Giro della Croazia in moto

Domenica 3 agosto Finalmente alle 8.30 si parte. I buoni propositi di alzarsi alle 6 per non viaggiare sotto il sole sono saltati, ma l'importante è partire. Il CBR 600 è carico come non mai: borsa serbatoio, bauletto e una ...

  • di Fabiana Guidorizzi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 
Annunci Google

Domenica 3 agosto Finalmente alle 8.30 si parte. I buoni propositi di alzarsi alle 6 per non viaggiare sotto il sole sono saltati, ma l'importante è partire. Il CBR 600 è carico come non mai: borsa serbatoio, bauletto e una montagna di roba ancora sopra tenuta dal ragno. Ebbene sì abbiamo montato il bauletto sul CBR, ma in due non avevamo scelta...Partiamo senza un programma preciso, l'unica cosa certa è che la destinazione è la Croazia.

L'autostrada fino a Trieste è lunghissima e noiosa, non una curva a pagarla oro, ma alla fine arriviamo finalmente in Slovenia. Lì facciamo pranzo in uno dei numerosi Grill che si trovano lungo la strada anche in Croazia ed hanno sempre bene in vista un maialino o un agnello che girano sullo spiedo. Non male se vi piace la loro carne, io non ci vado matta.

Dopo il pranzetto ci dirigiamo verso Rijeka dove prendiamo il ponte che collega l'isola di Krk. Sull'isola ci sistemiamo a Baska, proprio all'estremità sud in un campeggio nudista dove il mio ragazzo era già stato l'hanno prima. Sembra che le spiagge più belle ce l'abbiano loro e in effetti è proprio così. Il mare lì è stupendo, l'acqua limpida e la spiaggia del campeggio non è affollata come quella libera in paese. La sera andiamo in paese, è affollato dai turisti e dev'esserci una festa perchè sono tutti vestiti uguali e c'è musica in diversi punti del centro. Baska è carina, ma un po' troppo affollata, forse perchè è agosto. Per risparmiare mangiamo una pizza (pure buona!), ma in generale è difficile spendere proprio tanto in Croazia. La sera come quelle successive andiamo a dormire presto perchè siamo sempre stanchi morti. Di notte non riusciamo a dormire perchè c'è un forte vento e sembra che la tenda ci crolli in testa da un momento all'altro. Alla fine prendiamo i materassini e ci mettiamo fuori: finalmente si dorme! :o) Lunedì 4 agosto Facciamo colazione con diversi tipi di dolci che ci sono al campeggio: specie di brioche farcite con crema o noci o cioccolato e strudel. Insomma ce n'è per tutti i gusti. Poi andiamo nel paese prima di Baska (mi sfugge il nome) dove abbiamo visto che c'è una specie di skilift sull'acqua dove si può fare sci nautico o wakeboard, costa meno non essendoci la spesa del motoscafo. Proviamo entrambi il wakeboard, ma io non ho molto successo. Comunque vale la pena di provarlo. Dopo un panino torniamo in campeggio e sbaracchiamo. Abbiamo deciso di andare a vedere il parco di Plitvicka, è all'interno della Croazia quindi non ci arriveremo in serata, ma iniziamo ad avvicinarci perchè sono circa 180 km da qui. Fa caldo anche in moto, ma non fa molta differenza viaggiare di notte o di giorno.

Verso le 21.30 arriviamo a Senj, l'ultimo paese della costa prima di deviare all'interno. Iniziamo ad essere stanchi, mangiamo in un ristorante sul mare che ha i tavoli lungo il molo. E' carino, ma rimaniamo un po' delusi perchè ordiniamo le tagliatelle verdi con gli scampi, ma ci arrivano delle normalissime tagliatelle con funghi e prosciutto. Quando lo facciamo notare alla cameriera ci dice che il piatto è proprio quello che abbiamo ordinato, se volevamo più scampi dovevamo dire "tanti scampi", ma lì non ce n'era neanche uno! Bah...Il secondo è andato un po' meglio, abbiamo preso quello del pescecane, e quello ci hanno portato.

Dopo cena, troppo stanchi per continuare il viaggio, ci addentriamo appena sll'interno per cercare una camera in affitto. Da quando entri in Croazia e pieno di cartelli fuori dalle case con scritto "Sobe/Zimmer/Camere". Entriamo in un bar a chiedere, loro sono al completo, ma chiamano una vicina di casa che ha una camera libera. Ci chiede 20 euro in due. Accettiamo. La camera è praticamente nuova e pulita, completa di bagno e cucinino. Finalmente dormiamo decentemente. Martedì 5 agosto Il mattino dopo andiamo verso Plitvicka. All'interno il paesaggio è molto diverso dalla costa, i paesi non hanno più di 4 o 5 case e c'è una poverta impressionante. Anche le strade sono abbastanza brutte, mentre la strada costiera è molto bella da fare in moto

Annunci Google
  • 42229 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social