Terzera vez en Cuba, consigli per la prima volta

Scrivo il resoconto del mio terzo viaggio a Cuba, pur viaggiando solo, conoscendo qualche meccanismo ho deciso di darmi all’avventura, ma non scadenzata da un calendario, ma vivendo alla giornata. Per chi è già stato a Cuba, alcuni punti saranno ...

  • di conkyincuba
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: da solo
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Scrivo il resoconto del mio terzo viaggio a Cuba, pur viaggiando solo, conoscendo qualche meccanismo ho deciso di darmi all’avventura, ma non scadenzata da un calendario, ma vivendo alla giornata. Per chi è già stato a Cuba, alcuni punti saranno piuttosto banali, cerco di essere d’aiuto per chi va a Cuba la prima volta, anche quest’anno mi sono imbattuto in turisti italiani in difficoltà o mal informarti, in particolare sotto l’aspetto monetario. Già da Aprile 2007 pensavo al mio terzo viaggio a Cuba da effettuare in Novembre con una permanenza di almeno 20 giorni. Intrattenendo nel frattempo una corrispondenza saltuaria via e-mail con Cuba, mi sono deciso di studiare spagnolo un paio d’ore al giorno, per assaporare maggiormente l’ospitalità dei cubani, per essere più rispettato, per rispettare la loro cultura, per rimanere meno incastrato dai procacciatori d’affari, (junenteros). Essendo motivato dopo un paio di mesi sapevo destreggiarmi abbastanza bene con lo spagnolo. Sei settimane prima prenoto il volo aereo charter direttissimo per Holguin, città nell’oriente di Cuba. Prenoto la casa particolar che conoscevo già dall’anno prima ma, con l’idea però di avere la valigia pronta per godermi il resto di Cuba. Nel frattempo guardo qualche DVD in spagnolo e consulto a raffica tutti i forum su Cuba e l’immancabile guida Loney Planet. Lo spagnolo non è indispensabile, con l’italiano in qualche maniera si riesce comunque a capirsi, per chi vuole girare in maniera indipendente ed alloggiare in case particolar, sapere lo spagnolo è come avere 2 marce in più...

Come da programma sono arrivato all'aeroporto di Milano Malpensa il 27 Ottobre 2007 per prendere l'agognato aereo Livston per Holguin. Deposito l’auto in un parcheggio convenzionato con comodo sevizio navetta, avendo prenotato una ventina di giorni prima. Comincia un’attesa di due ore davanti al ceck-in, qui in fila ci sono molti classici turisti da villaggio, attacco bottone e scopro come al solito che le agenzie viaggi danno ancora indicazioni sbagliate. Dicono ancora di andare a Cuba con i dollari statunitensi e con le carte di credito, è dal 2004 che i dollari statunitensi a Cuba vengono tassati del 20%, le carte di credito vengono accettate solo se non sono statunitensi, comunque quest’ultime vengono tassate ugualmente del 20% poiché fanno riferimento alla valuta statunitense. Il sistema “mas barato” (più economico), è quello di partire con tanti Euro, comunque chi andrà in un villaggio all inclusive non avrà necessità di avere molto denaro. Arrivato il mio turno al ceck-in non riescono a trovarmi nelle liste informatiche. Dopo un pò il responsabile della compagnia mi invita a recarmi al banco dei tour operator, qui una signorina mi domanda se so di essere stato messo in lista di attesa. Naturalmente casco dalle nuvole, faccio per chiamare la mia agenzia, ma mi dicono che è meglio che attenda, poco dopo salta fuori una e-mail interna del tour operator, (purtroppo non si può nominare), è scritto che il giorno prima al posto del mio nominativo hanno messo un'altra persona. Insomma mi dicono di aspettare che terminano le operazioni di ceck-in, mi fanno capire che forse non riuscirò prendere quel aereo, mi incoraggiano dicendomi che dopo un'ora sarebbe partito un aereo per l'havana...Dopo un'attesa poco piacevole di un'ora e mezza al banco dei tour operator, mi dicono che è rimasto un posto per me. Inizio favoloso...

In aereo trovo il posto assegnato d'ufficio nella corsia centrale, con a fianco un bresciano veterano di viaggi a Santiago, il viaggio nonostante la cronica lunghezza, passa abbastanza spedito. Da Settembre 2007 con le nuove regole doganali, in aereo viene distribuita una scheda della dogana cubana in lingua inglese. In pratica bisogna dichiarare se ci sono eccedenze di peso, se si importano apparecchiature elettroniche, ect..

  • 1846 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social