Dancalia

un viaggio incredibile in un posto che più magico non si può, un'avventura nel vero senso della parola

  • di canapino
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 5
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Finalmente la Dancalia! Dopo tre anni ce l'abbiamo fatta!prima c'erano i problemi familiari, poi il costo proibitivo .A novembre abbiamo trovato un tour operetor a Addis Abeba e, presi tutti i contatti siamo partiti il 26 dicembre alle 0,40 - io mio figlio Lorenzo , mio marito Massimo e due nostri amici. Arrivati a Addis Abeba abbiamo trovato una guida che vive a 30 km da Firenze , praticamente compaesani, 3 autisti per i fuori strada e 2 cuochi.

Bati (si scrive così?) è la prima tappa : un mercato enorme con miriadi di persone che vendono e comprano cibo,pentole,cocci ,palme intrecciate ,dromedari e asini. Un mercato vero. Dormiamo al l'Hotel Rasha Amare ad Asayta che è l'antica capitale del sultanato. Dormiamo,si fa per dire , stiamo a guardare le stelle dalle nostre zanzariere poste a mo' di baldacchino sui nostri letti che sono dislocati su una terrazza che si affaccia a strapiombo sul fiume Awash. Una emozione incredibile sotto una cappa di stelle.

Poi via verso il nulla! strada facendo incontriamo gli afar, popolazione gentile ma soprattutto bellissima, e la nostra guida ne assume una per accompagnarci durante il nostro viaggio. A dire la verità questo afar non era poi così bello anzi un po' bruttino. Facciamo un mega rifornimento di benzina e via verso il lago Afrera. Arriviamo nel tardo pomeriggio quando i posti disponibili per capeggiare sono già alla fine, comunque ci sistemiamo e in questa ridicola Rimini facciamo il bagno in una delle calde pozze di acqua dolce. Bèh ,se non altro ci siamo lavati . Ci alziamo la mattina e meraviglia! sono tutti partiti, ci possiamo godere questo stupendo lago salato e ripensare all' emozione che deve aver avuto Giulietti quando ci è arrivato. Il caldo è insopportabile. Prendiamo i permessi e via verso le pendici dell'Erta Ale.

Dopo 3/4 ore di faticoso cammino, in buona parte al buio, e quando la notte è senza luna vi assicuro che fa molto buio ,siamo arrivati sulla vetta del vulcano. Ah delusione tremenda ci hanno spostato il vulcano! E' successo che verso i primi di dicembre, per la gioia dei vulcanologi, la grande bocca si è chiusa e se ne è aperta una più distante , PER NOI COMUNI MORTALI INACCESSIBILE. Ci mettiamo l'animo in pace e approfittiamo del panorama meraviglioso che è guardare la lava che zampilla in rivoli, nugoli di fumo e odore di zolfo. Siamo comunque felici. All'alba dobbiamo ripartire altrimenti il caldo ci ucciderà.

Partiamo per Amhed Ela e lì facciamo il campo (soffia un vento incredibilmente polveroso e per me che porto le lenti a contatto è una vera sofferenza). Questo e l’ultimo giorno dell’anno più incredibile che ho mai trascorso. Il cenone è consistito in pasta , frutta in scatola ,un panettone e una bottiglia di Ferrari che ci eravamo portati de Firenze. Al mattino, sempre all'alba, con due soldati come accompagnatori e un'altra guida del posto andiamo finalmente al tanto sognato Dallol

Il tanto sognato Dallol ( il luogo degli spiriti) in realtà è un sogno ad occhi aperti. Non riusciamo a capire se siamo scesi da un'astronave o da un mondo di magie. Migliaia di colori della tonalità del giallo ci sovrastano gli occhi, i piedi, le mani , da tutte le parti questo paesaggio stupefacente ci riempie di gioia. Tutta la fatica durata ,tutto il vento e la sabbia scompaiono di fronte a questa straordinaria meraviglia della natura. Tutto il mondo è qui.

Grandi faraglioni di pietra cristallina si alzano a occidente, il bello è doverci camminare sopra, ci ricordano i castelli di sabbia fatti da bambini al mare, con la differenza che questa è pura lava cioè tagliente in maniera incredibile. A oriente la piana del sale. I salares della Bolivia al contrario! Fa un caldo infernale, la piana è piena d’acqua, il sole acceca, ma i rombi di sale sono identici. In fondo l’Assa Ale un faraglione di roccia rossastra in mezzo a questo nulla

  • 10756 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social