Tour in Cina

In giro tra Shanghai, Suzhou, Guilin, Yangshuo, Zhangjiajie e Pechino

  • di by Res
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Shanghai, Suzhou, Guilin, Yangshuo, Zhangjiajie e Pechino (Beijing).

Le elenco in ordine di percorrenza, così come le abbiamo visitate.

Premetto che noi siamo appassionati d’urbanistica e d’architettura e che questo spesso significa girare ai margini degli itinerari turistici alla ricerca di nuovi quartieri o particolari edifici. C’è da dire che per noi girare ai margini significa anche venire a contatto con la gente del posto, vivere le città nei posti dove vivono loro, mangiare quello che mangiano loro e tutto il resto più di quanto si possa fare seguendo indicazioni turistiche ma questo è un altro discorso.

Premetto anche, che in questo caso non abbiamo ignorato itinerari naturalistici e che ne è davvero valsa la pena vedere quello che abbiamo visto.

Altra cosa da dire è che la guida Lonley Planet 2009 per la Cina a nostro avviso è molto carente, mancano delle indicazioni importanti: tanto per fare un esempio , nell’edizione del 2009 hanno tolto dall’indice Zhangjiajie che è una tra le principali località turistiche oltre ad essere un’attrezzatissima e stupenda area naturalistica dichiarata dall’UNESCO patrimonio dell’umanità. Se cercate sulla guida molto attentamente consultando pagina per pagina la troverete liquidata in qualche riga e non scoprirete mai che l’area vanta anche un altro splendido sito di cui parleremo più avanti. Tanto per rimanere sul posto le indicazioni sull’aeroporto sono una vera tragedia visto che su siti come ad esempio quello della China Southern Airlines non esiste la destinazione Zhangjiajie ma bensì Dayong che è la stessa cosa ma bisognerebbe scriverlo chiaramente da qualche parte altrimenti si rischia di perdere tempo a cercare aeroporti inesistenti.

Per i biglietti ferroviari ci sono blog molto più completi, shanghai è liquidata in due paginette e pechino è solo una costellazione di templi e pagodine che come giustamente scritto sulla stessa guida è difficile riconoscere quelli autentici da quelli costruiti ex novo (non restaurati!).

Altre cose da tenere in considerazione sono che:

- quasi tutti i ristoranti segnalati sulle guide si sono attrezzati aumentando vertiginosamente i prezzi quindi meglio evitarli visto che la scelta e la qualità non mancano

- obbligatorio chiedere i prezzi se non sono esposti i e controllare i conti prima di pagare

- le distanze cinesi non sono paragonabili a quelle europee. Ogni isolato è grande almeno il triplo di quello che puoi trovare in una capitale europea quindi preparatevi a camminare o a limite a pedalare

- su tutto quello che comprerete nei mercati e per strada (compresi taxi , guide etc), con la sola esclusione della merce nei negozi con prezzo esposto dovrete contrattare il prezzo che è circa un terzo di quello che vi proporranno. Comprare ad un terzo significa comprare al prezzo giusto (diciamo che potete sperare di fare un buon acquisto), sopra ad un terzo del prezzo l’affare lo fa il venditore a discapito vostro.

- In realtà non è vero che è una tragedia spostarsi e fare le cose perché le indicazioni sono chiare (quasi sempre in due lingue) e poi nelle situazioni più drammatiche spunta sempre fuori un gentilissimo cinese che parla inglese e che vi aiuta ad oltranza a fare quello che volete fare. Al limite si può procedere a gesti visto che fanno molto divertire i cinesi anche se non si riesce a comunicare, non si sa come, alla fine si arriva dove si vuole arrivare.

Tornando al nostro viaggio, arrivati all’aeroporto di Pudong a Shanghai abbiamo preso il treno superveloce a levitazione 420 km/h – 8 minuti per percorrere 30 km dall’aereoporto al bund (quasi centro città) (9 euro) e poi taxi dalla stazione all’ostello situato in posizione centrale (€ 20 circa a notte per la stanza doppia)

  • 10725 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social