O sole mio” se solo ne sente fischiettare la melodia. Le mie perplessità riguardavano il proverbiale romanticismo e la passione per il mandolino...Su quest’ultimo ho ancora molti dubbi ma per quanto riguarda il romanticismo mi ci ha convinta Luca che mi ha portata fino alle Galapagos per parlarmi dei suoi desideri. Quanto ai miei l’essere in quel posto me ne faceva depennare dalla lista uno dei più grandi. Non avevo mai pensato di poterci andare davvero dato che ogni volta che leggevo le proposte di viaggio mi veniva da contare gli zero due volte per essere sicura di aver guardato bene. In realtà sono bastate due guide (quella della Routard e quella della Lonely Planet), una connessione ad Internet e qualche mese per mettere da parte 2500 euro a testa per ritrovarci catapultati a Quito, in Ecuador.

14 agosto 2009

Il nostro viaggio è iniziato da qui, aprendo gli occhi sorprendendoci di essere così arzilli alle 6 di mattina ora locale (le 13 ora italiana). Abbiamo passato la giornata a visitare Quito iniziando dalla parte vecchia che ho trovato essere la più bella non solo dal punto di vista architettonico, ma anche per la sua autenticità delineata da susseguirsi di negozi di festoni per gli eventi importanti e di calzolai che esponevano suole di ogni tipo. Un po’ ci è dispiaciuto di aver delle scarpe da trekking pressochè nuove con suole intatte e che non potevano essere lucidate dai numerosi lustrascarpe che si incontrano in Plaza De La Independencia, il punto centrale della Quito coloniale. Abbiamo passeggiato nella zona moderna al pomeriggio per le vie nei dintorni della piazzetta che si trova nel punto di incontro tra via Mariscal Foch e Reina Victoria. Qui ci sono i locali più trendy della città ed i giovani di Quito, l’aspetto ed il sapore europeggiante del luogo tra maxi schermi e Mojto si mescolano con i venditori di sigarette latino-americani da cui si può comprare anche solo una sigaretta!

15 agosto 2009

Ho iniziato la giornata ancora un po’ ammaccatta dai 2800 metri di altitudine a cui si trova Quito , ai quali io personalmente dovevo il malore della sera prima a cena e Luca doveva il bis di sopa per essersi mangiato anche la mia. Questa infatti è la seconda capitale più alta del mondo dopo La Paz in Bolivia. Abbiamo approfittato del mattino, in cui ci hanno detto che il cielo è solitamente più limpido, per prendere il nuovissimo TeleferiQo che fiancheggiando il vulcano Pichincha porta fino a 4100 metri per godere di una vista mozzafiato...Davvero in tutti i sensi! A me è piaciuto molto un piccolo poster che assicura “ora sei molto più vicino al cielo”. Dopo pranzo abbiamo preso un pullman e ci siamo spinti fino alla Mitad del Mundo dove passa la linea delle equatore e rapiti dall’emozione si finisce con il fare con gran soddisfazione una bella foto in perfetto stile chich internazionale piazzando un piede nell’emisfero sud ed uno in quello nord! I turisti più incalliti e navigati possono provare a farsi immortalare fingendo di tenere la palla del monumento tra le mani, ma non pensate sia un gioco da ragazzi, abbiamo visto dei giapponesi cercare la posizione per decine di minuti...Non so se mi spiego!

Abbiamo trascorso la serata all’Hostal Auberge Inn un posto semplice ma molto carino, un po’ albergo e un po’ ostello, al cui interno c’è anche un agenzia di viaggi e un ristorantino dove ho mangiato il riso alle verdure migliore di tutta la vacanza

  • 5627 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social