Corsica, che meraviglia!

Alla scoperta dell'isola della bellezza

  • di donna.v
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Qualche mese fa (febbraio 2015), con una cartina geografica davanti cercavo un posto dove fare un po di campeggio, e pensai: Corsica, perché no? La Corsica che se ne sta lì, zitta zitta in mezzo al Mediterraneo forse poco conosciuta... certo sapevo che avrei visto le tante cose belle descritte nelle guide...mai avrei pensato di trovare tanta bellezza, una bellezza selvaggia, a tratti quasi commovente, paesaggi incontaminati che stanno lá a ricordare all'uomo quanto é piccolo e insignificante davanti a tanto...non a caso la chiamano l'Isola della Bellezza, Kallistè appunto...

Il viaggio mio e di Giulia inizia il 2 Giugno 2015. Partiamo alla volta di Livorno facendo tappa nella bellissima Massa Marittima. Passeremo la notte a bordo del traghetto Moby Vincent che parte il 3 mattina, e grazie a questa possibilità passiamo una notte riposante sulla nave senza dover fare un'alzataccia!

Il 3 alle 13.00 siamo già sulle strade della Corsica il direzione Porto Vecchio. Ci fermiamo per pranzo a fare un picnic vicino al mare nella zona di Ghisonaccia. Poi tiriamo dritto fino a Porto Vecchio dove si presenta un problema: il campeggio che avevo scelto è ancora chiuso, dobbiamo cambiare campeggio e quello scelto, pur grande e attrezzato, non è di mio gradimento, questo ci costringerà a modificare i nostri piani. Intanto la prima sera usciamo alla scoperta di Porto Vecchio, cittadina deliziosa ricca di vitalità. Difficilissimo trovare parcheggio, è piena zeppa di gente seduta ai tavolini dei numerosissimi locali. Noi scegliamo Sous la Tonnelle, in Rue Abbatucci, per la nostra prima cena corsa a base di salumi e formaggi locali accompagnati dalla buonissima Pietra, la birra locale.Una giornata totalmente dedicata alle spiagge più belle, dicono, della Corsica.

In mattinata ce ne andiamo sulla baia di Santa Giulia, veramente stupenda. Molto grande, non eccessivamente affollata, i colori del mare sono incredibili. Per pranzo ci gustiamo un'ottima frittura di calamari e patatine fritte per Giulia, sulla terrazza del ristorante della spiaggia. Un vera goduria pranzare all'ombra con la vista insuperabile della baia. Nel pomeriggio ci trasferiamo alla Palombaggia, altra bella spiaggia che però mi delude un po'. La spiaggia è stretta e delimitata da una recinzione, comunque il mare è meraviglioso.

Oggi esploriamo Bonifacio, forse la località più turistica della Corsica, le stradine sono piene di gente, negozi di souvenir e bar sono dovunque e sono stracolmi di turisti anche se non siamo in alta stagione. Prendiamo il trenino che ci fa fare il giro dell'intricato centro storico e ci fermiamo a mangiare in uno dei tanti ristoranti che servono le cozze, ottime e abbondanti. Gita in barca per ammirare la costa, stupenda! Nel primo pomeriggio, sulla via di ritorno a Porto Vecchio, ci fermiamo alla spiaggia della Rondinara, il vero paradiso di tutta la Corsica, a mio parere.

Lasciamo Porto Vecchio in direzione Evisa, dove soggiorneremo due notti in hotel per poter fare il giro in barca nel Golfo di Porto, Patrimonio Mondiale dell'Umanità. Un lungo trasferimento passando per la Foret dell'Ospedale, zona boschiva di grande fascino, Zonza, le Aguilles de Bavella, Ajaccio e le Isole Sanguinarie.

Ogni commento è superfluo sulla bellezza del Golfo di Porto, la Riserva di Scandola, le Calanche di Piana, luoghi incontaminati visitati in una giornata memorabile. Con l'agenzia Via Mare scopriamo le calette e le rocce a picco sul mare, una gita di tre ore con tappa alla mitica Girolata, paesino dove non ci sono strade.

L'ultima tappa del viaggio, dove staremo qualche giorno presso il Camping L'Olzo, è Saint Florent. Piccola cittadina all'inizio del "dito", base ideale per visitare il Cap Corse, la Casinca e la Castagniccia. Per arrivarci da sud si costeggia l'affascinante deserto degli Agriates, una regione di macchia mediterranea caratterizzata da basse montagne coperte dalla gariga, vegetazione bassa, secca durante l'estate. E' l'unica grande zona della Corsica senza strade costriere, le baie e le spiagge di questa zona, come quelle di Lodu e Saleccia, possono essere raggiunte solo via mare o con mezzi fuoristrada

  • 23054 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social