Cile, Bolivia, Perù

Quanti eravamo: 3 , Silvia , Fili e Margò la nostra bimba di 3 anni. Itinerario: Santiago del Cile, Pisco d'Elqui (La Serena), San Pedro de Atacama, Salar de Uyuny, Uyuny, Potosì, Sucre, Copacabana, Cuzco, La Paz. Guide usate: Lonely ...

  • di Jndj
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
 

Quanti eravamo: 3 , Silvia , Fili e Margò la nostra bimba di 3 anni.

Itinerario: Santiago del Cile, Pisco d'Elqui (La Serena), San Pedro de Atacama, Salar de Uyuny, Uyuny, Potosì, Sucre, Copacabana, Cuzco, La Paz.

Guide usate: Lonely Planet Cile, Bolivia e Perù, e le Polaris. Spesa: 3800Euro, aereo + assicurazione per tre.

Laggiù 3500 euro, comprando molte cose.

Viaggio: sacco a spalla e mezzi locali.

Partiamo per il Cile da Firenze il 7 agosto, l'8 siamo a Santiago ed abbiamo un hotel prenotato da Firenze trovato sulla Lonely, Hotel Tokio, Barrio Brasil, 50 dollari a notte con bagno in camera. Un po' freddo e lasciato ad una un po' fuori di testa. Non lo consigliamo.

Stiamo a Santiago per un giorno, pioggia e freddo ci fanno dirottare verso la VAlle dell'Elqui, con un semi kama Tur Bus orrendo in sette ore arriveremo a Vicuna, da lì a Pisco.

Da Santiago fissiamo El Tesoro dell'Elqui, posto meraviglionso gestito da una tedesca, Ina, ganzissima, si spende giusto e si mangia benissimo, le ragazze sono eccezionali. La colazione compresa nel prezzo che era tipo 25 dollari a notte era buonissima e abbondante. Le stanze pulitissime.

Ina ci viene a prendere a Vicuna la sera che arriviamo.

Stiamo 6 giorni, aumentando sempre più la permanenza, la valle è particolare, c'è sempre il sole e un energia che arriva direttamente dall'Himalaya, non chiedetemi come. Si può andare a cavallo, avvistare condor, arrivare dove finisce il mondo ed anche, se non in inverno come noi, in Argentina da passi spettacolari. Visitare l'osservatorio astronomico Mammaluca, interessantissimo per capire qualcosa del cielo australe. Visitare la casa della Mistral, poetessa cilena premio nobel per la letteratura, andare a Cochiguaz dove hanno avvistato UFO e stazionare sul Rio Magico. Bere il Pico e il Pisco sur. Farsi fare massaggi da santoni cileni. Beccare uno che ti vende l'energia, comprare gioielli fatti con il rame e lo stagno.

Dopo vari giorni ripartiamo da Pisco con difficoltà perchè ci dispiace. Con un autobus arriviamo a la Serena, e da lì con Kama meraviglioso della tur bus, meglio che un aereo andiamo a San Pedro di Atacama, 16 ore di viaggio, dormendo la notte su questi sedili in "pelle umana". Il 15 agosto arriviamo nel pomeriggio a San Pedro. Siamo nel deserto, Ina e Stefi del Tesoro ci avevano consigliato dove dormire e prenotato un posto laggiù. Incahuasi, bed and breakfast, gestito da una cilena sposata ad un tedesco, ma lasciato condurre a due ragazzi Argentini in cerca di fortuna.

Il posto è bellino, abbastanza caro, 35 dollari a notte, ma compresa la cucina, soggiorno, etc. La colazione ottima con pane fatto in casa e anche le cene preparate lì per lì in ambiente familiare ad un prezzo onesto visti i prezzi di San Pedro. Staremo 5 giorni, anche perchè San Pedro è a 2500 metri ed è il primo posto alto dove cominciare ad acclimatarsi per i 4900 metri che si raggiungeranno ai Geyser del Salar.

Il paesino è bello bello, spunta tra queste strade dissestate del deserto, un cimitero ed un campo sportivo. Una chiesa bianca e celeste che si staglia sul cielo blu. L'aria del deserto e i vulcani intorno, cani che fan da padroni nelle strade all'alba e al tramonto. Ristoranti cari ma dove si mangia bene, La Estaka sopra tutti. Tantissime agenzie per affrontare il Salar de Uyuny. Seguiamo l'indicazione della Lonely di andare all'Ufficio Turistico per leggere il libro delle lamentele rispetto alla traversata, nel frattempo giriamo tutte le agenzie per capire quale conviene. Pensavamo che il maggior costo fosse sinonimo di qualità, invece no. Cerchiamo un tour privato, perchè avendo la bambina di tre anni non ce la sentivamo di affronatare i 5000 metri legati ad altri. Così siamo liberi di scendere se le venisse il mal di montagna, ci danno il miglior choffer e la compagnia che ha maggiori esaltazioni è l'Estrella del Sur, paghiamo 250 dollari per tre per tre giorni tutto compreso, mi raccomando sottolineare il tutto compreso sennò a volte fanno pagare dei biglietti di ingresso al parco successivamente. Il mangiare ottimo, contro ogni aspettativa

  • 3956 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social