Croazia su due ruote

Volevo raccontare questo nostro viaggio del lontano 2003 in moto in Croazia. La Croazia si presta molto ad un viaggio di questo tipo in quanto ha degli scorci paesaggistici veramente notevoli che tramite il mezzo a due ruote ti puoi ...

  • di brasilian_1971
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Volevo raccontare questo nostro viaggio del lontano 2003 in moto in Croazia.

La Croazia si presta molto ad un viaggio di questo tipo in quanto ha degli scorci paesaggistici veramente notevoli che tramite il mezzo a due ruote ti puoi godere appieno.

Naturalmente anche noi come moltissimi italiani amiamo le partenze intelligenti.. Quindi venerdì 1 agosto ci mettiamo in marcia per l’inizio delle agognate vacanze. Trasferimento in moto da Torino ad Ancona dove prenderemo un traghetto che ci porterà sulla costa della Croazia e precisamente a Spalato, luogo da cui partirà la nostra avventura in terra straniera. Fortuna che il nostro traghetto parte verso le 21 quindi possiamo procedere con calma durante il viaggio verso Ancona, nonostante sia il primo di agosto non troviamo grosse code che bloccano noi motociclisti. Arriviamo verso le 17.30 ad Ancona e ci mettiamo in coda per convertire il nostro biglietto fatto via internet con il vero e proprio biglietto e per il controllo passaporti. Ci anticipano che purtroppo il nostro traghetto potrebbe avere un po’ di ritardo, ma ci assicurano non più di un’ora!! Ci facciamo un giretto per la città, mangiamo qualche cosa e per le 20:30 ci mettiamo in coda sul molo d’imbarco.. Ma ci viene un sospetto.. Ed il traghetto dov’è?? Deve ancora arrivare.. Arriverà alle 2:30 di notte!!! Fatto sta che partiamo con 7 ore e mezza di ritardo!!! Iniziamo bene.. Mi sa che il nostro arrivo in prima mattinata a Spalato è saltato..

Il viaggio si svolge in modo molto tranquillo, il mare è veramente un olio e sicuramente la velocità della nave non crea onde anomale.. Ci dicono che per le arriveremo per le 13 a Spalato.. Meno male perché noi abbiamo la coincidenza con l’altro traghetto alle 14:30 che ci porterà sull’isola di Hvar. Secondo voi siamo riusciti a prenderlo? Naaaa.. Abbiamo attraccato a Spalato alle ore 14:40.. Quindi la nostra coincidenza.. Saltata!!  Prossimo traghetto alle 20:30.. E vabbè tanto siamo in vacanza.. Ci facciamo un giro per la città di Spalato, che sarà per la stanchezza del viaggio, o per l’in..Arrabbiatura dei ritardi non ci colpisce granchè se non per le ruote delle macchine che tutte le volte che partono sgommano.. Ma capiamo subito sulla nostra pelle che non lo fanno persi vedere ma solo perché il manto stradale non è dei migliori..

Finalmente arrivano le 20:30 e ci imbarchiamo sul nostro traghetto che ci porterà sulla nostra prima isoletta croata.. Purtroppo sappiamo già che potremmo avere qualche problemino in quanto pensando di arrivare nel pomeriggio non abbiamo prenotato alcun posto per la notte. Alle 22:00 eccoci sulla nostra isoletta a Starigrad e ci buttiamo come un altro centinaio di persone alla ricerca di un posto da dormire.. Secondo voi abbiamo trovato qualche cosa? Naaaa.. Abbiamo girato 2 ore suonando ogni campanello in cui veniva indicato che c’erano camere da affittare ma o per la tarda ora (non ci aprivano nemmeno) o perché erano già al completo.. Ma non abbiamo trovato nemmeno un posticino in cui far riposare le nostre stanche membra. Decidiamo quindi io e Mary di goderci almeno la cena in un bel ristorantino di pesce in cui mangiamo veramente bene.. Finita la cena ci aggiriamo ancora un po’ per il paese e vediamo un’insegna campeggio che ci era sfuggita.. Andiamo.. Magari hanno un bungalow da affittarci!! Arriviamo al campeggio e non c’è anima viva.. Ne in recepiton (nonostante ci fosse un cartello con il numero di telefono da chiamare in caso di arrivo posticipato.. Nessuno ha risposto) ne in giro per il campeggio.. Che fare? Abbiamo trovato una piazzola libera e con i nostri sacchi a pelo, che ci eravamo portati, ci siamo distesi sotto le stelle.. Al mattino ci siamo svegliati con la gente che andava a correre ed a fare il bagno che ci guardava malissimo come se fossimo stati dei barboni (forse l’aspetto ce l’avevamo anche.. Erano 2 giorni che viaggiavamo ed anche la nostra pulizia non era delle migliori dopo due notti a dormire per terra..). Con tutta tranquillità ci alziamo, ci diamo una lavata alla benemeglio e poi ci avviamo in paese per fare colazione e per cercare finalmente un posto in cui dormire i prossimi giorni.. Naturalmente non ci dimentichiamo di salutare con la mano le persone della reception e ringraziarle per l’uso della piazzola.

  • 1813 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social