Dalmazia in bicicletta

Croazia 13-22 Agosto 2005 Partecipanti: Antonio, Francesco, Marco C, Marco DS. Km percorsi in bici: circa 400 Costo per persona 450 € Consumi: 50 L. Di birra; 15 L. Di vino; 6 L. Di pelincovac; 3 L di grappa. Introduzione ...

  • di Antonio 51
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Croazia 13-22 Agosto 2005 Partecipanti: Antonio, Francesco, Marco C, Marco DS.

Km percorsi in bici: circa 400 Costo per persona 450 € Consumi: 50 L. Di birra; 15 L. Di vino; 6 L. Di pelincovac; 3 L di grappa.

Introduzione Tutto nacque dall’improbabile lettura di un racconto che narrava le eroiche gesta di alcuni ciclisti che effettuarono un viaggio da Trieste ad Istambul. Tale libro illuminò la mente (quasi mai appannata, se sobria) di Marco C che propose di emulare tali gesta “se pedaliamo alla media di 20km/h per circa 8 ore al giorno potremmo essere ad Istambul in circa 20 giorni ...” la risposta fu assolutamente all’unisono “ma Vaff...” Marco C elaborò con un po di fatica quanto gli era stato gentilmente risposto e dopo qualche giorno ritornò con una proposta apparentemente più decente “Si fa un giro in Croazia ...”.

Qualcuno rispose “Vabbè mi compro la bici...” Condivisa la meta del viaggio il gruppo Inizia la preparazione atletica (che parolone!!) con la bicicletta.

Dei quattro protagonisti solo Marco C aveva avuto in passato esperienze del genere mentre gli altri non si potevano definire ne ciclisti e ne tanto meno sportivi.

Francesco poteva vantare di possedere una splendida Bianchi da corsa mai utilizzata, da tempo residente sul terrazzo di casa. Altro suo punto di forza erano una serie di magliette specifiche per la bicicletta tutte rigorosamente con la targhetta attaccata e stile anni 80 (color fucsia e verde fosforescente).

Antonio aveva sempre frequentato la sua bicicletta. Abilissimo nel spolverarla saltuariamente, non si era mai accorto che non era più in grado di percorrere consecutivamente 10 km senza avere un guasto meccanico. Dopo qualche uscita e diversi problemi tecnici si era messo alla ricerca di un mezzo a due ruote non motorizzato che potesse assolvere alla funzione desiderata. Dopo mesi di dubbi amletici, MTB o una bici da Corsa? risolse il problema con una bici “ibrida” mezza MTB, mezza bici da corsa, mezza cavallo e mezza toro.

Marco DS invece ebbe modo di conoscere la bicicletta anni ed anni or sono (la data si è persa nella memoria). Tale essere, dotato di ruote, freni e pedali non gli suscitò grandi simpatie e per questo motivo Marco DS e la bicicletta non si frequentarono più. La nuova proposta di vacanza lo stimolò e riuscì ad ottenere una bici MTB raccogliendo i punti dal benzinaio (che paradosso!!). Si presentò dicendo che la sua bici non era un granché e ripeteva che “a caval donato non si guarda la mascella” ... ancora non aveva capito che la bici non va a biada ma a sudore e fatica.

A tal proposito è meglio dare un consiglio a tutti coloro che non hanno grande confidenza con il mondo delle due ruote a pedali. È necessario che siate coscienti di quanto vi può accadere entrando con una bici, presa con la raccolta punti, presso un negozio specializzato di ciclismo. Come tutte le persone inesperte, infatti, Marco DS si avvicinò alla categoria di facinorosi e malati mentali dei venditori di bici volendo acquistare qualche piccolo accessorio. Dopo aver richiesto solamente una camera d’aria di scorta e dopo aver spiegato cosa intendeva fare, l’esperto venditore riuscì ad ammollargli una sella nuova, un portapacchi in alluminio (che invece si è gia arrugginito), due gomme nuove (perché con un profilo meno estremo si va meglio !?!?!) ed addirittura delle leve del cambio di tipo diverso da quelle montate in origine (perché maggiormente efficienti), più una messa a punto generale (che tanto serve sempre). Forse adesso la sua bici va effettivamente a biada

  • 11852 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social