Su e giù col coche per la Isla Granda

Questa nostra prima esperienza a Cuba non è stata una semplice vacanza, è stata un viaggio, anzi IL VIAGGIO. L'obiettivo era quello di girare tutta la Isla granda con l'auto (il coche).... E ci siamo riusciti!! Partiti da Torino con ...

  • di kilweb_ale
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Questa nostra prima esperienza a Cuba non è stata una semplice vacanza, è stata un viaggio, anzi IL VIAGGIO. L'obiettivo era quello di girare tutta la Isla granda con l'auto (il coche)... E ci siamo riusciti!! Partiti da Torino con l'amico Gianluca l'impatto col mini aereo dell'AirNostrum (Iberia) che ci ha portati a Madrid è stato assolutamente straordinario... Trattamento da Business, poltrone stracomode e volo piacevole. Altrettanto non possiamo dire delle 9 ore passate sull'AirBus Iberia che ci ha condotti a Cuba... Poltrone scomode, cibo scadente, intrattenimento solo in spagnolo ed inglese... Alle 23.00 ora cubana, dopo un completo controllo ai bagagli siamo finalmente riusciti ad uscire dall'aereoporto ed inalare l'aroma (??) dell'Havana. Incredibile, all'inizio la sensazione è indescrivibile... Le narici e la gola in pochi secondi iniziano a pungerti e l'odore di smog sembra irrespirabile... Ma ci si abituerà in fretta...

Prima notte nella capitale trascorsa sul Malecon (lo splendido e decadente lungomare dell'Havana), l'Hotel è il Deauville, camere semplici ma pulite: consigliamo VIVAMENTE la prenotazione online (il costo della camera è dimezzato).

GIORNO 1: Havana Dall'hotel ci incamminiamo verso l'Havana Vieja... Giriamo per le strade del centro storico (le uniche davvero ben conservate di tutta la città), visitiamo la chiesa di S.Francesco, il museo del Ron (comprate solo il rum e lasciate perdere i sigari se non volete venir spennati) seguiamo per un po' una guida turistica che stava conducendo degli italiani nei locali più commerciali della zona e poi, ci inbattiamo (o sarebbe meglio dire che lui si imbatte in noi) in un ragazzo cubano che inizia a parlarci in italiano e ci invita a bere qualcosa con lui. Ovviamente gli si offre da bere e lui in cambio ci 'organizza' la serata: cena in una posada e discoteca fino al mattino... Rientriamo così in albergo e incontriamo 2 ragazzi toscani conosciuti il giorno prima in aereo: decidiamo di formare un gruppo per proseguire assieme il nostro viaggio. La cena nella posada non è stata delle migliori (ovviamente abbiamo dovuto offrire cena all'amico cubano)... La serata in discoteca neppure, considerando che l'amico cubano (Luis) ha pensato bene di invitare altri suoi amici a bere qualcosa al nostro tavolo... Tanto pagavano i polli italiani.

La nottata comunque prende una piega migliore quando si rientra in hotel e si resta sul Malecon fino all'alba a cantare ed ascoltare musica con 2 fanciulle inglesi ed un gruppo di cubani improvvisatisi musicisti... GIORNO 2: Havana --> Pinar del Rio Con non poche difficoltà riusciamo a 'rentar el coche': una splendida Toyota Yaris berlina di colore bianco, che diventerà la nostra migliore amica per i prossimi giorni (consiglio: controllate sempre la presenza e lo stato della ruota di scorta e del crik. Controllate anche l'orientamento dei fari). Un ultimo giretto a piedi per la città, pranzo con le ragazze inglesi (che ci regalano un cd di ManuChao che diventerà la nostra colonna sonora) e finalmente... SI PARTEEEEEEE Uscire dall'Havana e raggiungere l'autostrada è un impresa davvero complicata, il traffico è caotico, i cartelli inesistenti le informazione fornite dai pedoni sempre diverse... Comunque dopo circa un'oretta di tribolazioni raggiungiamo l'autopista: ovvero un'enorme strada asfaltata con 3 corsie per senso di marcia, senza segnaletica nè orizzontale nè verticale, con qualche buca di troppo e tanta, tanta, tanta gente che la percorre tranquillamente a piedi, in bici o a cavallo... Di giorno come di notte

  • 551 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social