A Cuba prima che sia troppo tardi

Un tour da Vinales a Santiago, prima che l'apertura alla democrazia modifichi irreversibilmente il paese

  • di puremorning1999
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Alcune indicazioni generali prima di passare al racconto delle singole giornate:

1. In termini di sicurezza, Cuba ci è sembrato uno stato assolutamente sicuro. Abbiamo comunque evitato i quartieri periferici di Santiago e dell’Avana e non siamo andati in giro di notte. 2. Il periodo da noi scelto è stato tutto sommato buono. Abbiamo avuto quasi sempre il sole ed i tre momenti di pioggia sono stati molto rapidi, anche se intensi. Ha fatto caldo ed è stato anche umido, ma sempre nei limiti del tollerabile, niente di paragonabile, ad esempio, alla Cina nello stesso periodo.

3. Prezzi: chi visita Cuba sa bene che c’è una doppia economia, con due prezzi e due monete. In generale, non si tratta di una destinazione costosa, ma alcuni servizi per turisti (ad es.: taxi, escursioni) non sono proprio economici. Qui di seguito alcuni esempi di prezzi:

- acqua 1,5 l.: 0,70/0,80 CUC (in negozio cubano non per turisti);

- tessera Wi-fi 1 ora: 2 CUC (utilizzabile solo in apposite aree);

- cena in casa particular: 10/15 CUC;

- prezzo medio casa particular: 25/30 CUC;

- prezzo colazione in casa particular: 5 CUC.

Cambio medio: 1€=1,075 CUC.

4. Per i trasporti ci siamo serviti di aereo, taxi e autobus Viazul. Il nostro volo (andata: Milano-Francoforte-Toronto-L’Avana con Lufthansa/Air Canada Rouge; ritorno: stessi scali con Air Canada Rouge/Air Canada/Lufthansa; € 1050 a testa) è stato buono nella tratta Lufthansa (Milano-Toronto), mentre la tratta finale con Air Canada Rouge ha lasciato molto a desiderare quanto a gentilezza degli assistenti e qualità dei servizi a bordo. E’ di fatto una linea aerea low cost non dichiarata con costi da linea tradizionale: non è stato bello scoprirlo durante il viaggio, che tra l’altro aveva una durata di oltre 3 ore. Al ritorno abbiamo volato ancora Air Canada Rouge ed Air Canada; l’esperienza con quest’ultima è stata buona e paragonabile a quella con Lufthansa. A Cuba abbiamo preso molti taxi, anche tra una città e l’altra, con prezzi non proprio bassi e poco negoziabili. Un paio di volte abbiamo utilizzato la Viazul, prenotata dall’Italia con largo anticipo, con la quale abbiamo avuto due esperienze del tutto differenti tra di loro.

5. I cubani al volante sono bravissimi: guidano davvero bene e comunque molto meglio degli italiani. Il traffico è sempre scarso, sia nelle città che in autostrada; l'unico problema è che a volte sulle strade interprovinciali e addirittura anche in città, le auto vanno molto lentamente a causa dei numerosi carretti a cavallo, che per molti cubani sono un mezzo ordinario di trasporto.

6. Comunicazioni: se non volete utilizzare il roaming, comprate una tessera Wi-fi locale, tenendo però presente che Il Wi-fi è quasi inesistente ed è possibile utilizzarlo con scheda locale solo in apposte aree, come ad esempio alcune piazze cittadine. Lo capirete voi stessi quando vedrete decine di locali smanettare simultaneamente sui propri smartphones. Noi non abbiamo acquistato una SIM locale perché ci è stata gentilmente data in prestito da un locale, ma è certo che le comunicazioni via cellulare non sono economiche - il prezzo dovrebbe essere di circa 0,50 CUC a minuto

  • 34532 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social