Tre settimane in Cina

04 agosto 2006, Eurostar 9423 delle 07,28 … comincia così l’AVVENTURA CINA! A Fiumicino incontro Laura, Alessandro e Antonello. Sul volo Roma/Francoforte chiacchiero chiacchiero chiacchiero … strano no?!! … inizio a tessere ragnatele di rapporti. A Francoforte incontriamo il resto ...

  • di lete
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo
 

04 agosto 2006, Eurostar 9423 delle 07,28 ... comincia così l’AVVENTURA CINA! A Fiumicino incontro Laura, Alessandro e Antonello. Sul volo Roma/Francoforte chiacchiero chiacchiero chiacchiero ... strano no?!! ... inizio a tessere ragnatele di rapporti.

A Francoforte incontriamo il resto del gruppo: due ragazze arrivano da Venezia, in 10 da Milano e sembrano già affiatatissimi ... aiuto, ed io come mi inserirò in questo gruppo di sconosciuti? Check in per il volo su Pechino. Sono sola nella fila dell’aereo ma, devo dormire, e forse è meglio così.

Sabato 5 agosto 2006 - Pechino All’arrivo ci vengono a prendere e ci portano al Rainbow Hotel, decisamente superiore alle mie aspettative. Si dividono le camere e mi viene assegnata come coinquilina Chantal.

Una doccia veloce e poi un taxi verso l’AVIATION BUILDING dove con Laura e Paolo acquisteremo i biglietti aerei per gli spostamenti interni. Iniziano le difficoltà del PIANETA CINA. Il taxista ci ferma in un posto diverso da quello richiesto e ci mettiamo un po’ a capire dove andare. Una volta dentro il palazzo ci “accolgono” tanti sportelli con scritte solo in ideogrammi cinesi e dobbiamo individuare le compagnie giuste per i nostri voli. Non solo, il desk gruppi dell’AIR CHINA si trova al piano superiore. Con santa pazienza riusciamo a definire il tutto.

Gli altri sono al TEMPIO DEL CIELO. Lo raggiungiamo anche noi e, finalmente, inizio a respirare un po’ di quella Cina che ho desiderato da tempo. Il tempio si trova all’interno di un bel parco e nonostante i visitatori siano centinaia, si riesce a visitarlo con relativa tranquillità. Qui si recava l’imperatore (figlio del cielo) per compiere sacrifici, pregare per la sua gente e per un buon raccolto. L’altare del cielo è formato da tre balaustre di pietra circolari (rappresentanti il cielo) poggianti su una base quadrata (rappresentante la terra). Con pilastri in un numero multiplo di nove, numero, secondo i cinesi, che presiede all’organizzazione del mondo. Il Ponte dei Passi Rossi (camminamento sopraelevato) lo unisce al palazzo della preghiera del buon raccolto (Qinian Dian) struttura lignea con un diametro di 30 metri per 38 di altezza, con 28 colonne decorate che la sostengono senza l’ausilio di chiodi. Sia all’interno che all’esterno è ornata da draghi e fenici dorate su sfondi colorati ma, il colore troppo fresco le ruba quel tocco di magia dato dal tempo vissuto.

Il ricongiungimento con il resto del gruppo avviene sulle panchine sotto gli alberi del parco ... compagni di viaggio? Per adesso un gruppo di assonnati! Di nuovo in taxi verso Piazza Tien’an Men. Essendo in 16 ci dividiamo in quattro taxi e, memori dei racconti di viaggio di altri, ci diamo appuntamento sotto il monumento agli eroi del popolo. La piazza infatti è la più grande del mondo e se non si individua un posto preciso, diventa impresa ardua trovarsi, anche perché è costantemente PIENA PINZA di cinesi e turisti.

Appena scesi dal taxi veniamo avvicinati da un gruppo di studenti che sorridendo cercano di attaccare bottone per soddisfare le loro curiosità e parlare un po’ d’inglese. Ci avviciniamo all’entrata della Città Proibita. Sotto il ritratto di Mao Zedong si accalca una folla sorridente sventolante bandierine cinesi. Tutti aspettano l’ammaina bandiera che (insieme all’alza bandiera) giornalmente avviene a un’ora precisa. Noi siamo un po’ in anticipo e decidiamo di non aspettare. Percorriamo la piazza a piedi cercando un ristorante dove assaggiare la famosa “Kao ya”, anatra laccata o alla pechinese

  • 3450 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social