Cuba, que la bailar la salsa

Cari amici, non sono qui a raccontarvi del classico viaggio fatto a Cuba in villaggio dove tutto è bello, ma un viaggio nelle "case particular" e nelle strade di l'Havana dove si vede e si vive la vera Cuba fatta ...

  • di Giorgio Colipari
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Cari amici, non sono qui a raccontarvi del classico viaggio fatto a Cuba in villaggio dove tutto è bello, ma un viaggio nelle "case particular" e nelle strade di l'Havana dove si vede e si vive la vera Cuba fatta di molte difficoltà e sopravvivenza quotidiana ma anche di gente onesta.

Partiamo in due da Roma con volo diretto della compagnia Blu Panorama di cui tralascio i commenti che non sono certamente positivi e che vi sconsiglio di prendere anche per fare 100 km... Arrivati a l'havana si è notato subito la differenza di temperatura che era eccellente: 32 gradi! Subito in aeroporto capiamo che il nostro soggiorno a Cuba sarebbe stato ricco di gente che ti propone le più svariate cose: infatti da li parte "l'assalto cubano"...

Così, appena giunti a casa da Vivian e Jorge, due persone ONESTISSIME, come mai le ho trovate nel soggiorno cubano, riceviamo le prime raccomandazioni sulla gente, i luoghi, la prostituzione... Ci mettiamo subito a caccia e andiamo verso lhavana Vieja, zona storica della città dove si concentrano le cose da visitare: la cattedrale, il museo della revolucion, il malecon, ecc durante la camminata continua "l'assalto" dei cubani che propongono sigari, case particular, taxi, ecc Decidiamo quindio il giorno seguente di cambiare abbigliamento e indossiamo delle magliette con il logo della Svezia. Ma tutto ciò non rende "l'assalto" invano e questa volta da parte degli... Svedesi! nei giorni successivi visita alla città di Cienfuegos ove "l'assalto" è qui ancora più duro... Ritornati a l'havana decidiamo di passare i restanti giorni al mare e con il taxi ci spostiamo verso santa Maria del Mar. Lungo la strada si possono vedere le campagne promosse dal Lider Maximo a difesa della "libertà" del proprio stato dal probabile attacco americano con cartelloni presenti ogni 2 km. In autostrada poi la gente chiede i passaggi, ma tutto ciò è possibile dal fatto che la gente non corre in auto data la presenza masssiccia della Polizia e dal fatto che le loro automobili sono quelle che si vedono in Tv degli anni 50. Belle si da vedere ma che inquinano e danno degli odori incredibili...L e discoteche non sono ben fornite, ci si dovrebbe andare per conoscere qualche bella ragazza ma alla fine se uno va con loro non è certamente per il proprio fascino...

In definitiva: non so se la mia vacanza a Cuba sia stato un sogno o un incubo, fatto sta che durante il mio soggiorno ho visto gente che ti faceva un sorriso ma nei loro occhi potevo notare la tristezza e la rassegnazione di vivere in queste condizioni. Poi per i giovani non vedo speranze se non quelle di andarsene da li...

  • 669 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social