A Creta tra immersioni e archeologia

Toccata e fuga… dal labirinto del minotauro

  • di Mara Speedy
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 1
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

CRETA: TOCCATA E FUGA… DAL LABIRINTO DEL MINOTAURO!

Una settimana di vacanze a settembre e cosa fare? Volevo approfittare per fare qualche immersione, ma volevo anche un luogo con delle emozioni da trasmettermi e la scelta (azzeccatissima!) é ricaduta su Creta, terra del Minotauro, come ricorda anche Dante nel XII Canto dell’Inferno « e 'n su la punta de la rotta lacca, l'infamïa di Creti era distesa, che fu concetta ne la falsa vacca ».

Tramite il sito Last Minute prenoto una stanza all inclusive all’Orange Club Maya Beach & Gouves Bay, un resort con animazione e diving, dato che viaggiando sola volevo avere pasti e dopo cena “organizzati”. In realtà la stagione era al termine e l’animazione era carente, sia per quantità sia per qualità, per di più il diving non era interno alla struttura, ma a circa 1 km verso ovest.

Consultando in un secondo tempo siti come TripAdvisor, ho capito subito che il diving, per cui avevo scelto appositamente questa struttura, non solo non era all’interno, ma non c’entrava nulla con il resort e non era possibile contattarlo direttamente. Non capendo quanto distasse, ho optato per prenotare 4 immersioni presso il Diver’s Club Crete, un centro diving Padi 5 stelle di Agia Pelagia, che ha anche una sede a Malia, con l’idea che, se mi fossi trovata bene, ne avrei fatte altre (www.diversclub-crete.gr).

Sempre via mail ho contattato la gentilissima Mary (info@gouvescarrental.com - www.okaycrete.com) per prenotare per due giorni un auto (35 euro al giorno, con assicurazione a copertura totale e km illimitati), ma ho poi scoperto che proprio davanti all’hotel c’era il John & Mary car rent (aperto dalle 8.45 alle 21) e che costeggiando il canale perpendicolare al lungomare di Gouves, si arriva nel centro dove ci sono diversi rent a car (compreso il mio) e agenzie che organizzano escursioni, nonché negozi di tutti i generi.

In realtà Gouves è ben servita anche con i bus, che raggiungono le principali città della costa nord (bus-service-crete-ktel.com), ma io volevo vedere anche la costa sud e spostarmi in libertà. I bus comunque si prendono sulla strada principale, parallela al lungo mare, alle spalle degli hotel.

18/09

Parto con Alba Star da Milano Malpensa alle 17.40 diretta all’aeroporto di Iráklio, dove arriverò alle 21:10 (fuso di un’ora avanti rispetto all’Italia). In mezz’ora veniamo trasferiti al resort, che è composto da due aree, una con casettine a due piani e una con un vero e proprio hotel. Per fortuna capito nelle casettine tipiche, bianche con decorazioni azzurre; la stanza è grande e confortevole, anche se un po’ trascurata, ma sono vicinissima al mare. Come Easy Jet, Alba Star offre cibo e bevande solo a pagamento, ma per fortuna ci hanno lasciato la cena in camera e il primo approccio con il cibo greco è molto positivo, la feta è deliziosa e la tzatziki, crema di yogurt e cetrioli, che accompagna la carne, diventerà la mia droga per l’intera settimana.

Domato lo stomaco, esco in perlustrazione: il ristorante ha la vista sul mare, ci sono due piscine, un campo da beach volley, uno da bocce e un piccolo teatro, dove immagino si svolgeranno gli spettacoli dell’animazione. Un baretto aperto fino alle 23, serve alcoolici tra cui l’ouzo all’anice e il raki, entrambi liquori tipici greci. Non esco dal resort, dato che la zona sembra piuttosto isolata, ma mi ricrederò il giorno seguente.

19/09

Per fortuna il ristorante serve la colazione dalle 7.15, così posso mangiare qualcosa prima che mi vengano a prendere alle 8.50 per andare a fare diving

  • 9124 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social