I diari del Coche

Ciao a tutti, inizio col dire che abbiamo affrontato questo viaggio in due, io (Salvatore) e mia moglie, Silvia. Abbiamo scelto cuba principalmente per due ragioni: L'imminente dipartita di Fidel, che porterà l'isola, almeno secondo noi, ad un cambiamento radicale ...

  • di fero
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
 

Ciao a tutti, inizio col dire che abbiamo affrontato questo viaggio in due, io (Salvatore) e mia moglie, Silvia.

Abbiamo scelto cuba principalmente per due ragioni: L'imminente dipartita di Fidel, che porterà l'isola, almeno secondo noi, ad un cambiamento radicale nei prossimi anni. Non sappiamo se questo la renderà migliore o peggiore, ma siamo certi che la trasformerà, privandola di quell' autenticità e di quel sapore agrodolce che la caratterizza, che la rende unica al mondo (speriamo di sbagliarci).

Seconda ragione, la gente.

I cubani, come popolo, valgono un viaggio del genere, sono persone umili, schiette, socievoli e comunicative, possiedono poco o nulla eppure nei loro occhi abbiamo visto una fierezza ed una dignità davvero invidiabili. Come ormai è nostra consuetudine, si prenota solo il volo ed il primo albergo all' Habana, poi sarà Cuba a decidere per noi.

Per darvi un'idea del nostro "modus viaggiandi" faccio alcune precisazioni: Io sono un tipo abbastanza spartano, mi butto sempre nelle avventure più strampalate, non amo le comodità e cerco sempre di mescolarmi con la vita locale, non gradisco i classici posti da turista.

Silvia è più cauta, apprezza le piccole comodità ed è una maniaca della pulizia, in più le piacciono alcune cose "tipiche" del turista (vedi bancarelle e affini) e ama il mare.

Quindi il nostro viaggio è stato un mescolarsi di questi due, inconciliabili, modi di viverlo.

A cose fatte, siamo rimasti soddisfatti entrambi.

14 Giugno: Roma - Madrid - La Habana Partenza il 14 Giugno, purtroppo il volo fa 6 ore di ritardo (azz!!!!) e ci ritroviamo all' Habana alle 4.00 del mattino anzichè alle 21.00, serata per il centro città persa e incazzature varie.

Arriviamo nell' Isla, il cambio all'aeroporto è un vero e proprio salasso: 20% di commissioni (in tutta cuba invece stanno all'11%) ci avranno fregato? non sò, ricordo solo che l'addetta al cambio DORMIVA, non nel senso che era lenta, dormiva letteralmente sul banco da lavoro prima che arrivassimo noi a svegliarla!! La propensione al lavoro dei cubani è prossima allo zero, è una cosa che li caratterizza, una filosofia di vita, e noi ci adeguiamo senza prendercela troppo.

Il tassista ci porta all'hotel Raquel (bellissimo a mio dire, per Silvia la stanza non era all'altezza del resto dell'albergo) ci chiede 25 CUC e cerca subito di fare il furbo dicendomi che non ha il resto di trenta...Lo squadro e lo invito a controllare meglio (cacchio vengo da Roma, a certi giochetti sono abituato) niente, ‘sti 5 CUC di resto non ci sono, allora gli dico che li ho io e, quando faccio per darglieli, MAGICAMENTE nel suo portafogli appaiono...Uno a zero per noi, ma i cubani avranno modo di rifarsi.

Veniamo mollati in una vietta buia, deserta, con le valigie e la cartina in mano e non abbiamo idea di dove sia l'albergo perchè si trova in una strada pedonale, quindi il taxi non può raggiungerlo (in realtà l'hotel è ad un metro da noi ma non lo vediamo, sarà la stanchezza??) Ad un tratto arriva a farci compagnia un cagnolino spelacchiato, secco e zoppo ad un piede, che si gratta insistentemente per non sò quale parassita...Sarà la nostra scorta per i vicoli dell' Habana veja.

Dopo qualche metro alla ricerca dell'Hotel ci avvicina una cubana di ritorno da non sappiamo dove (immaginiamo un bordello) poiché quello che indossa lascia davvero poco all'immaginazione! Anche lei è mezza sciancata, saranno forse i tacchi da 10cm sui ciottoli della strada? E' comunque gentilissima e ci porta fin dentro l'albergo senza chiederci nulla

  • 2227 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social