Pasqua a Dublino

Quando morirò, Dublino sarà scritta nel mio cuore

  • di MartiCavi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Fino a 500 euro
 

3 Aprile

Inizia il nostro viaggio. Partenza da Milano Linate, con volo Aer Lingus. Al nostro arrivo, ad accoglierci, vento gelido e nubi minacciose. Tuttavia, impareremo nel nostro, seppur breve viaggio, che il cielo d'Irlanda è davvero perennemente in mutamento. Infatti, dopo una sosta rapida ed indolore al nostro albergo (Ballsbridge Hotel), ci dirigiamo verso O'Connel street e il sole inizia a fare Capolino tra le nuvole. Qui, a dominare la zona è The Spire, una controversa opera rappresentante un gigantesco ago.. dopo tutto ognuno ha i suoi gusti. Percorrendo la via si arriva fino ad O'Connel Bridge e vediamo per la prima volta il fiume Liffey. Il clima è piacevole, passeggiamo per il lungofiume fino al caratteristico Ha'Penny Bridge. Sulla riva opposta del fiume, si aprono le porte di Temple Bar, il quartiere più vivace di Dublino, meta gettonata per i suoi numerosissimi pub. A questo punto, rientriamo verso casa perché oggi è Holy Friday (il Venerdì Santo), molti pub sono chiusi in quanto è proibito servire alcolici e decidiamo di cenare al pub del nostro albergo, al posto di vagare senza speranza alla ricerca di un posto aperto.

4 Aprile

La giornata inizia presto. Ci dirigiamo subito verso la Guinness Storehouse che, in quanto leggermente distante dal centro, richiede un po' più di tempo per essere raggiunta. Consiglio di prenotare i biglietti per la visita online, si ha diritto ad un 10% di sconto, il biglietto non deve essere utilizzato in una data precisa ma ha una durata di alcuni mesi e soprattutto si salta una lunga fila, in quanto questa è una delle attrattive principali di Dublino. All'ingresso vengono fornite gratuitamente audioguide per accompagnare la visita. La struttura si compone di 7 piani, ognuno dei quali dedicato alla diverse fasi che compongono il processo di formazione della cosidetta "Black Stuff". Essendo un luogo di interesse particolarmente gettonato, godersi l'esperienza diventa un po' complicato, ma nel complesso è stato interessante. La parte migliore è ovviamente l'arrivo all'ultimo piano, dove ha sede il Gravity Bar: la si ha una vista magnifica sulla città di Dublino e la possibilità di assaggiare finalmente una bella pinta di Guinness, compresa nel prezzo del biglietto. Noi abbiamo approfittato dell'ora per mangiare qualcosa in uno dei diversi punti di ristoro della struttura. Noi abbiamo optato per il Brewer's Dining Hall e ovviamente non potevamo non assaggiare lo stufato di manzo alla Guinness e la mouse di cioccolato e Guinness. Ottima scelta.

Dopo pranzo ci dirigiamo a piedi verso la Dublino più antica. Qui troviamo Christ Church Cathedral, St. Audeon's Church e soprattutto, St. Patrick's Cathedral. Quest'ultima è immersa in un verde parco, dove è piacevole trascorrere un po' di tempo ad ammirare l'imponenza della cattedrale dedicata al patrono irlandese. Riprendiamo il nostro itinerario verso il Dublin Castle, ma decidiamo di non entrare e preferiamo fermarci invece un po' di tempo al Trinity College. Il tempo a nostra disposizione è poco e non riusciamo a partecipare ad uno dei tour guidati verso la Old Library e il Book of Kells (sarà per la prossima volta). Ci accontentiamo di passeggiare per il College Green e respirare la cultura che ci circonda.

Sosta allo Starbucks lì vicino per riprendere fiato e poi riprendiamo verso Grafton Street, passiamo davanti alla statua di Molly Malone e ci concediamo un momento di shopping folle, per poi approdare finalmente a St. Stephen's Green. Il sole è caldo, centinaia di dublinesi e di turisti si sono riversati qui,i colori sono indescrivibili, si respirano pace e tranquillità.. tutto questo fa sì che il parco venga eletto come mio posto preferito della città. Per cena, ci dirigiamo di nuovo verso Grafton Street e in una via laterale troviamo per caso il Dakota Bar. Atmosfera tranquilla, si cena, si bevono birra o cocktail, si fanno due chiacchere, insomma ci si rilassa. Il pollo al curry e mango ci conquista, tant'è che torneremo anche la sera seguente. A questo punto, giusto il tempo di scattare qualche foto al tramonto ed è arrivato il tempo di tornare in albergo perché la stanchezza si fa sentire

  • 7830 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social