In viaggio per cuba

Avendo a disposizione solo due settimane a cuba, mi sono subito dovuto rivedere l’itinerario che avevo inizialmente programmato. Avevo infatti pensato di affittare una macchina e visitare tutta l’isola; ho invece viaggiato con mezzi pubblici e solamente nel nord, due ...

  • di oliviero
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Avendo a disposizione solo due settimane a cuba, mi sono subito dovuto rivedere l’itinerario che avevo inizialmente programmato. Avevo infatti pensato di affittare una macchina e visitare tutta l’isola; ho invece viaggiato con mezzi pubblici e solamente nel nord, due settimane sono decisamente poche per andare de Havana a Santiago...Pazienza il sud dovrò vederlo la prossima volta.

Alcuni piccoli consigli che possono tornare utili: •Casa particular: decisamente la forma migliore di alloggio, il budget è tra i 20 e di 30 cuc a stanza a notte, con un extra si può avere anche la colazione e la cena. A meno che non siate all’havana, non è necessario prenotare in anticipo: ce ne sono tante ed andandoci personalmente si potrà scegliere quella che si preferisce e trattare un po’ anche sul prezzo. Andare solamente in quelle ufficiali che mostrano un simbolo bianco sulla porta d’ingresso! •I bus Viazul sono comodi e permettono di viaggiare in tutta l’isola. Anche viaggiare in taxi non è assolutamente una cattiva idea. Si può tranquillamente prendere un taxi “colectivo” dividendo il prezzo con altri turisti ed alla fine si paga solamente un paio di cuc in più di un taxi.

•Durante il vostro soggiorno ci saranno mille persone che vi si accosteranno per scambiare alcune parole ed alla fine cercheranno di vendervi sigari o portarvi in qualche ristorante...Seppur seccatori, vale anche la pena ogni tanto fermarsi a parlare, potrebbe darvi l’opportunità di scoprire qualcosa che la maggior parte dei turisti ignora e di fare amicizia...Io sono stato addirittura invitato a cena a casa con tutta la famiglia di uno di loro! •Cibo: anche se abbastanza ripetitivo (tutti i pasti sono composti di riso, fagioli, banane fritte, insalata ed una scelta tra maiale, pollo, pesce ed aragosta), tutto sommato è ok. Con 7/8 cuc si cena tranquillamente nelle case particolar.

Ecco il viaggio in maggiori particolari: Volo su L’Havana e dall’aeroporto transfer in taxi per l’Havana central; non pagate più di 20 cuc per il viaggio! Al primo impatto, sarà forse stata la stanchezza del viaggio ma rimango un po’ perplesso...C’è molta confusione e le prime persone che ci fermano non sono poi così simpatiche...Fa niente avrò tempo per ricredermi! I luoghi da visitare sono quasi tappe obbligate: Museo della Rivoluzione, Parque Central, Plaza de la Revolucion, Campidoglio ed ovviamente Havana Vieja sono posti visti su mille libri e sembra quasi strano trovarcisi di persona adesso! Passeremo il primo e gli ultimi due giorni del viaggio a spasso per le vie dell’Havana, tra un mojito, la fabbrica di sigari ed una passeggiata sul malecon.

La prossima tappa del viaggio è Santa Clara, circa 5 ore di bus dall’Havana. La città in se per se non offe molto, anzi...C’è una piazza ed un viale con un paio di bar e niente più. Per quale motivo allora si viene qui?? Santa Clara fu liberata durante la rivoluzione dal Che ed è qui che c’è la sua tomba ed il suo mausoleo. Dal palco con la sua statua gli altoparlanti diffondono un discorso di Fidel in sua memoria ed il tutto è molto suggestivo. Vale assolutamente la pena vdi aver passato quelle 5 ore in pulmann ed inoltre, strano a dirsi, a Santa Clara abbiamo mangiato la migliore aragosta in tutta Cuba! Il ristorante è l’Hostal Florida dove affittano anche un paio di stanze per la notte e per 10 cuc ci hanno servito due enormi aragoste a testa! Da Santa Clara, in circa 3 ore, ci si sposta a Trinidad. Non abbiamo un posto dove dormire ma non appena si arriva alla stazione del bus di Trinidad c’è una folla che aspetta il nostro arrivo per affittarci una stanza. Tirando sul prezzo riusciamo a pagare solo 15 cuc a notte! Trinidad è esattamente come ci si può immaginare una classica città coloniale: case colorate color pastello, 1000 botteghe che vendono artigianato locale. Di sera la vita si svolge dietro la piazza principale, di fronte alla casa della musica. Ogni sera ci sono un paio di gruppi musicali che suonano, un paio di bar e tutti quanti, turisti e persone del posto, si ritrovano qui, per un drink e quattro salti. Ci sono diversi altri bar dove fare amicizia anche con altri turisti e non sarà difficile tirare fino a tardi la notte. Decidiamo di passare quattro giorni a Trinidad anche perché a soli venti minuti c’è Playa Ancon, la spiaggia più bella della costa sud. C’è il bus che da di fronte alla Casa dell’Havano ti porta fino in spiaggia per 1 cuc e la spiaggia è come quelle delle cartoline, con palme e sabbia bianca

  • 165 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social