Cuba: un viaggio nel tempo

CUBA, CONSIGLI DI VIAGGIO 26/03/2007-04/04/2007 Prima della partenza: Prenotato volo Air France Venezia – Parigi – l’Habana: puntuale ma molto scomodo. Si sta stretti come su un qualunque Roma-Milano. Non si dorme, ma in compenso si mangia. Prenotato hotel a ...

  • di paolocrimson
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

CUBA, CONSIGLI DI VIAGGIO 26/03/2007-04/04/2007 Prima della partenza: Prenotato volo Air France Venezia – Parigi – l’Habana: puntuale ma molto scomodo. Si sta stretti come su un qualunque Roma-Milano. Non si dorme, ma in compenso si mangia.

Prenotato hotel a L’Habana Vieja tramite www.Lovelycuba.Com, un bel sito di un’agenzia con sede sia a Milano che a l’Habana (Edificio Bacardi, fateci un salto se avete qualche problema: Marco è molto disponibile). Contiene molte informazioni per affrontare nella maniera migliore la scoperta di Cuba. Vi consigliamo di acquistare sul sito anche la cartina stradale dell’isola, in scala 1:250.000, introvabile sia a Cuba che in Italia. Noi non l’abbiamo fatto e ce ne siamo pentiti, visto che a Cuba non esistono cartelli stradali... L’albergo è l’Hostal Convento Santa Brigida: 104 euro per notte la doppia incluso il “desayuno” (colazione). Si trova proprio accanto alla Placa Vieja, nel cuore del centro storico. Inaugurato alla presenza di Fidel pochi anni fa è interamente in stile coloniale con dei bei cortili pieni di belle piante; molto silenzioso (ci sono le suore, anche quelle di clausura!), pulito, letti comodi, bagno nettamente sopra la media cubana. Lo rimpiangerete quando andrete nelle “casas particulares”! La doccia fatela la sera altrimenti rischiate di trovare l’acqua fredda e non preoccupatevi se verso le sei di mattina sentirete in lontananza echeggiare dei cantici gregoriani: sono le suore che iniziano i loro esercizi spirituali! Automobile: noleggiata in anticipo (è meglio: potreste rimanere senza se aspettate di essere sul posto) e sempre tramite “lovelycuba”, classica auto “classe economica”. La compagnia di noleggio è la CubaCar, comodissima perché a due passi dal nostro albergo, al Terminal de Cruzero, proprio sulla bella Placa de San Francisco de Asis. Una Hyunday Atos che si è rivelata affidabile almeno per quanto riguarda motore, comodità, aria condizionata e bagagliaio (ci sono entrati entrambi i nostri borsoni, più altre quisquilie), ma meno per le ruote. Infatti è quasi matematico che bucherete, almeno una volta, sulle strade cubane; quindi accertatevi, al momento del ritiro, che la ruota di scorta non solo ci sia, ma che non sia già bucata! (Mannaggia a loro!). “Comprata” la mitica “tarjeta turistica” (visto) al consolato cubano di Roma (20 euro a testa), ma lo forniscono anche le agenzie turistiche e le compagnie aeree. Al limite c’è sempre la possibilità di compilarla e comprarla appena scesi dall’aereo, prima del passaggio in dogana.

Acquistate le guide “Lonley Planet” e “National Geographic” e stampate da internet indirizzi di “casas particulares”.

Bagaglio: abbiamo diviso le nostre cose in due borsoni morbidi (meglio: le valigie rigide rischiano di non entrare nel bagagliaio della macchina), così se una delle due valigie non fosse arrivata a destinazione avremmo comunque avuto tutti e due qualche vestito. Inoltre un ricambio l’abbiamo messo nel bagaglio a mano. A Cuba sono difficili da trovare le medicine, gli assorbenti e i prodotti da toilette in genere (oppure sono scadenti). A questo proposito segnaliamo a Santiago una farmacia internazionale all’interno della Clinica Internazionale in zona Vista Alegre. Portate anche qualche maglietta, sapone, penne, caramelle, palle da tennis (o similari, i bambini usano i tappi per giocare a baseball: il massimo sarebbe dei guantoni!): soprattutto a Trinidad e a Santiago verrete assaliti da donne e bambini che chiedono un po’ di tutto

  • 1807 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social