Il mare e la cucina dell'Istria

Sabato 14 giugno 2008 – Domenica 22 giugno 2008 Itinerario Partenza da Roma; stop per due notti a Trieste; cinque notti a Loborika (vicino Pola); rientro a Roma con stop per una notte a Bologna. Racconto A distanza di due ...

  • di oeoezema
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Sabato 14 giugno 2008 – Domenica 22 giugno 2008 Itinerario Partenza da Roma; stop per due notti a Trieste; cinque notti a Loborika (vicino Pola); rientro a Roma con stop per una notte a Bologna.

Racconto A distanza di due anni dal nostro ultimo viaggio, abbiamo deciso di ripartire da dove avevamo finito. Abbiamo così deciso di prenderci una settimana di ferie a giugno e ripartire con la destinazione del nostro ultimo viaggio, vale a dire l’Istria, sfruttando anche l’ultimo secondo di vacanza disponibile.

Vi invitiamo a leggere il diario di viaggio che abbiamo scritto due anni fa (vedi http://www.Turistipercaso.It/viaggi/itinerari/testo.Asp?ID=13634) perché è stato un itinerario molto lungo, dato che siamo partiti da Zara ed abbiamo terminato a Pola.

E’ abbastanza anomalo che due romani partano per la Croazia e, invece di andare in Dalmazia, se ne vadano in Istria... ma la Croazia per noi è l’Istria, è l’ospitalità di Mirta e Stelio, è la panza piena dopo la cena ed è la passeggiata obbligatoria del dopo cena (e sennò come fai a dormire dopo quella magnata?) sul lungomare dei vari paesini della costa istriana.

Ci vuole tanto tempo ad arrivare in Istria ed invidiamo le persone che abbiamo incontrato che venivano dal nord-est, ma la fatica del viaggio è stata ricompensata dalla magnificenza dei posti che abbiamo visto.

Siamo così partiti il sabato mattina in direzione Trieste, dove ci siamo fermati due notti per visitare la città, forse la più mitteleuropea dell’Italia, una città meravigliosa; non descriviamo la città, perché non è l’obiettivo di questo racconto, ma possiamo consigliare, ai “terroni” come noi che vogliono andare in Istria, di fermarcisi almeno una notte perché Trieste è bella, da visitare a piedi, anche con il vento gelido (il 14 giugno ed il 15 giugno ha fatto molto freddo!).

Un posto da visitare, però, lo consigliamo: è la Risera di San Sabba (http://it.Wikipedia.Org/wiki/Risiera_di_San_Sabba), che si trova a due passi dallo stadio e, purtroppo, le indicazioni per arrivare sono messe molto male. La risera è stata abidita, durante l’occupazione nazista, a campo di concentramento; dovrebbe essere un obbligo per tutti noi andare a porre omaggio alle vittime e, vi assicuriamo, la visita è stata molto toccante. Cambiando argomento, vi diamo un piccolo consiglio mangereccio: la birreria Kapuziner in Via Pozzo del Mare, a due passi dalla Piazza dell’Unità d’Italia. Si mangia (e tanto) sia triestino che bavarese. Per noi è stata una sorpresa, perché da fuori non gli daresti una lira, poi entri e non vorresti più uscire!! Dopo due giorni a Trieste, siamo pronti a partire per l’Istria. Dopo circa 2 ore di viaggio arriviamo alla nostra destinazione, l’Agriturismo di Stelio e Mirta a Loborika, che si trova a pochi km da Pola.

L’agriturismo è aperto, ma loro non ci sono perché sono alla vigna, quindi li dobbiamo chiamare (!!); sembra strano che ancora esistano agriturismi veri, con i proprietari che non si occupano solo di incassare a fine soggiorno, ma anche di fare di tutto per fare stare gli ospiti come in famiglia e loro sono unici in questo.

Mirta parla benissimo l’italiano, è una grande cuoca (sia come qualità di piatti che come quantità!) e noi, dopo due volte che siamo stati li, la consideriamo un’amica perché ci ha fatto stare come a casa nostra.

Stelio è una persona unica per il contesto in cui vive: lavora nell’orto, si occupa delle grigliate, anzi delle meravigliose grigliate, riordina la cucina, prepara delle grappe fenomenali e mi fermo qui, altrimenti mi finisce la penna... quanti sono gli uomini croati che fanno questo? Quando si soggiorna da loro, non si va a mangiare fuori per un semplice motivo: si mangia troppo bene da loro ed ad un costo che non copre neanche la loro spesa: 12 euro. Con queste premesse, ma chi ce lo fa fare ad andare al ristorante?? Vi raccontiamo un piccolo aneddoto: nell’agriturismo c’erano degli altri ospiti di Ferrara, i quali avevano voglia di andare a mangiare il pesce sulla costa. Quando poi Stelio ha fatto la grigliata di pesce, non hanno più mancato una cena; e ci mancherebbe altro

  • 7286 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social