Cremona, una città da scoprire

Lunedì dell'Angelo tra Soncino e la città dei violini

  • di Davidoof
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 5
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Come ogni lunedì dell'Angelo che si rispetti anche quest'anno non ci siamo fatti mancare la classica gita fuori-porta. Nonostante la relativa vicinanza dal nostro domicilio (circa 120 km) non avevamo mai preso in considerazione di visitare Cremona. Di buon mattino il sottoscritto (Davide), mia moglie Chiara, il piccolo Gianluca ed i miei genitori raggiungiamo Soncino, prima meta della nostra giornata. La cittadina, che dista una trentina di km da Cremona, è famosa soprattutto per la sua Rocca, al cui interno però, a dire il vero, non è rimasto granché. Nonostante ciò la visita è comunque piacevole considerando anche che, grazie al biglietto d'ingresso (di 4 euro), abbiamo potuto visitare anche il Museo della Stampa dove sono conservati, tra gli altri, i primi macchinari usati dai lavoratori del settore. Dopo una breve passeggiata lungo il corso principale (Soncino è uno dei Borghi più belli d'Italia) in cui spicca Piazza Garibaldi, riprendiamo la macchina per spostarci in quel di Cremona. Con un discreto colpo di fortuna riusciamo a parcheggiare (gratis) a meno di un km dal centro storico e, essendo già ora di pranzo, ci incamminiamo direttamente verso il ristorante scelto grazie a Tripadvisor. Essendo quest'ultimo purtroppo chiuso abbiamo ripiegato, senza troppi fronzoli, sull'Angolo dei Templari, un locale gestito da cinesi dove, nonostante l'atmosfera cupa, non ci si può certo lamentare del rapporto qualità-prezzo. Con la pancia piena iniziamo il nostro tour da Piazza del Comune dove sono concentrati i principali monumenti della città. Oltre al bellissimo Duomo, al Battistero e a diversi bei palazzi, è da vedere anche l'imponente Municipio. Ma è la visione complessiva della piazza a sorprendere maggiormente, l'impatto scenografico non ha nulla da invidiare ad altre piazze italiane ben più conosciute. Per chi non ha problemi di fiato consiglio anche la salita sulla Torre Campanaria (detta Torrazzo), che, con i suoi 112 metri, è la più alta, tra quelle in muratura, di tutta Europa. Dalla sommità di quest'ultima si gode di una splendida vista sulla città e sulle campagne circostanti. Percorrendo Corso Campi (la via dello shopping) quindi Corso Garibaldi giungiamo in uno slargo dove si trovano la bella Chiesa di Sant'Agata ed il Palazzo Cittanova. Dopo una breve sosta presso la Chiesa di Sant'Agostino arriviamo poi in Piazza Stradivari, il cui nome ci ricorda uno dei più famosi violinisti italiani a cui la città ha dedicato un Museo che raccoglie una serie di bellissimi esemplari. Vorremmo ancora contemplare per qualche attimo la Piazza del Comune (che al tramonto assume un atmosfera davvero bella) ma è giunta l'ora di tornare a casa. Non dubitiamo che le immagini di questa scampagnata rimarranno a lungo nelle nostri menti.

Dove abbiamo mangiato:

L'Angolo dei Templari

Largo Boccaccino, 38

Cremona

Locale, la cui ambientazione è sicuramente da rivedere, ma con un buon rapporto qualità-prezzo.

  • 3102 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social