TuttaCuba

Dopo aver usufruito degli itinerari di "Turisti per Caso" tante volte, mi pare giusto raccontarvi il mio viaggio, un pò per essere utile e un pò per ricordare le fantastiche vacanze ormai concluse. Destinazione: Cuba! Partecipanti: 8, quattro coppie di ...

  • di cheneso
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Dopo aver usufruito degli itinerari di "Turisti per Caso" tante volte, mi pare giusto raccontarvi il mio viaggio, un pò per essere utile e un pò per ricordare le fantastiche vacanze ormai concluse.

Destinazione: Cuba! Partecipanti: 8, quattro coppie di amici. Idea di base: vedere tutta l'isola nel modo più "genuino" possibile e poi rilassarsi al mare...

Abbiamo noleggiato un mini bus per girare da soli l'isola e prenotato dall'Italia i pernottamenti, anche perchè in otto persone era difficile immaginare di improvvisare sul posto.

Siamo partiti il 2 agosto da Zurigo e all'arrivo abbiamo avuto subito un piacevole inconveniente: il nostro mini bus era rotto e per farsi perdonare l'agenzia ci ha procurato un potente mezzo da 12 persone con autista e benzina pagati per tutto il viaggio... Così il mitico Nivaldo, cubano verace, è diventato il nono compagno di viaggio. E' stata una vera fortuna perchè le strade di Cuba sono davvero imprevedibili e le indicazioni inesistenti, perciò avere una persona del posto è stato molto utile per arrangiarsi le numerose volte in cui ci siamo persi in mezzo ai campi di canna da zucchero o nelle tortuose periferie...

Il nostro tour è partito con tre giorni a L'Havana nelle case particular: volevamo vivere da vicino l'atmosfera Habanera e ci siamo riusciti. La padrona di casa era gentilissima, la camera grande e con l'aria condizionata, l'arredamento decisamente "interessante", il bagno funzionava (il che non è affatto scontato a Cuba) ed era abbastanza pulito. Nel complesso è stata una buona sistemazione, anche meglio di alcuni hotel tre stelle in cui siamo finiti nelle notti successive! A L'Havana abbiamo avuto la fortuna di assistere alle sfilate del carnevale (divertente anche se dopo una certa ora gli animi si scaldano) e abbiamo capito che con i cubani l'unico atteggiamento che funziona è la flemma e il sorriso. Loro sono abituati a fare con calma, alle attese: passano ore al bordo della strada aspettando un passaggio, non sanno cosa sia la fretta. Perciò qualunque cosa succeda voi sorridete e fate i vaghi, non arrabbiatevi, non innervositevi perchè con loro proprio non funziona... Vi dico solo che la risposta più comune alle nostre domande era "Posible!": nè sì, nè no, però possibile! La città mi è piaciuta molto per la sua aria decadente e per l'atmosfera allegra e malinconica allo stesso tempo. Non ci siamo fatti mancare nulla, siamo stati in tutti i posti "raccomandati": boteguita del medio, la casa del tabacco, il floridita, fortaleza, il tropicana (un pò caro ma merita, avevamo un buon tavolo e le bottiglie di rum hanno tenuto alto il morale della serata), le mangiate di aragosta (i prezzi sono un pò più alti di quello che si dice in giro, almeno 20 CUC, ma è davvero squisita)... Il quarto giorno siamo partiti per il tour che ci ha portato in giro per quasi 3000 chilometri! Le tappe più o meno sono state Cienfuegos, Santa Clara, Camaguey, Covarrubias, Santiago, Trinidad e molti altri posti sconosciuti in cui abbiamo fatto tappa per rifocillarci e fare gasolina. Le cose che più mi ricordo di quei giorni sono - la vegetazione spettacolare, non pensavo che il verde potesse declinarsi in tante sfumature - le persone che si spostavano con qualunque mezzo di trasporto inventato dall'uomo, dal carretto alla bicicletta al camion - il succo della canna da zucchero spremuto al momento e la frutta buonissima comprata al bordo della strada (alla faccia di qualunque precauzione igienica...) - la miseria di molti paesini ma anche il sorriso e la gentilezza delle persone - la musica, sempre e dovunque Spostandosi verso Santiago ci sono pochissimi turisti, perciò il livello degli alberghi diminuisce molto: tre stelle non garantiscono pulizia, ci siamo adattati visto che alla fine trascorrevamo in camera solo la notte, dedicando tutto il resto del tempo ai dintorni. E' stato molto faticoso fare tutti questi chilometri ma ne è valsa la pena per esplorare tutta l'isola e sperimentarne l'atmosfera più autentica

  • 107 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social