Crociera lungo l'Europa occidentale

Viaggio che ci ha toccato il cuore, porti in città incantevoli, cibo in abbondanza, divertimento continuo con l'animazione

  • di dragone.80
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2+1 bimbo
    Spesa: Da 500 a 1000 euro

Arrivati a Marsiglia non abbiamo usato la navetta messa a disposizione da Costa per € 10,95 a/r, poiché a neanche 5 minuti a piedi c’è la navetta portuale che è gratis, porta all’uscita del porto, ci siamo recati verso Place de la Joliette (uscita del porto-sinistra- 1°a dx) dove passano tantissimi autobus. Vicino la Joliette vi è il centro commerciale “les terrasses du port”, può essere un’informazione utile per il wifi (ricordate che sulla nave costa veramente troppo, quindi quasi nessuno si collega”.

In piazza abbiamo preso l’autobus 35 (1,5€ a pp gratis il bambino) per arrivare al vecchio porto (vieux port), in zona c’è l’ufficio del turismo per il recupero di qualche mappa, c’è inoltre la possibilità di prendere una nave (un’altra? Già state scendendo da quella da crociera mi direte voi!) per andare verso l’Ile d’If, la nave effettua almeno 2 fermate una su un’isoletta per i bagnanti (il mare è splendido e pulito) e l’altra all’isola d’If dove si trova il castello che ha ispirato Dumas per “Il conte di Montecristo” (Il castello/prigione è molto bello, ma la scelta deve essere ponderata, avete poche ore o andate verso l’isola e vedete Marsiglia dal mare o visitate la città). Dal vecchio porto ci siamo diretti verso la medievale Abbazia di San Vittore, costruita sui resti di una necropoli, vale la pena spendere pochi euro per vedere la cripta ed è considerata uno dei luoghi più sacri della città, ci siamo fermati poi al Four des Navettes (rue Sainte) – la più antica panetteria di Marsiglia- e nello stesso edificio “les savons de Saint Victor” – dove poter acquistare uno dei famosi saponi. Avendo noi già in passato visitato Marsiglia abbiamo evitato di vedere le stesse tappe ma sicuramente vale la pena vedere Saint Vincent de Paul à la Riformes (ad un km dal vecchio porto) e soprattutto Notre Dame de la Garde, da cui potrete vedere tutta Marsiglia.

Con i mezzi pubblici siamo arrivati allo Stadio Vèlodrome dove gioca l’Olimpique Marsiglia e poi verso Citè Radieuse di Le Corbusier, dove sono visitabili 3 piani, ma purtroppo non rende più come nei sogni del grande architetto. Al ritorno abbiamo preso la metro rossa a Rond Point du Prado e siamo scesi a la Joliette, da qui ci siamo diretti verso la Cathedrale de la Major, che purtroppo per l’ennesima volta abbiamo trovato chiusa, questa volta per “la festa degli adulti”! (controllate bene sul sito orari e giorni di apertura e se proprio ci tenete contattateli).

Tornati sulla nave siamo partiti verso Palma de Maiorca.

Già dalla nave è possibile godere delle bellezze maestose di Palma: la cattedrale e Castello de Bellver.

Subito fuori dal porto ad attendere i turisti carrozze con cavalli, taxi, autobus panoramici (4,5€), pedalò, bus (1,5€), a seconda delle vostre tasche. Noi abbiamo preso il bus n 2 che ci ha condotti poco distante da Passeig de Sagrera, dove si trova un bell’edificio in arte gotica Llotja; accompagnati dalle palme, ci siamo diretti verso la zona storica dove si trova la Cattedrale, qui non si possono fare foto ed inoltre essendo domenica siamo potuti entrare per la Messa, non per turismo (c’è una celebrazione ogni ora - non si può accedere a messa inoltrata). Dopo la messa ci siamo persi tra le stradine di Palma, le sue chiese, come quelle di San Francesco e Santa Eulalia, i negozietti, le pasticcerie, le famose perle (vere e non, quindi state attenti e non fatevi ingannare), gli archi, i balconcini, parc de la Mar… arrivati a Placa Major, non volendo aspettare il bus che non arrivava, e volendo continuare a godere della città a piedi, ci siamo fatti una passeggiata di mezz’ora per raggiungere Placa de Toros e vedere l’Arena. Al ritorno bus fino a Placa Major ed un altro per il porto.

Anche questa volta siamo rientrati in tempo sulla nave, ci godiamo lo spettacolo teatrale e ci prepariamo per la serata di gala.

La nave è ripartita nel primo pomeriggio ed ha costeggiato l’isola di Ibiza e la penisola Iberica tutta la notte e la mattina per arrivare nel primo pomeriggio a Malaga. La mattina in nave, dopo un’abbondante colazione, partecipiamo a dei giochi a quiz, ad una lezione di ballo, a giochi di animazione come “il lancio della ciabatta” o “dell’hulahop”, mio marito è arrivato primo vincendo un piccolo omaggio Costa, io ho fatto la mia ultima figura… ma mi sono rifatta (aiutata da mio figlio) con i giochi degli animali disegnati, indovinandoli tutti e vincendo un altro premio!

Dopo aver pranzato sulla nave (il pranzo inizia alle 11.45) siamo sbarcati a Malaga in perfetto orario. Da Malaga è possibile raggiungere Granada, ma non essendo mai stati in questa città spagnola abbiamo preferito visitarla

  • 10747 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social