Costa Azzurra, il nostro primo viaggio in tre

Un tour insieme alla nostra bimba di 5 mesi tra di città, mare e tante nuove esperienze

  • di Redeyes5
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Per il primo viaggio insieme alla nostra bimba di 5 mesi scegliamo la Costa Azzurra, un mix di città, mare e tante nuove esperienze da vivere insieme!

SABATO 09/06/2018

Partiamo verso le 8.30 da Modena a dopo una sosta in autogrill per fare la pappa alla piccola arriviamo circa all’una a Mentone, la nostra prima tappa. Abbiamo scelto l’hotel Richelieu, 5 minuti a piedi dal centro storico, un 2 stelle pulito e senza pretese ma la camera è davvero minuscola e purtroppo poi ci hanno pure messi nella camera davanti la reception! In compenso il personale è molto gentile e si fa in 4 per aiutarci con la piccola.

Per pranzo, dati i prezzi dei ristoranti sul bellissimo lungomare, scegliamo un banale mc donald’s perché sono ormai le 14!

Oggi pomeriggio decidiamo di visitare uno dei giardini privati per cui Mentone è famosa. La nostra scelta ricade su Jardin Val Rahmeh, principalmente perché uno dei più comodi da raggiungere. L’ingresso costa 7 € a testa e il percorso di circa un’oretta si snoda attraverso cactus, laghetti con ninfee, foreste di bambù e tantissime altre piante. Le frequenti scale non rendono agevole il percorso col passeggino, ma Matilde, la nostra piccola, si è addormentata all’ingresso del parco e quindi non ci resta che sollevarla con tutto il passeggino!

Al termine di questa visita, scendiamo di nuovo sul lungomare e ci fermiamo un’oretta alla spiaggia Les Sablettes, spiaggia ghiaiosa con acqua cristallina ma freddina ancora e un lungomare pieno di negozi, ristorantini e locali.

Per cena, ci dirigiamo in centro dove ci sono una marea di ristoranti con formula menù a prezzo fisso e scegliamo “La Piazzetta” mangiando la famosa soupe de poisson, le moules (cozze), linguine ai frutti di mare e un fritto. La cena è senza infamia e senza lode, il conto invece è abbastanza salato… una costante qui in costa azzurra. Dopo una breve passeggiata sul lungomare per ammirare il centro storico di sera, andiamo a nanna!

DOMENICA 10/06/2018

Stamattina ci dirigiamo in centro a fare colazione con brioches, caffè e spremuta e acquistare al supermercato dell’acqua che altrimenti ci costa un patrimonio! Poi partiamo con l’auto per un giro panoramico che si snoda tra la Moyenne Corniche e la Grande Corniche; queste strade ricche di curve e tornanti a strapiombo sul mare regalano fantastici panorami sulla costa e sul principato di Monaco, oltre a collegare le località costiere con alcuni dei borghi arroccati più interessanti della zona.

Noi visitiamo La Turbie, con il bellissimo Trophee des Alpes, un imponente resto romano che sovrasta il borghetto; poi arriviamo a Eze, che visitiamo con Matilde nel marsupio (assolutamente no passeggino). Eze è uno splendido villaggio medioevale con stradine acciottolate, botteghe artigiane, splendidi relais, localini e ristoranti abbarbicati sulle stradine ripide e un incantevole giardino esotico a strapiombo sul mare che regala un panorama bellissimo… peccato che si sta tutto annuvolando e c’è tantissima foschia! Che peccato!

Decidiamo di ritornare in hotel per fare la pappa a Matilde e vedere cosa fare dato che il tempo sembra peggiorare… a pranzo torniamo nel solito centro di Mentone e mangiamo due crepe bretonne, una sorta di crepe ma fatta con la farina di grano saraceno, una farcita con salsiccia, uova e funghi e l’altra con caprino, noci, miele e rucola. Buonissima! Ricordatevi in Francia di chiedere sempre l’acqua in caraffa (caraffe d’eau fraiche) che sarebbe l’acqua del rubinetto, altrimenti una bottiglietta d’acqua da mezzo litro può costare anche 4 euro!

Finalmente esce il sole di nuovo e allora prendiamo il bus che con 1.50€ a testa ci porta a Montecarlo, altrimenti il parcheggio per l’auto sarebbe costato un occhio della testa; inoltre abbiamo trovato un fantastico parcheggio gratis a Mentone e quindi non vogliamo spostare la macchina. Scendiamo all’altezza del Casinò dove entriamo a dare un’occhiata agli sfarzosi interni… chissà di sera che personaggi ci girano! Poi ci concediamo una passeggiata lungo il porto e il famoso circuito di Formula1 ma desistiamo nell’impresa di andar su fino al palazzo dei principi col passeggino, troppo caldo e troppa fatica! Riprendiamo il bus per visitare il giardino giapponese, piccolino ma curioso… e gratuito! Sulla via del ritorno decidiamo di fermarci un po’ in spiaggia, ma si riannuvola!! Che sfortuna! Per cena ci concediamo una pizza, alla Pizzeria il Vesuvio sempre nella solita piazza del centro: non male anche se molto costosa!!

LUNEDì 11/06/2018

Stamattina purtroppo piove! Noi dopo la solita colazione, ci dirigiamo all’Hotel de la Ville di Mentone, il municipio, per visitare la Salle des Mariages (€2) affrescata da Cocteau. Siamo da soli e quindi ce la possiamo godere e guardare in ogni particolare, molto singolare come sala dei matrimoni!

Proseguiamo con la visita della Basilica di San Michele Arcangelo che si può raggiungere tramite le scalinate che partono dal lungomare, ma noi col passeggino scegliamo una strada dietro che comunque è abbastanza faticosa. La piazza con la basilica e la Cappella dei Penitenti Bianchi è maestosa, mentre gli interni non sono altrettanto scenografici.

Gironzoliamo un po’ lì intorno per le vie della città vecchia di Mentone, scattando un po’ di foto e poi facciamo su armi e bagagli per raggiungere Marsiglia. Dato il brutto tempo di oggi, anche se nel frattempo ha smesso di piovere ed è solo un po’ coperto, decidiamo di fare una fermata intermedia al Museo Chagall di Nizza che non eravamo riusciti a visitare in un precedente viaggio a Nizza in quanto si trovava in ristrutturazione. Ne è valsa veramente la pena, nonostante l’ingresso un po’ caro (10 €), il museo raggruppa 17 tele a tema religioso che dovevano essere inizialmente esposte nella chiesa di Vence e poi invece sono state spostate in questo spazio museale. Consiglio anche il noleggio dell’audioguida che segue di pari passo la vita dell’artista e la realizzazione delle opere, anche se purtroppo io non ho avuto il tempo di ascoltarla tutta

  • 5324 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social