Costa Rica, pura vida

Tour nel paese della "pura vida" immersi nella natura… tra snorkeling, trekking ed escursioni

  • di GIANNIBON
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 15
    Spesa: Oltre 3000 euro
 

Siamo in 15 a partire con questo viaggio di Avventure nel mondo guidati dalla capogruppo Elena, tutti curiosi di gustare la “pura vida” che il Costa Rica può dare. Ci aspettiamo un’immersione nella natura rigogliosa sperando di incontrare gli animali tipici: scimmie, bradipi, tucani e pappagalli colorati. Provo a fare un resoconto del nostro viaggio che possa essere utile per coloro che vogliono valutare di effettuarlo in futuro.

4 Agosto

Partiamo in 14 da Linate e una da Roma per Madrid dove ci aspetta il volo per San Josè in Costa Rica (2 + 10 ore di volo). Arriviamo nel pomeriggio locale e ci rechiamo presso l’hotel ad Alajuela. Siamo tutti stanchi ma qualcuno non rinuncia ad effettuare un giretto nel centro della città. Alla fine non ne valeva la pena e chi è rimasto a riposarsi in camera non si è perso nulla. Ceniamo direttamente in albergo ed uno alla volta crolliamo per il sonno.

5 agosto

Partenza da Alajuela per visitare la cascata La Paz. Sosta a Sant'Isidro de Alajuela a vedere piantagioni di caffè e bere un buon espresso a 2 $. La cascata si vede dalla strada e ci si può recare dietro la stessa per la foto di rito condita con un po’ di spruzzi d’acqua. Sosta dopo la cascata al ristorante Colibrì dove abbiamo il primo incontro con questi piccoli uccelli attirati dai dispenser di acqua zuccherata. Arrivano anche alcuni tucani molto colorati. Dalla terrazza si vede in lontananza la cascata appena visitata. Se si mangia presso il ristorante la visita è gratuita, altrimenti 1$ a testa. Lungo la strada vediamo il Pisote, sembra un incrocio tra un tapiro ed un maialino. Partiamo in direzione Tortuguero, sulla costa caraibica, ci vogliono 3 ore visto il traffico ed una sosta a Porto Vejo per il pranzo in una soda. Arrivati al porto sul fiume ci imbarchiamo con bagagli ridotti, lasciando il resto sul bus. Dopo un’ora di navigazione arriviamo al parco. Durante il tragitto abbiamo visto solo un coccodrillo, 3 basiliscos (somigliano ai camaleonti ma corrono sulle zampe posteriori anche sull’acqua) e pochi uccelli. Il paesino è carino, la parte migliore è quella verso il fiume mentre rimane selvaggia quella verso il mare. Spiaggia di sabbia scura in quanto mescolata alla terra. Alloggiamo Hotel Cabinas El Muellecito, spartano ma carino solo la nostra camera era indecente. La cambiamo ma la nuova non ha la porta del bagno e la notte una goccia continua a cadere e rompe parecchio. La sera escursione a vedere le tartarughe che depongono le uova. È stata la cosa più emozionante del viaggio, ma non l’abbiamo gustata a pieno in quanto le 8 ore di fuso orario si fanno sentire e ci addormentiamo mentre il biologo ci spiega cosa vedremo. Andiamo poi in spiaggia dove vediamo e tartarughe che scavano la buca, depongono le uova e ritornano in mare. Noi non vedevamo l’ora di andare a letto. Questa bellissima escursione andrebbe fatta dopo qualche giorno per aver assorbito meglio il fuso orario.

6 agosto

Causa uno strappo alla schiena, io e Antonella saltiamo l'uscita in canoa all'alba. Chi è andato ha visto un bradipo e 3 coccodrilli. Partiamo poi in barca verso porto Limon, 3 ore e mezza, per poi andare a Porto Vejo de Talamanca. Paesino di mare carino con locali con musica dal vivo. Pernottamento all’hotel Guarana gestito da un italiano.

7 agosto

Visita al parco Cahuita. Passeggiata di circa 4 ore e mezza per fare circa 6km in una foresta lungo la costa

  • 4052 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social