Il Deserto della Tatacoa

Bisogna sapere che in Colombia durante l’anno ci sono decine di lunedì festivi o ‘puentes’. Questo perché una legge, la Legge Emiliani (solo un discendente di un italiano poteva), ha determinato che se una festa cade un giorno della settimana, ...

  • di davovad
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Bisogna sapere che in Colombia durante l’anno ci sono decine di lunedì festivi o ‘puentes’. Questo perché una legge, la Legge Emiliani (solo un discendente di un italiano poteva), ha determinato che se una festa cade un giorno della settimana, si sposta automaticamente al lunedì successivo. La gente festeggia felice, però nessuno si ricorda più che festa sia.

Decidiamo di approfittare di uno di questi ponti per visitare il deserto della Tatacoa.

Partiamo la mattina presto dal terminal terrestre di Bogotá su un bus diretto a Neiva, la capitale del dipartimento del Huila. La autopista sud si lascia alle spalle la località di Ciudad Bolívar ed il municipio di Soacha. Dopo aver percorso tratti di campagna pianeggiante, la strada comincia a scendere lungo la valle del fiume Magdalena, seguendo il corso dell’inquinatissimo río Bogotá. La vegetazione diventa sempre più rigogliosa e la temperatura aumenta. Lasciamo il río Bogotá perdersi nel Salto del Tequendama e proseguiamo verso Silvania e Fusagasugá. Arrivati a Melgar la strada corre incassata nello stretto canyon dell’impetuoso río Sumapaz. A Girardot attraversiamo il río Magdalena, ci lasciamo alle spalle il dipartimento di Cundinamarca ed entriamo nel Tolima. Dopo tanta montagna, la pianura tolimense è quasi irreale. Il bus sfreccia sulla strada rettilinea, circondata da campi di riso. A sinistra la Cordillera Oriental, a destra la Central.

35 chilometri prima di arrivare a Neiva, ci facciamo lasciare sulla strada in corrispondenza di Aipe. Sono le tre del pomeriggio, fa caldo. Ci beviamo una gazzosa in un baretto vuoto con una invitante piscina ed affrontiamo la camminata fino al paese, che ci accoglie con una roccia sulla quale sono state scolpite delle figure di indigeni, condor, e frutta.

Il paesino conserva tracce di architettura coloniale, nella piazza principale è tutto un fervore per la festa del paese. In Colombia, come nel resto del Sudamerica, si pranza tra le dodici e le due, dopo è difficile trovare qualcosa. Riusciamo a stento a trovare da mangiare e ci facciamo indicare il cammino per l’imbarcadero. Seguiamo un sentiero che esce dal paese e si inoltra nella campagna fino al Río Grande della Magdalena. Non ci sono canoe in vista. Sulla riva tre persone cercano di far passare un toro dall’altra parte del fiume. L’impresa non è facile, il toro non vuole proprio saperne. I tre lo tirano con una corda finché riescono a farlo entrare nell’acqua. Salgono su una lancha (canoa a motore) e lo mantengono assicurato con una corda, mentre il toro cerca di nuotargli dietro. Dopo un po’ passa un contadino, che ci racconta vari episodi di affogamenti avvenuti in quel tratto di fiume, tra cui una coppia appena sposata. Mia moglie non sa nuotare, lo ringrazia di cuore! Il posto è bello, ci viene quasi voglia di mettere giù la tenda sulla riva, se non fosse per il pericolo di piene improvvise.

Arriva il barcaiolo. Siamo gli unici due passeggeri. Ci porta fino all’isola che si è formata nel mezzo del fiume. Da lì seguiamo un sentiero fino all’altro lato, dove ci aspetta un altro barcaiolo, che in breve ci conduce alla riva opposta del Magdalena.

Qui si trova Villavieja, il posto dove originalmente fu fondata Neiva nel 1551, che però venne abbandonata a causa degli attacchi degli indigeni. Percorriamo le stradine fiorite fino alla piazza principale. In un angolo della piazza si trova una bella casona coloniale adibita ad hotel. Avrebbe bisogno di qualche ritocco, però nel complesso è molto accogliente. Prendiamo una stanza e aspettiamo che finisca il giorno, mentre varie guide si offrono di portarci nel deserto in jeep. Di notte, con gran disappunto, ascoltiamo il gocciolio della pioggia, sperando che smetta. La mattina dopo continua a piovere e rimaniamo indecisi sul da farsi. Finalmente smette di piovere, anche se rimangono pesanti nuvoloni neri nel cielo. Già che siamo arrivati a Villavieja non ci sono altre opzioni: decidiamo di andare al deserto

  • 2763 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social