Dublino Vs Londra

Capitali (e non solo) a confronto: monumenti e quartieri delle città e la bellissima campagna irlandese

  • di BarbaraCera
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

DUBLINO E LONDRA: CAPITALI A CONFRONTO

Partecipanti:

- La sottoscritta BARBARA, 49 anni

- La mia carissima amica MIRYAM, 49 anni

- Le nostre figlie ANNA e MIRIAM, 16 anni ciascuna

1° giorno – domenica 14 giugno: Dublino

Eccoci qui per il nostro annuale viaggio al femminile: come sempre, siamo estremamente elettrizzate, in particolare perché godremo del piacere della reciproca compagnia ! :-) Voliamo con Ryan Air da Bergamo, da dove decolliamo alle 10:10, per arrivare a Dublino alle 11:45 ora locale (un’ora indietro rispetto alla nostra). A Dublino (a differenza di Londra) utilizziamo gli euro, visto che l’Irlanda è nell’eurozona. In poco più di 20 minuti un comodo autobus ci porta in centro città. La prima impressione generale che proviamo tutte e quattro è quella della povertà : la si vede nella semplicità dell’architettura ma anche nella scarsa qualità degli abiti indossati dagli abitanti e nel nutrito numero di barboni che affollano ogni angolo di strada. Il meteo è freschino, con un’aria frizzante che invoglia a camminare e a … provare a sudare ! :-) Ci colpisce anche l’ utilizzo della lingua gaelica, che affianca il nome inglese di ogni singola via. L’autobus ci scarica a THE SPIRE, la scultura più alta del mondo, in O’Connell Street. E’ una curiosa torre in acciaio alta 120 metri, creata allo scopo di espandere la luce : devo dire che mi ha piacevolmente colpita ! :-) In O’Connell Street però non mancate altre due chicche : la simpatica scultura dedicata a James Joyce e soprattutto l’elegantissimo edificio in stile georgiano delle Poste Centrali, secondo me semplicemente …. b-e-l-l-i-s-s-i-m-o. O’ Connell Street è l’arteria principale di Dublino, nonché una delle strade cittadine più ampie d’Europa.

Il pomeriggio percorriamo le vie dello shopping, quasi tutte pedonali, scoprendo che l’Irlanda è piuttosto economica, specie per quanto riguarda l’abbigliamento dedicato alle ragazzine. Il nostro ostello è centrale, a poche centinaia di metri da O’ Connell Street : si tratta dell’Abrahams Hostel, al civico 83 di Lower Gardiner street. Il prezzo include una lauta colazione ed il posto è estremamente pulito, per cui provvederemo a cucinarci personalmente tutte le nostre cene. Siamo in una camerata da 12 persone e l’unica pecca è la montagna di scale che ci dividono dal piano terra.

2° giorno – lunedì 15 giugno: Dublino

Oggi c’è il sole e fa caldo. Decidiamo quindi di percorrere almeno una parte di Dublino a piedi, per goderci il sole e … una certa atmosfera di pace e di serenità che aleggia nell’aria. Dublino – costruita sulle due sponde del fiume Liffey - è una città costellata di ponti ed oggi ne percorreremo parecchi ! :-) La nostra prima meta è costituita dalla zona portuale DOCKLANDS, davvero bella, riqualificata e molto ospitale. In zona, da vedere c’è sicuramente il famosissimo U2 GRAFFITI WALL, di fronte ai vecchi studios della band: i Windmill Lane Studios. Non c’è più traccia della vecchia casa discografica, mentre il muro di graffiti è rimasto intatto, sia in memoria degli U2 che per la gioia dei turisti

  • 5037 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. dietcong
    , 20/11/2016 18:31
    Barboni, effettivamente, ce ne sono un pochi come in tutte le grandi città. Per quanto riguarda l'architettura ed il vestire è semplicemente che sono persone che badano al sodo, dei vestiti alla moda se ne fregano ed non giudicano la gente in base all'abbigliamento. Le donne, inoltre, sono colpevoli di non spendere patrimoni in parrucchiere perchè pioggia e vento renderebbero tutto inutile.

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social