La mia prima cuba

Da anni aspettavo di arrivare prorpio quì: l'ho sentita raccontare tante volte e spesso forse nel modo sbagliato, di sole e spiagge e mitiche ragazze, insomma una meta un po' scontata e banale vista così. Ma io sono una persona ...

  • di clarari
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: da solo
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Da anni aspettavo di arrivare prorpio quì: l'ho sentita raccontare tante volte e spesso forse nel modo sbagliato, di sole e spiagge e mitiche ragazze, insomma una meta un po' scontata e banale vista così.

Ma io sono una persona cocciuta e cerco sempre di ficcare il naso in un posto e scoprire anche nel nulla qualcosa di speciale...Sono convinta che gli occhi lo possano scovare, se vogliono andare oltre le apparenze.

Sono arrivata a Holguin con un tempo infernale, pioggia a dirotto..Insomma ho incontrato subito Alberto, la prima tormenta tropicale del 2006, poi alla fine, per farla breve, solo una grande acqua per 3 giorni. Non mi voglio soffermare sul mio soggiorno a Guardalavaca, ci stavo per lavoro e così ho dovuto sorbirmi alberghi mastodontici e per niente conformi alla mia indole che ricerca la tranquillità ed il raccoglimento; non mi voglio nemmeno soffermare sulle grandi mete come Santiago, Habana, Trinidad, bellissime, coloniali e decantate da tutti.

Io voglio raccontarvi la mia giornata a Pinar del Rio, perchè è stata davvero unica ed emozionante:ho noleggiato un taxi tutto per me, dotato di bellissimi sedili ricoperti da pelle di vacca e ovvimante accessoriato da radio non proprio ultimo modello ma efficentissima! Il mio percorso per arrivare a meta è durato circa 4 ore, durante le quali ho chiacchierato con Fernando, il quale tra una sigarettina e l'altra, mi ha raccontato tantissime cose interessanti di questo posto unico al mondo, per la sua cultura, la sua estrema povertà poco raccontata a discapito delle spiagge bianche e talcate, dell'orgoglio di queste persone straordinarie.

La giornata era perfetta: il cielo mi ha regalato dei contrasti di colore indimenticabili ed il paesaggio, proseguendo verso le piantagioni di tabacco mi faceva respirare, era arioso, ampio e di una miriade di verdi diversi.

E poi finalmente ho incontrato il mio campesino, nella piccola casa dove viene raccolto il tabacco; erano lì lui e la sua compagna, sudati, nella penombra. Lei stava fumandosi una sigaretta di sbieco e mi ha anche guardata male, all'inizio: io mi sono intrufolata tra le montagne di foglie di tabacco e teli di cotone leggeri come nuvole che pendevano dal soffitto.Mi sono sentita un mare di tranquillità che mi pervadeva: silenzio, il rumore delle mani di lui che faceva scorrere le mazzatte di foglie insegnandomi quelle più belle e perfette. Il suo volto era duro, capelli corvini e rughe profonde segnate dalle gocce di sudore ed era bellissimo.

La signora alla fine mi si è avvicinata e ha lasciato il suo sguardo arcigno per rivolgermi un sorriso a mezza bocca: wow ce l'avevo fatta, allora ero simpatica anche a lei, tanto che ha cominciato a raccontarmi tutte le sue giornate di lavoro e come anche lei fosse una grande esperta in materia.

L'odore dell'aria era buono, sapeva di erba, di tabacco, di campagna vera, autentica, niente di assolutamente preparato per l'arrivo del turista o per lo show del giorno.Lo scenario intorno mi ha regalato foto da non dimenticare mai, le piccole strade sterrate, i cavalli all'obra degli alberi, le biciclette appoggiate e piccole case umilissime ma calde ed accoglienti.

E' stata la giornata più bella che ho passato: io e Fernando abbiamo mangiato un succulento pollo alla griglia e ci siamo rimessi in cammino per tornare stanchi, tra uno scroscio ed un raggio di sole verso la grande città.

Questa è stata una delle sperienze che ho vissuto nella mia prima cuba.

  • 58 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social