Viva la revolucion

Cuba: viaggio on the road con autista

  • di alisa75
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Ciao. sono stata a Cuba dal 16 al 29 aprile 2015 con due miei amici Claudia e Salvatore.

Habana, Vinales, Cienfuegos, Trinidad, Remedios (cayo Brujas), Varadero, Habana.

So per certo che il vostro cruccio e': selfdrive o autista? Noi abbiamo contattato Rene e Lizzy: alaide@infomed.sld.cu. Scrivete a loro, saranno i vostri angeli custodi e troveranno per voi l'autista/guida/amico/animatore/consigliere. Con 100cuc al giorno (vitto, alloggio, benzina, parcheggio, pedaggi inclusi) si prenderà cura di voi e vivrete con un cubano preparatissimo la vostra vacanza senza preoccuparvi di nulla se non di godervi il paesaggio.

17-18 Aprile Habana

Stiamo al Vedado da Glenis Maria Rodriguez Castillo, interlocutrice colta e disponibile. Le pareti del suo salotto liberty sono tappezzate di foto di Fidel che appunta spille onorifiche al marito, qua e là teche con cimeli militari, libri storici, bottiglie di Havana Club e un enorme frigorifero americano carico di bibite. Le sedie a dondolo sono un must nelle case particular, così come soprammobili di ogni genere poggiati su centrini di pizzo. Ai cubani piacciono le foto, anche la famiglia più' modesta ha foto dei figli immortalati nel giorno del 16esimo compleanno vestiti a festa in pose molto kitsch!

Il primo giorno giriamo a piedi camminando tanto anche per le strade del Vedado caratterizzato da ville coloniali sgarrupate e alberi centenari dai tronchi possenti e le fronde pesanti. Visitiamo l'Hotel Nacional e passeggiamo lungo il Malecon per poi infiltrarci in centro Habana e Habana vecchia. C'e' tanta gente per le vie cubani e turisti, bancarelle, venditori di frutta, patatine, libri, musicisti. Veniamo travolti dagli artisti di strada sui trampoli in abiti carnevaleschi, non ci capacitiamo di come possano resistere con questo caldo, Salvatore ha il cranio fucsia, rimediamo con un bel panama che manco i narcotrafficanti colombiani si sognano. Ci infiliamo nella casa del tabacco e ci lasciamo sedurre dal fresco dell'aria condizionata e dalla nebbia dei sigari. Saliamo alla camera oscura, esperienza interessante e bella vista dalla terrazza. Poi pausa mojito alla bodeguida del medio e dopo pranzo con il battello attraversiamo il porto naturale e scarpiniamo fino alla collina del Cristo. Ceniamo vicino a casa poi nanna che il fuso orario vuole ancora da dire la sua.

Il secondo giorno noleggiamo un taxi (25cuc dalle 8 alle 13) per raggiungere la casa di Hemingwey un pò fuori dalla città. Lungo il tragitto foriamo una gomma e mentre noi scattiamo foto a raffica e respiriamo il fumo nero degli scarichi delle auto, il nostro tassista risolve il problema con l'aiuto dei passanti. Tornando all' Habana fermiamo il taxi in Plaza della Revolucion per le foto di rito e ripartiamo per un giro in auto per il centro raggiungendo il Capitolio e Plaza Central con la statua del mio eroe preferito: Josè Martì. Infine scendiamo per andare in un ristorantino in prossimità di un mercato per rientrare poi a casa a piedi. Dopo la siesta ripartiamo girando intorno al'Università passando per callejon de Hamel, un vicolo invaso di sculture e murales di stile afro-cubana. Esploriamo androni di palazzi fatiscenti, curiosiamo dalle finestre delle case; fotografiamo ragazzi che giocano a calcio per le vie e spiamo l'esito delle partite di domino improvvisate per strada. Le donne lavorano all'uncinetto sedute sull'uscio di casa circondate da bimbi mocciolosi. Arrotini, maniscalchi, estetiste, coppie di ubriachi che litigano si avvicendano sul nostro cammino

  • 19724 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social