Costa dalmata on the road

Ci sono annate che fino all'ultimo non sai quando e se hai ferie, dove andare, come organizzarsi ... E dopo aver annaspato nell'indecisione e con la sindrome del coniglio bianco di Alice della serie– presto che è tardi presto che ...

  • di magicglo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Ci sono annate che fino all'ultimo non sai quando e se hai ferie, dove andare, come organizzarsi ... E dopo aver annaspato nell'indecisione e con la sindrome del coniglio bianco di Alice della serie– presto che è tardi presto che è tardi!- ecco che spavaldamente ci arrischiamo in un viaggio "fai da te" e senza nessuna prenotazione nel periodo più caldo e full dell'anno : ferragosto .. non amo particolarmente questo momento per viaggiare ma in due bisogna cercare un compromesso e così .. .. Eccoci qua : 15- 23 agosto in Costa Dalmata, meta ambita d'italiani,slovacchi,tedeschi, lituani e molti altri(aiuto!) ok, calma e sangue freddo.. Si studia l'itinerario cercando su internet informazioni approdante e leggendo forum ( questo sito è stato molto utile e spero di ricambiare con la mia esperienza !) , osservando da google earth i luoghi dall'alto , cercando appartamenti e aspettando l’ispirazione.. Fino a quando l'itinerario è ufficiale : Udine, Zadar, Dugi Otok, Sebenicco, Trogir , Nin. 15.08 - partenza da Udine in macchina . Giornata perfetta per mettersi in viaggio. Nuvolosa, poche macchine e zero coda al casello Lisert - se passate per Ts direzione Croazia, c'è una strada alternativa all'autostrada e quindi ai 35 euro di bollino che dovreste prendere per l'autostrada slovena ( ho trovato la chicca su internet e se ancora nn la sapete,eccola qui: la E61, passando per Basovizza e proseguendo verso la ex dogana di Pese in direzione Fiume ) - Arrivo a Zadar verso il pomeriggio, dopo una breve nostra ricerca sfortunata di camere private ci siamo rivolti ad un agenzia locale e ci ha trovato una camera da una vecchina molto gentile a 17€ a testa. ( Katica Iuta , frana alfirevica 1 A, Zadar – tel 023/235-841 – parla croato,tedesco A Zadar dormiamo una notte, la città non ci è piaciuta e questo ha dato conferma alle voci negative che avevamo sentito. Pochi ristoranti ( la gente si ciberà di gelati??? dato l'alto numero di gelaterie...) personale poco attento ecc..Il Centro storico è carino ma molto degrado attorno e fuori da esso. 16/08 - traghetto per Dugi Otok – 190 kn ( 2 persone+ macchina ) pari a meno di 25 € . Nell’ isola ci siamo rimasti solo 2 giorni ma assolutamente ci ritorneremo perchè è bellissima! un'unica strada che collega la parte nord a sud, 5 paesini di cui 2 abbastanza turistici ( che non è la nostra intesa di turismo ma per loro è avere un paio di ristoranti,1 market, 1 bankomat e 1 gelateria. Fine!) Siamo stati a Sali nell' ultimo monolocale disponibile perchè l’ isola era full! Anche qui la mano dell’agenzia è stata divina. L’appartamentino era piccolo ma carino, pulito e a 55 € al giorno, proprio sul porto. Sali è graziosa e molto accogliente con le lucine colorate " da sagra " che circondavano il porto, un bel via vai di gente, marinai, bambini e gatti che si guadagnavano la cena tra le gambe dei turisti .Putroppo ci siamo stati pochi e Dugi Otok ha bisogno del suo tempo per essere scoperta ; è un’ isola lenta , incontaminata, dove il suono delle cicale diventa una costante sinfonia e ancor più ammaliante è il profumo intenso di salvia selvatica, di alberi di fichi maturi e di macchia mediterranea. Le sue alte scogliere tolgono il fiato e la ricerca di baiette solitarie è un'avventura stupendamente ripagata dalla vista di un mare trasparente o dal blu intenso, ma che compare quasi all’ improvviso. Dobbiamo ammettere che è stata la parte più bella di tutto il nostro viaggio e infatti salpiamo a malincuore. 18/08 – traghetto per Zadar . Ce ne allontaniamo subito verso Sud . Costeggiamo la riviera di Maraska, l’ itinerario di viaggio avrebbe portato fino a Primosten ma era troppo distante e così ci fermiamo prima, a Vodice ; l’ abbiamo scelto a caso ma anche questa volta l’intuito ci ha portato bene perché è un paese bellissimo e con molta offerta per i giovani. Lungo il porto, una miriade di localini e chirinquitos e bancarelle e creperie “open air” , allontanandosi dal mare ed entrando nel paesino fatto in pietra lucida, viuzze e bar/ristorantini s’ incastrano gli uno agli altri , senza mai essere soffocanti e lasciandoti perennemente stupito da quano è carina Vodice. Decisamente diversa dalla cara e isolata Sali, ma vivace e con gente cordiale e disponibile! Ci piace molto ! troviamo agenzia appena arrivati e ci capita la fortuna d'avere un appartamento a pochi passi dal centro ,ampio, nuovo e con tanto di terrazzino. Il titolare dell’ agenzia ha anche un ottimo ristorante adiacente ad essa . Era la sua casa natale, ristrutturata e adibita a trattoria , con travi e cimeli di lavori antichi . Vi consigliamo di cenare qui., il vino è fatto da loro ( ottimo) e anche la carne ( dice Giò ) è molto buona – Tourist Agency “ Drazi “ - +385 98 336 ) . In questi giorni , ci spostavamo sempre , alla ricerca di belle baie tranquille e dal mare turchino , sfuggendo alla massa assordante di famiglie e turisti ammassati tra di loro. La macchina ne ha un po’ risentito di queste nostre fughe perché alla ricerca di anfratti solitari , tra strade bianche e macchia mediterranea, rovi e rami secchi hanno lasciato il segno sulla carrozzeria . Tra le gite fuori porta, siamo stati a Primosten, graziosa cittadella arroccata su di una penisola , molto più tranquilla di Vodice ma ugualmente interessante. SI consiglia di degustare il vino Borec, tipico di questa zona - rosso intenso, dal retrogusto marascato – Abbiamo visitato Sibenicco e Trogir, entrambe meta d’ obbligo : distinte Signore d’ un tempo , che specchiano i loro capelli d’argento su di un calmo e dolce mare 22/08 – Ecco che ripartiamo, ahimè i giorni vacanzieri stanno per terminare e iniziamo la salita a Nord. Per spezzare la distanza da casa, ci fermiano una notte a Nin, paesino medioevale vicino a Zadar. Meritevole e tranquilla baia dove la vista delle montagne costiere è decisamente suggestiva, soprattutto al tramonto, che si colorano di rosa . Così, le “ dolomiti croate” ci salutano e a loro diamo appuntamento alla prossima avventura per andare ancora più a Sud .

Gloria& Giovanni - km percorsi : 1400

  • 4170 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social