Cuba: case particolar per sentirsi a casa

Agosto 2005, 3 settimane a Cuba col mio ragazzo…l’abbiamo girata quasi tutta e trovo doveroso riportare gli indirizzi di tutte le persone che ci hanno ospitato, perché ci siamo trovati benissimo e vorrei che tanti ripetessero la nostra esperienza, perché ...

  • di paoletta
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Agosto 2005, 3 settimane a Cuba col mio ragazzo...L’abbiamo girata quasi tutta e trovo doveroso riportare gli indirizzi di tutte le persone che ci hanno ospitato, perché ci siamo trovati benissimo e vorrei che tanti ripetessero la nostra esperienza, perché è stata umanamente ricchissima, e anche per aiutare loro a guadagnare il meritato compenso.

Una premessa: a Cuba una delle poche iniziative imprenditoriali private ammesse è il turismo, vale a dire mettere a disposizione parte della propria casa per ospitare turisti. Per avere il permesso di fare questo, e contribuire al bilancio mediamente risicatissimo della famiglia media cubana, i Cubani pagano tasse altissime, sono controllatissimi...Viene da sé che se si vuol conoscere davvero Cuba, avere la possibilità di parlare davvero con la gente, conviene dormire a casa loro, nelle “case particolar”. E poi così contribuite a fargli guadagnare qualcosa...

All’inizio sei un turista e basta, e se a Cuba vi sembrano tutti tanto affabili, generalmente è per sperare di tirar fuori qualche soldo in più (un vostro euro è pari allo stipendio mensile di un professionista). Anche perché il loro vero parere sul sistema in cui vivono difficilmente lo raccontano ad un estraneo.

Ma se vivi con loro, dopo i primi convenevoli, se passi le serate con loro a cena, o a giocare a domino, o quando fai colazione ti troverai a migliorare nettamente il tuo spagnolo e ad ascoltare storie di vita di un mondo che si fa fatica a capire davvero, ti troverai a ridimensionare la nostra realtà, e comunque a stringere legami indelebili.

Bando alla ciance, ecco il doveroso tributo a chi ci ha accolto a braccia aperte: Siamo stati all’Havana solo 3 giorni, ed è la parte più turistica dell’isola, quella dove sei un soldo che cammina, anche un po’ pericolosa (ebbene sì, all’Havana ho incontrato turisti rapinati, non è più un paradiso!!!!) perché a mano a mano che arrivano i turisti lo storico candore a cui credono tutti gli stupidi che vanno a Cuba solo per sesso si è un po’ perso, ed i Cubani si sono scafati...Per cui solo all’Habana consiglio: dormite in un Hotel della Habana Vieja, godetevi la città che per il resto è abbastanza disastrata, fate un po’ i turisti e poi via verso il paese vero.

Cienfuegos: 3 ore e mezza di macchina sull’Autopista Nacional la strada migliore di Cuba, 6 corsie ma piena di buche, asini e persone che ci passeggiano in mezzo...NON VIAGGIATE DI NOTTE non perché potrebbero accrastarvi, ma perché non si vede niente e le buche sono davvero pericolose.

Cienfuegos è una città di mare, la parte più bella è PUNTA GORDA, una striscia di terra protesa nel mare quindi le case particolar lì hanno sul mare sia la porta d’ingresso che il giardino sul retro! Abbiamo dormito a Punta Gorda – Calle 35 n° 52 fra Ave 0 e Litoral, a casa di “Napoli”, un signore 80enne (con moglie, figli e nipoti) che ci ha insegnato a giocare a domino e ci ha raccontato di quando ha fatto la guerra con Cienfuegos. La famiglia è giovane, moderna, affettuosa. E la stanza costa dai 20 ai 25 euro. Tel. 0432-513196 Nella stessa strada ci sono tante altre case particular di ottimo livello...Ma chiedete di Napoli. E’ una scelta di cuore. E ditegli che vi mandano i due napoletani che giocano a domino.

Da lì scoprirete come visitare Caleta Buena (mare stupendo), Playa Giron (Baia dei porci), visiterete il Nicho (cascate con laghetti di montagna)...E arriverete a Trinidad.

Trinidad è una tappa da non perdere a Cuba: città patrimonio mondiale dell’umanità per l’Unesco, è l’ideale per godere la musica, il mare, le serate...Quasi una Formentera Cubana. Attorno c’è la Valle de los Ingenios (anch’essa patrimonio mondiale dell’umanità) , punteggiata di zuccherifici, ideale per andare a cavallo fino alla cascata “El Cubano”...Chiamata così perché scoperta da un cubano...Che noi conosciamo!! Si tratta di Rodolfo, il marito di Teresita, che ci ha ospitato nella sua stupenda casa coloniale: tante camere affacciate su un patio pieno di sedie a dondolo. Teresita cucina benissimo, Rodolfo ha accompagnato mezzo mondo a cavallo

  • 1336 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social