Cile on the road

Lungo la Carretera Austral e sull’isola di Chiloé, tra parchi naturali, vulcani, laghi e mare

  • di TramTran
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Quando il mese scorso ci siamo messi a preparare il viaggio in Cile, non abbiamo trovato molto sulla zona che intendevamo visitare. In effetti c’è abbastanza poco sul Cile in generale quindi speriamo che questa relazione possa essere d’aiuto e invogliare altri viaggiatori ad andare in questo bellissimo paese.

Noi avevamo a disposizione circa due settimane da sabato 21 gennaio a martedì 7 febbraio. Ci siamo messi a monitorare i voli Roma/Santiago su Skyscanner e abbiamo finalizzato il 28/12 con partenza il 22 gennaio e ritorno il 6 febbraio con Air France tramite Lastminute.com al prezzo di € 620 a persona inclusivo di assicurazione annullamento, smarrimento bagaglio e medica (l’ultima decisamente basilare e quindi integrata con un’altra più sostanziosa di Columbus).

Ora dovevamo decidere dove andare in Cile, vista l’estensione verticale del paese con differenze climatiche e distanze enormi tra un’attrattiva e un’altra.

La parte più famosa turisticamente è senz’altro il deserto dell’Atacama con la Valle della Luna situati a nord a 1600 Km. di distanza da Santiago e inizialmente pensavamo di spendere almeno quattro o cinque giorni in questa parte del Cile. Poi, abbiamo valutato che sarebbe stato molto caldo e con un grande afflusso turistico. Inoltre ci lasciava poco tempo per la seconda parte del viaggio e quindi… scartato.

Abbiamo invece optato per dirigerci a Puerto Montt, 1000 Km a sud di Santiago, affittare un’auto, visitare l’isola di Chiloè e poi dirigerci a sud lungo la Carrettera Austral.

Da Santiago avevamo due possibilità: l’aereo con i voli low cost operati dalla Sky Airline (più economica della Latam) o il bus. Alla fine abbiamo scelto la seconda opzione e abbiamo fatto senz’altro bene.

In Cile ci sono moltissime compagnie di bus ed è un modo di viaggiare pratico e volendo anche confortevole. Infatti dopo aver studiato un po’ abbiamo scoperto il servizio “Cama Premium” della compagnia Turbus. Trattasi di pullman a due piani con sedili completamente reclinabili che diventano un lettino. Turbus è anche una delle poche compagnie (forse l'unica?) che permettono di acquistare i biglietti dal sito. In Cile infatti, l’acquisto on line con carte di credito straniere non è affatto facile.

Ma torniamo al viaggio in bus: con l’aereo saremmo arrivati al mattino del 23 a Santiago. Abbiamo quindi prenotato per la notte alle 2030 con arrivo alle 0800 a Puerto Montt e un prezzo/pax di € 70. Ma in questo modo non abbiamo perso tempo per il viaggio e non abbiamo speso niente di hotel per la notte. Appena arrivati a Puerto Montt abbiamo anche prenotato per il ritorno a Santiago con lo stesso mezzo. Abbiamo poi prenotato l’auto tramite Easycar.com che ci ha rilasciato un voucher con la compagnia United per un noleggio dal 24 gennaio al 4 febbraio inclusivo di assicurazione sulla franchigia a € 600.

Sul noleggio un paio di chiarimenti. Noi optiamo generalmente per un consolidatore tipo Autoeurope o Easycar perché offrono di solito prezzi migliori che noleggiando direttamente dai rent-a-car. Offrono inoltre, polizze a copertura della franchigia in caso di incidenti con colpa o di furto. Per il Cile, la scelta di molti è quella di prendere una 4x4 e in effetti sembra siano le macchine più diffuse in assoluto nel sud del Cile. Noi abbiamo optato invece per una macchina a tre volumi costruita per il mercato Sud americano dalla Renault, la New Symbol, (anche se fino al ritiro dell’auto non si può essere sicuri che il modello venga confermato ma almeno la tipologia e le dimensioni devono esserlo) che si è rivelata una ottima scelta

  • 46511 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social