La nostra Cina

15 giorni tra Shanghai, Pechino e Hong Kong, tutto fai da te

  • di Lau_J
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Era da un po’ che avevamo questo “tarlo” della Cina e allora abbiamo deciso di andarci quest’anno.

Dopo avere un po’ consultato vari tour organizzati per itinerari e per farci un’idea del viaggio, abbiamo deciso di andare in completa autonomia, come in tutti i nostri viaggi e di concentrarci sulle grandi città: Shanghai, Pechino e Hong Kong.

Vorrei rassicurare tutti quelli che sono titubanti, per la lingue, per il viaggio, per la logistica in generale, che è assolutamente fattibile da soli: l’inglese serve negli hotel, ma poco in giro, basta essere svegli e abituati a girare e non c’è nessun problema.

Abbiamo comprato il volo di andata e ritorno con Lufthansa a fine aprile a costo comunque ragionevole, con arrivo su Shanghai e partenza da Hong Kong e il volo interno Pechino – Hong Kong.

All’arrivo all’aeroporto di Shanghai, abbiamo optato per un taxi, ma in realtà c’era la metropolitana comodissima che ti porta in tutta la città (ha 16 linee); solo che non essendoci documentati a dovere su questa cosa, e avendo due valigie abbastanza pesanti, abbiamo preferito la soluzione più comoda.

Abbiamo scelto un hotel nella zona della ex concessione francese, una zona carinissima e lontano dal caos delle zone più centrali. Dopo il nostro arrivo, abbiamo girato un po’ per le vie di questa zona (avevamo solo il pomeriggio) e la sera siamo andati al Bund, sia per cena che per dopocena, in un bellissimo locale in cima a un grattacielo con vista sui gratticieli di Pudong e sul fiume. Fantastico!

I due giorni dopo siamo stati ad Hangzhou, dove da visitare ci sono sicuramente il lago (è possibile fare tutto il giro) e le colline con le piantagioni di tea. Ci sono anche parecchi sentieri da fare a piedi, molto carini. Abbiamo visitato anche il museo del Tea, una costruzione nuova, aperta da ottobre. Molto caratteristico.

Siamo tornati per altri 4 giorni a Shanghai e abbiamo girato la città in lungo e in largo e fatto anche una giornata a Zhujaojao, una water town vicino a Shanghai, raggiungibile con 50 minuti di metropolitana + 20 di taxi.

Piccola parentesi sui trasporti: la metropolitana è ben sviluppata in tutte le città e i biglietti si pagano a tratta. Quindi è possibile acquistare una card e ricaricarla di un tot e poi scalare viaggio per viaggio, oppure acquistare i biglietti singoli ogni volta in base alla destinazione. Noi abbiamo fatto così, anche perché ci piace camminare molto, quindi la prendiamo solo se strettamente necessario.

I biglietti si possono fare direttamente alle macchinette automatiche, c’è la traduzione in inglese.

Per quanto riguarda i taxi, quasi nessuno parla inglese, per cui conviene farsi scrivere dagli hotel in cinese le destinazioni oppure far vedere la guida o la mappa.

Dopo Shanghai siamo andati a Pechino in treno (5 ore). I biglietti li abbiamo fatti in stazione , ci sono degli sportelli (pochi) dove parlano inglese ed è necessario avere i passaporti, perché i biglietti del treno sono nominativi e numerati.

A Pechino siamo rimasti 4 giorni e abbiamo visitato quanto più possibile… c’è veramente tanto da vedere (più di Shanghai) ed è difficile girare a piedi perché è molto dispersiva.

Consiglio: per visitare la Città proibita dovete andare al mattino presto a fare i biglietti perché ci sono ‘solo’ 8.500 biglietti disponibili e vi possiamo assicurare che finiscono ogni giorno

  • 9773 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social