Pasqua a Disneyland Paris

Tornare bambini alla scoperta del parco di divertimenti Disney sempre unico ed inimitabile, dove i più piccoli rimangono amaliati dai loro personaggi preferiti e i grandi rivivono la loro infanzia!

  • di cristinasole
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2+1
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 
Annunci Google

Ciao a tutti, quest’anno per Pasqua abbiamo deciso di concederci una mini vacanza e di accontentare il nostro bimbo di quasi 4 anni, portandolo a Disneyland Paris. Abbiamo prenotato verso febbraio con Alpitour perché aveva una buona promozione. Una notte era gratuita per tutti e il bimbo completamente gratis. Abbiamo volato con Air France da Venezia su Parigi e soggiornato all’hotel Sequoia Lodge all’interno del parco. Noi genitori eravamo già stati alcune volte e, dopo aver visitato quello di Orlando (USA) dobbiamo dire che sapevamo già muoverci bene e poi…tornare bambini è sempre divertente ed entusiasmante. Per questo motivo abbiamo deciso di dedicarci 3 giorni interi ai parchi, scartando la visita di Parigi che abbiamo già visto più volte. Siamo partiti da Venezia venerdì 6 aprile verso mezzogiorno e, dopo un’oretta e mezza di volo, siamo atterrati a C. De Gaulle, abbiamo preso la Rer, il treno veloce, per Marne La Vallèe spendendo circa 15 euro a testa. Tornando indietro vi segnalo le navette della Vea che per circa 19 euro a tratta vi portano direttamente in hotel. La metro in realtà è più scomoda, bisogna cambiare a Parigi Chatelet Les Halles e aspettare il treno giusto, per cui richiede quasi più tempo in proporzione… Noi l’avevamo scelta perché il bambino non pagava ma al ritorno abbiamo cmq optato per la navetta anche se lui ha pagato circa 13 euro. Arrivati alla stazione abbiamo trovato una navetta che fa il giro di tutti gli hotel Disney ed è gratuita che ci ha portato davanti al nostro hotel con valigie e passeggino. L’hotel Sequoia è costruito sullo stile dei parchi naturali americani. Ha una zona centrale comune con un grande caminetto, bar e ristoranti e negozi e poi varie dependance arredate in stile montano dove cip e ciop e bambi la fanno da padrone! È un hotel semplice e sicuramente da rimodernare, soprattutto le camere. I vari blocchi sono collegati da porticati in modo da non bagnarsi se piove e sono tutti comunicanti con il blocco della piscina-sauna. Molto scomodo però, vista anche la stagione, lo spostarsi in piscina passando dall’esterno, bisogna sempre vestirsi sempre di tutto punto per poi rispogliarsi…soprattutto i bimbi. Assegnataci la camera, facciamo subito un tuffo in piscina, carina e con gli scivoli interni per i bimbi. Gli armadietti richiedono una moneta da 1 euro a cauzione per chiudersi. Si entra con la tessera pass che ci accompagna per tutta la vacanza. Per la cena ci spostiamo al Disney Village, zona di passaggio obbligato per entrare in entrambi i parchi e popolata da personaggi, ristoranti, bar e negozi stile disney. Altro consiglio a questo punto! …prenotate assolutamente i ristoranti per la cena! Venerdi’ sera ci siamo ridotti a cenare Mc Donald’s perché era pieno ovunque. Il giorno dopo abbiamo prenotato tutte le cene dalla reception del nostro hotel.

Sabato ci siamo dedicati al primo parco, Disneyland vero e proprio. I nostri pass comprendevano già i tickets d’ingresso per 4 giorni con l’ingresso anticipato. Il parco apre alle 10 ma chi soggiorna in hotel alle 8. All’ingresso del parco c’è una targa “Here you leave today and enter the world of yesterday, Tomorrow and fantasy”…sempre magica! Ci siamo lanciati alla scoperta di Main street, Fantasyland e del resto del parco con le varie attrazioni. Sempre fantastico il magico castello e i punti foto coi personaggi che fanno impazzire i piccoli. La magia che si respira qui resta unica ed inimitabile. I più piccoli non possono perdersi Toontown e la casa di topolino, mentre attrazioni imperdibili per tutta la famiglia sono quelle dei pirati dei caraibi e indiana jones. Non mancano rollercoaster e le meravigliose disneyparade che si susseguono durante la giornata ad orari prestabiliti. Devo dire che anche se con varie file e molte persone ovunque siamo riusciti a fare quasi tutto in un giorno. Abbiamo però scartato tutte le montagne russe per cui aggiungendo quelle sicuramente 2 giorni sono d’obbligo! Fantastici come sempre i fastpass, servizio gratuito di prenotazione code…arrivi all’ora segnata sul pass e fai molta meno fila! Abbiamo pranzato sempre all’interno dei parchi, dove è vietato il pranzo al sacco!! Sappiatelo! Altra nota dolente… i prezzi! Mangiare e soprattutto bere è davvero carissimo. Tenete conto che loro propongono sempre menu fissi bambini e adulti, anche un trancio di pizza, bibita e frutta o dolce sta sui 15 euro a testa…acqua a 4 euro la bottiglietta… Il nostro conto è salito soprattutto per pranzi e cene! Le cene le abbiamo prenotate nell’ordine alla Steackhouse del village, al caffe’ mickey per cenare coi personaggi disney e beaver creek del nostro hotel. Abbiamo sempre mangiato bene cercando di essere un po’ “salutari” visto i pranzi veloci a base di panini… spendendo in 3 con un menù bambini in media 60-70 euro a cena. I pacchetti mezza pensione che loro propongono e che molti fanno sono però limitativi, intanto perché le bevande sono sempre escluse e poi per la scarsa varietà di scelta dei ristoranti. Per cui in base alla nostra esperienza, è stato meglio gestirci senza buoni pasto disney. Il giorno ci siamo dedicati agli Studios, molto belle le scenografie. Qui come consiglio sicuramente c’è da pianificare la visita. Il parco si basa soprattutto su spettacoli a tema, che sono meravigliosi… mio figlio canta ancora la sigla di Animagique da quanto gli è piaciuto ballare e cantare con Balù, topolino e paperino! Poi ci sono i personaggi dei cartoni… toy story in testa ma anche i personaggi del disney channel: manny, gli einsteins, l’agente oso e chi più ne ha più ne metta! Bellissimo e assolutamente da fare nonostante la coda…i roller coaster di nemo…veloci ma stupenda la ricostruzione della barriera corallina!

Terzo giorno alla riscoperta delle attrazioni già fatte e che hanno fatto sognare il nostro bimbo… in testa Buzz Lightyear fatto circa 10 volte… sta ancora sparando con la pistola! È giunta l’ora di tornare alla realtà. Purtroppo il volo ci attende e rientriamo a casa molto soddisfatti della vacanza a misura di bambino! Lo riproporremo sicuramente magari con un tempo più mite… abbiamo davvero patito il freddo... e in un periodo meno affollato, le file sono veramente ovunque, dalla colazione al bagno alle attrazioni… e per un bimbo la pazienza è d’oro!

Annunci Google
  • 2959 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social