Primera vez a Cuba

La decisione di visitare Cuba è inaspettata ed improvvisa, come se la Isla Grande ci avesse chiamato, tentandoci con la trasparenza del mare, le città d’altri tempi, la dolcezza dei frutti tropicali e, soprattutto, il calore e la simpatia degli ...

  • di TuristiFaiDaTe
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

La decisione di visitare Cuba è inaspettata ed improvvisa, come se la Isla Grande ci avesse chiamato, tentandoci con la trasparenza del mare, le città d’altri tempi, la dolcezza dei frutti tropicali e, soprattutto, il calore e la simpatia degli splendidi abitanti.

Siamo partiti per due settimane con l’intenzione di fare il giro completo, nonostante il pronostico di tutti (cubani compresi) che non ci saremmo riusciti. Ma noi sapevamo che avremmo visitato tutta l’isola avendo tempo anche di goderci il suo grande tesoro: il mare.

Dal fascino de La Habana alla poesia di Santiago de Cuba, dalle foreste di Baracoa allo splendore di Trinidad, dalla verdeggiante valle di Viñales alla sabbia bianchissima di Cayo Guillelmo, Cuba è stata per noi una incredibile sorpresa.

Abbiamo cercato di vivere il più possibile il contatto con la gente, che è davvero socievole e disponibile, cercando in ogni modo di integrarci al meglio, mangiando insieme a loro, dando passaggi alle persone in auto (qui l’autostop è il metodo di trasferimento più diffuso), chiacchierando con la gente seduta al parco o incrociata per le vie.

Parlando con i Cubani abbiamo conosciuto molti aspetti di questo paese, povero ma senz’altro pieno di vitalità e di allegria. La vita lì è difficile, non ci sono le comodità che noi spesso diamo per scontate, quasi nessuno possiede una automobile e gli spostamenti avvengono con i mezzi più disparati: carrozze con cavalli, camiones, e autostop. Aspettano anche per diverse ore in piedi sotto al sole un passaggio per andare al lavoro, all’università o a casa, con una incredibile pazienza, come se non avessero orari e il tempo non fosse importante.

Purtroppo neanche questo paese di gente generosa è immune al fenomeno delle truffe e degli speculatori che vedono nel turista una buona fonte per arrotondare il misero stipendio che guadagnano. Gli jineteros sono ovunque e ti avvicinano con fare amichevole. Spesso, per destare meno sospetti sono addirittura con la fidanzata, a passeggio e fingono di incontrarti per caso ed “aiutarti” solo per farti un favore. Vogliono accompagnarti in alloggi o ristoranti che conoscono garantendoti le migliori condizioni solo per prendere una provvigione sul conto, che naturalmente a te risulterà più alto, cercano di venderti sigari a buon prezzo che però potrebbero essere fatti di foglie di banana, oppure di cambiarti il denaro per evitarti il disturbo di andare a cercare una “cadeca” aperta, spacciandoti dei pesos cubani (la moneta nazionale) per pesos convertibili (che valgono 25 volte di più). Quindi bisogna stare attenti a chi ti chiede l’ora solo per attaccare bottone, perché i cubani sono socievoli e parlano volentieri, ma difficilmente iniziano loro per primi.

Noi abbiamo sempre alloggiato nelle cases particulares, ovvero case private in cui ti affittano una stanza con bagno tipo i nostri B&B. Si trovano facilmente perché hanno affisso fuori dalla porta il simbolo triangolare azzurro con scritto Arrendador divisa (quelli rossi sono solo per i cubani), basta suonare e chiedere se hanno una stanza disponibile. Il prezzo medio per una notte si aggira intorno ai 15-20 CUC, più 1-2 CUC per il parcheggio o se non c’è per il miradores che veglierà sulla tua auto per tutta la notte ( o almeno così dicono). In queste case si può anche cenare e fare colazione, esperienza da fare per assaporare i sapori della cucina cubana e per integrarsi un po’ con la famiglia. La cena costa mediamente 7-8 CUC e la colazione 3-4, indimenticabili sono i succhi di frutta tropicale fatti da loro e il platano fritto

  • 217 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social