Capodanno a Dubrovnik

George Bernard Show scrisse che “coloro che cercano il paradiso terrestre, devono venire a Dubrovnik”. La vecchia Ragusa è il luogo individuato da me e dall’amico Uccio per trascorrervi il Capodanno 2008. A primo acchito potrebbe apparire come una scelta ...

  • di palinuro71
    pubblicato il
  • Partenza il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

George Bernard Show scrisse che “coloro che cercano il paradiso terrestre, devono venire a Dubrovnik”.

La vecchia Ragusa è il luogo individuato da me e dall’amico Uccio per trascorrervi il Capodanno 2008. A primo acchito potrebbe apparire come una scelta pazzerella e scriteriata soprattutto perché la perla dell’Adriatico è ambita, dai turisti consumatori, prevalentemente nel periodo estivo. Ma noi, un po’ per spirito d’avventura e un po’ per evitare il caos delle capitali europee, optiamo per una scelta alternativa e in controtendenza.

I fattori che depongono a favore di Dubrovnik gli ultimi giorni dell’anno sono: un clima ideale molto simile al nostro, una città incantevole, un cibo sublime e vari concerti in calendario.

Arriviamo in città la sera del 30 dicembre con un volo della Croazia Airlines da Fiumicino. Giusto il tempo di sistemarci in albergo e subito pronti per una breve visita del centro storico considerato dall’Unesco, Patrimonio mondiale dell’Umanità.

Dopo aver varcato la soglia d’ingresso notiamo, sulla sinistra, un grande arco ricavato nelle mura da dove ci incuneiamo per accedere nella zona del porticciolo con vista sul mare e sulla parte collinare della città. Ci fermiamo a cena nel primo ristorante che ci capita a tiro. Il cibo a base di pesce cotto alla griglia è sfizioso nonché freschissimo. Niente alcolici ma tanta buona acqua della quale i croati vanno orgogliosi perché priva di calcare e con tante proprietà benefiche per i reni.

Riacciuffata la via principale dopo pochi passi, davanti ai nostri occhi, appare un lungo viale pedonale con pavimentazione marmorea lucente e perfettamente levigata da secoli di passaggi a piedi e calpestamenti.

E’ lo Stradun, l’arteria viaria principale posta in mezzo tra le due porte, quella di Ploce ad ovest e di Pile ad est. Su entrambi i lati della strada antichi palazzi pressoché identici in stile barocco e numerosi vicoli laterali con localini caratteristici a margine; sullo sfondo le ripide gradinate conducono all’interno delle intricate stradine della zona vecchia. Rimaniamo talmente spaesati e increduli dall’atmosfera che si respira in questo luogo che lo ripercorriamo, mischiati alla gente del posto, in lungo e in largo per tre/quattro volte prima di far rientro in albergo. La mattina del 31 dobbiamo affrettarci a trovare una sistemazione per il cenone di fine anno. Siamo forti del fatto che il giorno precedente il manager di un locale alla moda ci aveva lasciato un barlume di speranza per reperire due posti a sedere. Così non sarà, in realtà. C’è il tutto esaurito con una mega lista d’attesa. Veniamo garbatamente consigliati di fare un tentativo in un altro ristorante; niente po’...Pò... Di meno che all’Hilton Imperial una vera e propria istituzione tra gli alberghi di lusso in tutto il mondo e dove Uccio, viste le sue manie di grandezza, si troverà perfettamente a suo agio. Con grande solerzia ci dirigiamo verso l’hotel e, alla reception, ci mostrano il menù e i prezzi del cenone. In mancanza di valide alternative, non ci rimane altro che accettare questa soluzione dandoci appuntamento alle otto per l’inizio della serata.

Terminate le fasi organizzative arriva il momento della tappa culturale. E’ in programma un giro intorno alla cinta muraria che attornia la città ininterrottamente per quasi 2000 metri. Le mura, perfettamente intatte, rappresentano uno dei sistemi difensivi più caratteristici e più solidi dell’intero Mediterraneo, pieno di fortificazioni, bastioni, torri e fortezze indipendenti. Dubrovnik racchiude in se qualcosa di magico e di romantico ed è un posto adatto, a mio parere, ad un soggiorno breve per coppiette, ancor meglio se novelli sposi

  • 3149 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social