Corsica itinerante

Giro dell'isola in auto e in tenda, da Bastia a Bonifacio, per ammirare le bellezze dell'Ovest

  • di moniasvario
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

GIORNO 1: CASA- CALVI (CORSICA)

In partenza da casa alle 2 della mattina, percorriamo senza problemi la strada che ci divide dal porto di Livorno, dove giungiamo alle 6,30. Abbiamo il traghetto della Corsica Ferries alle ore 8 ed è suggerito essere al porto con un’ora di anticipo.

La traversata scorre lenta; attracchiamo alle 12,45 a Bastia uscendo poi dalla città verso il Col de Teghime, davvero panoramico sia dal lato Bastia che da quello che si affaccia su St. Florent. Ci fermiamo poco sotto al colle per un pranzo al sacco e scendiamo verso Saint Florent, percorrendo il Deserto des Agriates lungo al D81; in stile ‘chiesetta di Kill Bill’ la Cantoniera che si incontra vicino all’abitato di Baccialu, affiancata da un albero dal tronco ricurvo, è davvero particolare. Successivo stop a Ile Rousse, posteggiamo a pagamento accanto al porto e ci incamminiamo alla torre e poi al faro, passeggiata che merita davvero per la vista panoramica sul piccolo golfo sottostante. Stanchissimi giungiamo nel tardo pomeriggio all’Hotel ‘Il tramonto’ prenotato su Booking da casa, ci concediamo il tempo di una pennichella di un’oretta poi, dopo una doccia ristoratrice, siamo pronti per uscire a cena nell’abitato di Calvi. Il bel paesino offre diverse opportunità; i menu si assomigliano un po’ tutti quindi scegliamo (più o meno a caso) il ristorante ‘A Cicale’. Dopo cena saliamo alla bellissima cittadella illuminata da lampioni arancioni finchè calcoliamo che siamo in piedi dall’una di mattina, stiamo facendo la 24 ore no-stop, decidiamo quindi che forse è il caso di rientrare in hotel.

GIORNO 2: CALVI- PORTO

La sveglia suona alle 7,20 ma riusciamo a uscire dall’albergo solo alle 9,15; ci rechiamo di nuovo nel paese di Calvi, per vedere la Cittadella alla luce del sole, trovando fortunatamente un posteggio sottostante le mura e ancor più fortunatamente all’ombra! Ci aspetta un’altra giornata di caldo torrido! La passeggiata è davvero bellissima, scendiamo al porto, compriamo una baguette in boulangerie e un caffè al bar. E’ quasi mezzogiorno, impostiamo quindi il GPS in direzione di Porto-Ota e si va! Sarebbe stato bello percorrere la D81B costiera fino a Galeria, ma il tempo a disposizione non ce lo permette. Affrontiamo invece delle zone montuose ricche di sali-scendi fino a giungere al Col de la Palmarella da cui si gode una vista pazzesca sulla Riserva Naturale della Scandola, con le sue tipiche conformazioni rocciose di color rosso. Procediamo in auto, è quasi l’una e, superato il Col de la Croix, ci fermiamo in uno spiazzo per decidere il da farsi. L’idea sarebbe di scendere a Porto Ota (destinazione finale di oggi), prenotare un posto nel campeggio, montare la tenda e poi risalire al Col de la Croix dove inizia il trekking che porta a Girolata. Ma dato che il navigatore ci indica come tempo necessario raggiungere Porto 40 minuti + ulteriori 40 minuti per tornare + il tempo per montare la tenda... ad andar tutto liscio riusciremmo a incamminarci intorno alle 16 e, calcolando poi 3 ore di percorso a piedi a/r, valutiamo che l’ora diventerebbe troppo tarda. Decidiamo quindi di fare subito la passeggiata, nonostante ci imbattiamo nell’ora più calda del giorno e nella possibilità di non trovare posto in campeggio arrivando in serata.

Dopo un pranzo al sacco ci avventuriamo intorno alle 14 per la nostra gita, un mix di passaggi in ombra (boscaglia) e alcuni sotto il sole cocente che non da’ tregua. Siamo buoni camminatori, ma la condizione climatica di caldo estremo ci debilita non poco… Giungendo alla bella Spiaggia di Tuara si presentano due sentieri:

*Variante tra mare e monti; che a spanne ci sembra più lunga e con una pendenza maggiore perché sale sul monte;

* Chemin de Facteurs, costiera, che dovrebbe regalarci un po’ di venticello dal mare...(speranza disattesa)

  • 26999 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social