Croazia e Montenegro 2007

Viaggio in Croazia e Montenegro, 06-13 luglio 2007 Premessa: la descrizione del viaggio è dettagliata e forse un po’ noiosa, ma spero sia utile a qualcuno. Dopo una prima esperienza nella splendida Rovigno, e isola di Cres, nell’estate 2006, quest’anno ...

  • di Stefano60
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Viaggio in Croazia e Montenegro, 06-13 luglio 2007 Premessa: la descrizione del viaggio è dettagliata e forse un po’ noiosa, ma spero sia utile a qualcuno.

Dopo una prima esperienza nella splendida Rovigno, e isola di Cres, nell’estate 2006, quest’anno io e mia moglie Angela abbiamo deciso di visitare il sud della Croazia e parte del Montenegro.

Lo scooter Honda 400 è in ordine (carta circolazione – assicurazione – carta verde per l’estero), abbiamo i documenti di identità personali, il documento per l’assistenza sanitaria all’estero rilasciato dall’Azienda USL, e si parte senza mete precise e senza prenotazioni di alcun tipo.

L’orario di partenza del traghetto Ivan Zajc, compagnia Jadrolinija (molto vecchio ma riverniciato) é alle 21,00 di domenica 8 luglio dal porto di Ancona ed occorre essere sul posto due ore prima per acquistare i biglietti (se andate in moto e non è alta stagione non c’è bisogno di prenotazione) nella biglietteria della compagnia di viaggio prescelta (Jadrolinija – Blue Line Ferries – Snav ) e i controllo documenti presso il posto di Polizia all’interno dello stesso stabile.

Abbiamo optato per il biglietto “passaggio ponte” per una spesa totale di € 142,00 (48,00 a persona, 31,00 la moto e 15,00 tasse) e ci siamo portati due materassini sui quali abbiamo “riposato” trovando posto in una saletta climatizzata (30 mq. Circa) dotata di moquette, in compagnia di altri ragazzi (in alternativa ci si può stendere nelle varie poltroncine delle sale di aspetto o bar) Durante l’attesa dell’imbarco abbiamo gustato una pizza acquistata nella pizzeria che dista a soli 30 mt. Dall’attracco anche se la nave era dotata di self-service ed un bar Il viaggio è durato 10 ore e prima di attraccare a Spalato (Split) abbiamo fatto una abbondante colazione all’americana al self-service (si paga in euro) della nave con una spesa di € 4,50 a testa (affettati vari, formaggio, burro, marmellate, latte, caffè, succhi di frutta ecc...) in alternativa c’è il bar con solita brioche e caffè.

Lunedì 9 luglio - Giunti a Spalato alle 07.15 cambiamo gli Euro in Kune (meglio andare in una banca e non negli sportelli di cambio valuta; per un conteggio semplificato ma approssimativo, tenete conto che 1 € equivale all’incirca a 7 Kune), brevissima visita al Palazzo dell’Imperatore romano Diocleziano e ci mettiamo subito in viaggio verso Dubrovnik che dista 190 km.

Le strade sono ben tenute ed il traffico scarso, ma la velocità media è 70 km circa essendo una strada panoramica che attraversa numerose località e, considerate le numerose fermate per fotografare i paesaggi, i laghi in località Bacina, gli scenari incantevoli e le numerose isolette che si intravedono ad ogni curva, dopo circa tre ore siamo a Dubrovnik.

Lo superiamo cercando un affittacamere in un paesino meno conosciuto, sapendo che in città i prezzi sono più cari ed inoltre per brevi soggiorni sono maggiorati del 30% sul prezzo di listino. Arriviamo a Mlini distante 6 Km da Dubrovnick dove per soli 20 € a notte troviamo una camera matrimoniale con bagno, pulita, non proprio sul mare ma con visuale sul golfo e sulle varie isole (presso la gentilissima Sig.Ra Ané Sutié via Vrelo 13, Mlini) Pomeriggio e sera a Dubrovnik (Ragusa), patrimonio dell’UNESCO, passeggiata nello “Stradun” lastricata di pietra bianca levigata dal tempo con visita ai negozi, cattedrali e camminata sulle mura (costa 50 Ku a testa) che per 1940 metri circondano la storica città, definita “perla dell’Adriatico” dalle quali si possono ammirare le magiche isole Elàfiti. Martedì 10 luglio – partenza alle 08.30 per il Montenegro che dista circa 35 km., attraversando prima un piccolo territorio della Bosnia (alla frontiera non ci hanno neppure fermati) poi nuovamente Croazia e si arriva alla frontiera del Montenegro dove invece il controllo è più accurato (documenti personali e del veicolo). Si percorrono altri 45 Km., in parte nell’entroterra (RISPETTARE I LIMITI, i croati dicono che la Polizia Montenegrina ti ferma e ti chiede soldi per “sistemare” la faccenda; mah ...Sarà vero???) molto suggestivi, con alte pareti rocciose che sovrastano il mare, visitando una piccola perla sul mare (paese di Perast, uscendo per pochi metri dalla statale) e ci inoltriamo verso le Bocche di Kattaro giungendo nel paese di Kotor, splendida e ridente località marittima nata ai piedi di una montagna alta circa 1.000 mt

  • 4727 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. dritangremi
    , 4/3/2011 19:58
    ho sentito parlare dei <a href="http://www.dentistiinalbania.com/1/dicono_di_noi_1529244.html">dentisti in croazia</a>. Mi sapete indicare qualcuno?

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social