Finché la barca va

La Grecia vista dal mare, uno spettacolo unico

  • di robyr1979
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

A gennaio, come a ogni inizio dell’anno nuovo, comincia la scelta per la meta della vacanze di agosto. Sì, lo so, è un pò presto, ma per me vale regola che prima prenoti, più risparmi. Volevo tanto andare in Grecia, e così dopo varie insistenze, convinco anche Matteo. Comincio a navigare in internet, e dopo aver trovato una super offerta per l’albergo su “booking.com”, mi freno sul volo aereo. 450€ a testa per andare a Kos (prenotando a gennaio), mi sono sembrati un’esagerazione. Così tentenno un po', ma nel frattempo provo a vagliare le alternative. Ma ormai la Grecia era ben radicata nella mia testa. Arriviamo a marzo e ormai era tempo di prenotare, ma il costo dei voli, ovviamente continuava ad aumentare. Così dopo un “summit”, siamo giunti alla conclusione che le nostre vacanze per l’agosto 2013, sarebbero state in crociera.

Partenza 17/08/2013, con itinerario Venezia (partenza e arrivo), Corfù, Mykonos, Santotini e Katakolon. Non vi nascondo che ero un po' perplessa per questo tipo di vacanza, più che altro per il discorso nave, in quanto essendo ”una provetta nuotatrice in orizzontale (nel senso che nuovo solo finché dove tocco)”, il fatto di essere così in balia del mare mi intimoriva un po'. Ma poi piano piano le paure, risultate poi infondate, sono svanite man mano che navigavamo.

Come compagnia abbiamo scelto la Norwegian Cruise Line, in quanto essendo di bandiera americana, ha come politica il freestyle, ossia, non ci sono vincoli di orari per mangiare e vestire. Libera scelta. Essendo noi, poco inclini a regole di questo genere, soprattutto in vacanza,l’abbiamo preferita ad altre proprio per questo motivo. Ovvio che poi dipende dai gusti personali di ognuno.

Devo dire che come nave è molto ”americana”, con arredamenti molto scenografici, e la lingua ufficiale parlata a bordo è l’inglese, ma tranquilli, ci sono assistenti per ogni lingua parlata. Tutti e dico tutti i camerieri, sia ai tavoli che per le stanze, sono Filippini, ma sono veramente di una disponibilità e gentiliezza fuori dal comune. Alcuni cercano di sforzarsi a parlare quel poco di italiano che sanno. Noi abbiamo portato due valigie che pesavano più della nave stessa, ma per chi volesse un giorno fare questo tipo di vacanza, credetemi non serve. Perchè sulla nave trovate di tutto.

Dopo un intero giorno di navigazione arriviamo alla prima meta. Corfù. L’isola si trova di fronte all’Albania. E devo dire che è la meno greca delle isole greche. Onestamente non mi ha colpito particolarmente. La città l’abbiamo trovata sporca e la gente non molto cordiale. Abbiamo fatto un’ escursione nella meravigliosa spiaggia di Paleokastritsa, pluripremiata per la bellezza e qualità del mare, è una zona abbastanza vasta con cinque diverse piccole baie, sia di sabbia che ghiaia. E merita una sicuramente una visita.

Lasciamo Corfù per raggiungere la prossima destinazione.

Una piccola parentesi per quanto riguarda le escursioni. Ogni giorno a bordo vi portano direttamente in camera il giornalino, dove sono illustrate le varie attività della nave e le escursioni che vengono fatte per la destinazione in cui si arriva in quella data. Noi abbiamo scelto di essere indipendenti e visitare i posti in autonimia. Per due motivi: il primo non ci piace essere vincolati agli orari che comunque le guide ti impongono, e secondo perchè i costi che hanno facendole con la nave, sono decisamente eccessivi. Tenete conto che avete circa 8 ore di tempo per ogni meta, quindi potete scegliere tranquillamente cosa fare. E credetemi i costi freestyle sono decisamente più bassi

  • 4236 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social