Creta, non solo mare

Un tuffo nell’archeologia e nella meravigliosa natura dell’isola

  • di pippenji
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Intro

I 7 giorni non erano una scelta voluta ma forzata dalle esigue ferie che avevamo. Tutti gli alberghi, voli e auto a noleggio, sono stati prenotati sin da Gennaio per ottenere le tariffe migliori. Giorno 1

Partenza domenica mattina da Pisa, con scalo ad Atene. Dopo 50 min di attesa, coincidenza per Iraklio. Abbiamo fatto questa scelta per guadagnare tempo, senza perdere l’intera giornata di domenica, e così da poterci spostare subito sulla costa est con l’auto presa a noleggio. Le strade della costa est sono parecchio curvose, ma è in costruzione una superstrada. Abbiamo pernottato a Palaikastro, paesino piccolo ma caratteristico dove a cena con 13 euro cadauno ci hanno veramente riempito. La pensione è costata 42 euro in totale, con aria condizionata, tv e bagno in camera. Situazione semplice ma molto soddisfacente.

Giorno 2

Dopo l’abbondante colazione, siamo andati subito al Lido Vai, dove fino alle 11.00 del mattino ci siamo goduti con altre 2 coppie (e basta), un mare stupendo e il palmeto alle ns spalle. 8 euro per 2 lettini e sdraio, 2 euro di parcheggio. Fate voi. Alle 13.00 siamo ripartiti in direzione Iraklio, fermandosi al monastero di Moni Toplou. Posto carino con pargheggio e osteria nei pressi. 11 euro cadauno e di nuovo supersgrifata a pranzo. Verso le 15,30 siamo ripartiti per Elounta dove volevamo prendere il battello per visitare l’isola di Spinalonga. Ma, ahime, l’ultimo traghetto era alle 16.30 e lo abbiamo perso per pochi minuti. Meno male che era nuvoloso e siamo andati allora in camera. Ahime, nuovamente l’aria condizionata non funzionava, e dopo due ore di attesa per il tecnico, abbiamo deciso di andar via. Potevamo prendere una altra camera ad Elounta ma a quel punto abbiamo pensato di abbondare questo paese a noi “ostile” e fermarsi a Malia. Senza prenotare abbiamo trovata una stanza per 50 euro con wifi, colazione, e parcheggio. Malia è un po’ la Rimini locale, ma a 40 anni si può anche andare a dormire presto, anche in vacanza.

Giorno 3

Colazione presto, ma abbondante come sarà sempre, e partenza per Iraklio per visitare il Palazzo di Cnosso. Attenzione! Arrivate presto perché dopo sbarcano le crociere ed è un manicomio. Consiglio la signora Maria come guida: parla un perfetto italiano, non economicissima quindi meglio cercare di creare un gruppetto per dividere la spesa. Il palazzo merita, ma ovviamente parliamo di Archeologia, e ruderi (i petroccoli come li chiama mia moglie). Dopo il palazzo abbiamo visitato Iraklio, cittadina piacevole e palesamente più turistica, e poi nel primo pomeriggio, quando il caldo picchiava, al fresco del museo archeologico di Iraklio. A metà pomeriggi siamo ripartiti per Zaros, nel centro dell’isola, dove ci attendeva la camera prenotata. Senza GPS perché molti navigatori, compreso il mio, non le mappe della Grecia, e quindi vai di cartina old style. Sulle strade secondarie attenzione ai cartelli, che indicano la direzione, ma non la tipologia di strada, e appena uscite dalle cittadine è impossibile trovare qualcuno che parla inglese. Ci siamo quindi persi tra le montagne di creta, con le capre e pecore che ci accompagnavano, a volte con la paura di bucare la coppa dell’olio su strade sterrate, veramente sterrate ma alla fine siamo arrivati a Zaros. Altre 13 euro a cena e altra super sgrifata, camera confortevole, personale gentilissimo, che il giorno dopo ci ha fatto trovare una colazione CLAMOROSA. Non consigliato per chi vuole mantenere la linea

  • 9992 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social