In Costa Rica: Surf, tartarughe e sorrisi

Siamo partiti a novembre del 2005 e abbiamo volato a San José, capitale del Costa Rica, via Caracas con Alitalia, risparmiandoci le procedure doganali statunitensi che avremmo trovato via Miami. Da San José prendiamo un tour organizzato per visitare il ...

  • di francorimini
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Siamo partiti a novembre del 2005 e abbiamo volato a San José, capitale del Costa Rica, via Caracas con Alitalia, risparmiandoci le procedure doganali statunitensi che avremmo trovato via Miami.

Da San José prendiamo un tour organizzato per visitare il parco naturale del Tortuguero, sull’Atlantico. Il viaggio di andata richiede quasi tutta la giornata e si svolge prima in autobus lungo piantagioni di banane e poi in battello in una fitta rete di canali nella foresta vicino alla costa.

Alla fine arriviamo in un lodge immerso nella foresta tropicale, adiacente alla spiaggia dove le tartarughe marine vengono a deporre le uova, ne abbiamo viste tante ed è stato uno degli spettacoli più affascinanti della nostra vita.

Il giorno dopo facciamo una passeggiata nella foresta con una guida che ci illustra l’incredibile varietà di piante e animali: scimmie, caimani, tucani, rane velenose, aironi, iguane, ragni e farfalle enormi... perfino un bradipo.

Torniamo a San José dove prendiamo un’auto a noleggio - un fuoristrada - prenotata in anticipo, con cui saremo completamente indipendenti fino alla fine del viaggio.

La stretta striscia di terra che collega Nord e Sud America (la Costa Rica è subito a Nord-Ovest dell’istmo di Panama) è ricca di vulcani, che qui arrivano fino a 3800 metri di quota. Ci proponiamo di vedere il vulcano Arenal, con una strada che arriva fino al cratere, la giornata è sgombra di nuvole ed è uno spettacolo vicinissimo, si vede un pennacchio di fumo e si sente il rumore delle eruzioni. Poi trascorriamo tutta la giornata alle terme del Tabacon, fra un bagno caldo nelle piscine termali e un cocktail; una giornata meravigliosa! Da San Josè andiamo nel Pacifico Centrale a fare Surf in una delle spiaggie più famose del mondo per il Surf: Esterillos Oeste. A Esterillos Oeste abbiamo trovato un alberghetto delizioso dal nome evocativo "La Dolce Vita" affacciato sulla spiaggia, in mezzo alle palme, ai pappagalli (Lapas) e dal prezzo convenientissimo. Lì abbiamo passato una settimana facendo surf dal mattino alla sera. Finita la settimana abbiamo poi potuto raggiungere Il Parco di Manuel Antonio, con il suo Puerto Escondido e successivamente la Penisola di Hoza, che è il luogo più selvaggio del Costa Rica. Al di fuori della zona di San José e di un paio di strade di attraversamento del Paese, le condizioni delle strade sono, piene di buche enormi. Neanche la strada Panamericana fa eccezione. Sarebbe saggio procedere “a vista” evitando le buche una per una, ma i locali corrono lo stesso, con scarti imprevedibili.

Prima di ripartire per l’Europa, facciamo ancora una visita al parco di Braulio Carrillo, facilmente accessibile da San José, dove il "Canopy",una insolita teleferica che corre al livello della chioma degli alberi, permette di vedere la foresta da una prospettiva inconsueta e affascinante.

  • 936 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social