Tour di Cuba

Alla scoperta delle città del nord e del centro, poi relax finale a Cayo Santa Maria

  • di alpetruz
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

Il 21 gennaio abbiamo fatto il tour di Havana in auto d'epoca dalle 9 del mattino alle 17, comprato dall'Italia sul sito Travelnetcuba. L'autista parlava solo cubano, ma c'era anche la guida, Nilo, un signore che parlava un buon italiano e che ci ha spiegato tante cose, rivelandosi un'ottima guida, tant'è che pensavamo di dargli una bella mancetta alla fine, solo che poi anche lui è caduto nel tipico costume locale della commissione.

A Cuba tutti avranno un ristorante buonissimo da proporti, oltre ai sigari migliori, al rum migliore, ecc.. Ovviamente tutti hanno un ritorno economico, cioè prendono una commissione. La nostra guida ci ha messo in guardia su questo, salvo poi fare la stessa cosa. Ci ha portato in un negozio di sigari e rum dicendoci che per i sigari era il posto migliore con i prezzi migliori, e facendoci gustare il rum Legendario (si trova solo a Cuba) dicendoci che era l'unico posto che lo vendeva. Il rum lo abbiamo trovato anche in altri negozi, e gli stessi sigari comprati lì li abbiamo trovati ovunque a prezzi anche migliori. Ma la cosa peggiore è stato il ristorante dove ci ha portati, La Casa, nel quartiere Vedado, ristorante davvero pessimo nel quale abbiamo pagato 23 CUC incluso servizio, una cifra che non abbiamo pagato in nessun altro locale, nemmeno in due ristoranti ottimi di cui poi parlerò.

Morale della favola: per sigari e rum qualunque negozio va bene, evitate solo chi vi propone qualcosa per strada, magari accennando alla mitica cooperativa :-)

Il 22 gennaio abbiamo girato random, poichè il giorno prima avevamo visto quasi tutto, quindi ci siamo dedicati a qualche altro posticino e ai souvenir.

Per i ristoranti affidatevi a tripadvisor, i migliori che vi propone non vi deluderanno.

VINALES: 2 NOTTI, DAL 23/01 AL 25/01

Per raggiungere Vinales e le successive città abbiamo prenotato un tassista privato sul sito Amorcuba senza pagare alcun anticipo, poiché si paga tutto direttamente a lui sul posto. L’autista si chiama Raul, un ragazzo simpatico di 32 anni, che conosce stradi e posti (ma noi sapevamo già cosa vedere), mentre come consigli sulle case non ci ha soddisfatti, quelli che conosceva dove ci ha portati nei giorni successivi li abbiamo sempre scartati, trovando sempre qualcosa di meglio. Comunque, il 23 mattina partenza prevista alle 9, alle 8.40 era già fuori ad aspettarci, abbiamo caricato i bagagli e siamo partiti imboccando il Malecon. In viaggio verso Vinales sull’autostrada si scopriranno tante cose strane, non ve le svelo.

A Vinales avevamo prenotato una casa tramite il sito casasdecuba, casa Tatica di Gilberto e Dairenis. È una casa ottima, sono due persone simpaticissime, se trovate posto andate lì, e cenate anche da loro, cucinano benissimo. Colazione ottima e abbondante, pranzi e cene a 10 CUC. Noi abbiamo potuto cenare solo il secondo giorno, un’aragosta a testa accompagnata da tante altre cose. Il primo giorno abbiamo cenato al ristorante El Olivo che aveva delle buone recensioni su Tripadvisor e, infatti, non ci ha deluso.

Il primo giorno a Vinales abbiamo visto la Cueva del Indio (5 CUC) e fatto il giro a cavallo tra mogotes e piantagioni di tabacco, 5 CUC all’ora. Ci vogliono almeno 2 ore. I sigari del campesino sono buoni, 3 CUC a sigaro, ma a Trinidad nel ristorante vicino alla torre della Manaca Iznaga troverete un simpatico vecchietto che li fa al momento e li vende a poco più di 1 CUC.

Se poi volete solo Cohiba, Montecristo, Partagas e Romeo y Julieta per fare dei regali, allora qualunque negozio andrà bene

  • 24861 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social