Costa Rica, meraviglie continue

Un viaggio fai da te nelle meraviglie della natura di un paese che considera l'ambiente come una risorsa per il proprio avvenire

  • di Epicurum
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 1
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Sono sempre stato attratto dalle immagini naturalistiche, cioè di esemplari del regno animale e vegetale immersi nel loro habitat. Il viaggio in Costa Rica è nato da questa esigenza che devo dire non è stata delusa. Qui seguono alcune note sulle scelte pratiche che ho fatto anche in base a quanto letto su questo ed altri siti da altri viaggiatori. Dato che è stato un viaggio fai da te penso che chi ha intenzione di rivolgersi a tour operator per organizzare il proprio viaggio, possa evitare di proseguire la lettura.

Chi invece, come me, preferisce la massima autonomia "spaziotemporale", spero sia in qualche modo supportato, e perché no, stimolato dalla lettura delle mie esperienze. Per prima cosa alcune informazioni pratiche.

Gestori telefonici - a differenza di quanto faccio solitamente in Costa Rica non ho acquistato una scheda telefonica locale. Mi sono affidato agli hot-spot di alberghi e ristoranti e ho quasi sempre trovato wi-fi efficienti e veloci.

Denaro e cambio - consiglio di disporre di Colòn per le piccole spese quotidiane. I dollari americani sono una alternativa al pagamento (normalmente 1$ = 500 colòn). Gli sportelli di cambio non sono molto diffusi. All'arrivo è possibile ottenere colòn in aeroporto, ma con commissioni pesanti. Io ho cambiato il più delle volte presso le banche, normalmente facendo la coda, anche di diverse decine di minuti.

Cibo e beveraggi - abituato come sono a viaggiare in Asia qui la scelta del cibo si è rivelata più semplice e meno varia, ma è difficile sbagliare. Ho sempre mangiato bene, ad eccezione delle colazioni che a volte erano insufficienti e squallide. Consiglio il pesce, davvero notevole. Il "gallo pinto" (riso saltato con fagioli e spezie) dopo un po' stanca. Il costo del cibo è abbastanza variabile, in media dagli 8 ai 15 dollari. Fantastici invece i frullati (batidos). Il mio preferito era quello di piña (ananas), veramente succulento. L'onnipresente birra Imperial si lascia decisamente bere.

Spostamenti - dato il budget limitato il mio volo prevedeva 3 tratte, l'ultima Toronto - San José dato che toccava il suolo canadese anche solo per poche ore, prevedeva un aggravio di 50$, a causa dell'Eta canadese (Elettronic Travel Authorization). Occhio quindi a prevedere anche questa "tassa" nel caso in cui si faccia tappa in Canada. Per i trasferimenti interni mi sono affidato ad una compagnia di mibibus door to door: "Interbus Online" che si è dimostrata affidabile e puntuale. Io ho prenotato tutti i trasferimenti dall'Italia, e anche nel caso di modifiche a prenotazioni non ci sono state difficoltà. Il prezzo medio di ogni trasferimento è intorno ai 50$ per 4 o 5 ore di viaggio. La rete di Interbus Online copre quasi tutti gli hotel, ma è meglio verificare sempre sul sito. Il fatto di noleggiare una macchina mi sembra una scelta che presenta più complicazioni che vantaggi, ma è una valutazione personale.

Multimedia - data la peculiarità del viaggio e la sua impronta naturalistica sconsiglio vivamente di recarsi in Costa Rica con il solo cellulare, immaginando di potere fare fotografie o video senza uno zoom, o peggio con lo zoom digitale. Comprate o fatevi prestare una fotocamera seria, non importa che sia una reflex o una compatta o una bridge, purché abbia uno zoom almeno di 10X. La mia Canon SX60 con il suo zoom miracoloso (65X) è stata una fedele compagna di viaggio e mi ha permesso di fare fotografie e riprese video avvicinando i soggetti in modo sorprendente. Data la sua flessibilità di utilizzo non la cambierei con una reflex, anche se in alcuni casi la luminosità di una reflex mi sarebbe servita, ma non si può avere tutto. Direi che la Canon SX60 è un compromesso sontuoso per un viaggio naturalistico. Per par-condicio, altri modelli di superzoom sono la Sony DSC-H400, la Panasonic DMC-FZ72, la Nikon COOLPIX B700. Per la messa in carica di batterie e cellulari considerate che la presa è quella americana (due barrette parallele), quindi vi consiglio un connettore ad hoc. Io porto in tutti i miei viaggi una ciabatta con un cavo di un paio di metri per potere ricaricare cellulare, pc, tablet, fotocamere senza impazzire

  • 4316 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social