Andamento lento... in Friuli

Una settimana in bicicletta nella parte orientale della regione per apprezzare il lusso della lentezza

  • di cappellaccio
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 1
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Occorrono otto giorni di ferie per realizzare questo cicloviaggio nella parte orientale del Friuli Venezia Giulia tutt’altro che povero di occasioni culturali, ma che mira specialmente ai valori paesaggistici e naturalistici. La maggior parte dei percorsi è collinare, con profili altimetrici ondulati; comunque non è necessario essere dei fenomeni su pedali per arrivare a sera ancora in sesto e non ridotti a uno straccio. Questa vacanza attiva comprende due itinerari: il primo si snoda a margherita a partire da Prepotto, un grumo di abitazioni situato nella valle dello Judrio, a distanza pedalabile dal confine con la Slovenia, il secondo disegna un’asola con due capi sciolti attorno a Gradisca d’Isonzo, una cittadina fortificata dalla Serenissima nel Quattrocento, adagiata sulle sponde del fiume che le dà il nome.

Il tragitto del primo giorno, di circa 30 km, si dipana in provincia di Udine ed ha come punto forte Cividale del Friuli. Questa tappa è poco impegnativa in quanto si dispiega lungo stradine secondarie, generalmente pianeggianti, nella conca del Natisone, in un paesaggio che risulta a tratti selvaggio, a tratti addomesticato dall'uomo: coltivazioni di soia, granturco, seminativi erborati, alberi da frutto e colline segnate dai filari delle viti si alternano a monti ricoperti da boschi. All’andata si seguono i cartelli di Alpe Adria Trail, al ritorno si passa per Grupignano, Firmano, Leproso, Ipplis, Spessa Bassa, fino a tornare a Prepotto. A Cividale meritano una visita l’Ipogeo Celtico, il Tempietto Longobardo, il Duomo, la Casa Medievale e il Museo Archeologico Nazionale. Tuttavia le bellezze naturali di questo luogo sono nascoste e si scoprono solo calandosi giù sotto al Ponte del Diavolo, che sorvola il fiume con due ardite campate. Si scende al greto per una ripida scaletta e dall’interno della forra in cui scorrono le acque color giada del Natisone si ammirano le pareti verticali scavate nella roccia calcarea, ombreggiate nella parte bassa da una vegetazione rigogliosa, e si osserva la sfilza di case dalle facciate dipinte che si innalza una ventina di metri più in alto, a picco sulla gola.

La tappa del secondo giorno, di 40 km, è leggermente più severa rispetto a quella del primo, perché si sviluppa soprattutto nel collio sloveno, la Brda, un mondo morbidamente ricurvo. La strada che porta a Albana, Mernico, Dolegna del Collio e Vencò è scarsamente trafficata; dopo essere entrati in Slovenia invece la densità automobilistica aumenta, ma il panorama ci guadagna: la visuale si apre sulla Brda, ricca di vigneti. A circa 12 km da Prepotto la rotabile decolla in salita fino al castello di Dobrovo, che si raggiunge pigiando ritmicamente sui pedali per una decina di minuti. Il maniero, risalente al XVII sec., ha l’aspetto di un palazzo signorile, sfoggia una pianta quadrata, è munito di quattro torri angolari e ospita un’enoteca e un ristorante. Nel cortile si trova un ufficio turistico, mentre negli spazi esterni adiacenti c’è una mostra fotografica dedicata agli antichi mestieri attualmente scomparsi. Abbandonato il castello si prosegue per Medana e Ceglo. Si rientra in Italia alla chetichella, senza accorgersene. A Russiz di Sotto ci si imbatte in Villa Russiz, un complesso di pregio architettonico formato da una bianca dimora con due torrette laterali, una costruzione gialla dai tetti spioventi, un tempietto sormontato da una cupola e un ombroso parco, colmo di sovrana tranquillità che comprende vari esemplari di tasso di notevoli dimensioni, un paio di querce da sughero e alcune palme giapponesi. Nelle vicinanze della villa, in cima a una collina, svetta il castello di Spessa - in cui alla fine del Settecento soggiornò anche il libertino Giacomo Casanova-, adibito a resort di lusso, affiancato da un campo da golf a 18 buche. Prima di arrivare a Cormons si gira a destra verso Pradis e si sale alla Subida, dominata dalla chiesa di Cristo Re, che fu eretta alla fine del Cinquecento nel luogo in cui avvenne un miracolo: un bifolco si vide costretto dai suoi buoi a sostare davanti a un capitello dov’era collocato un crocefisso, siccome le bestie non si schiodavano di lì il contadino notò che il Cristo stillava gocce di sudore. Sul sito, il mese successivo all’evento prodigioso, fu posta la prima pietra dell’edificio sacro che ora è preceduto da un piccolo atrio colonnato e sormontato da un campanile a vela.

Immediatamente dopo la chiesetta, collocata tra boschi di acacie, la striscia di asfalto avvalla, permettendo alla vista un profondo scorcio panoramico. Più avanti una discesa porta all’ingresso del bosco di Plessiva, sul monte Mò, denso di robinie e castagni, in cui predomina il rovereto. I 33 ettari di questo parco naturale sono di proprietà regionale, invece durante la seconda guerra mondiale non erano affatto un’oasi protetta, visto che furono usati come deposito per le munizioni.

Il castello di Trussio, residenza di caccia dei conti di Spilimbergo fino al 1869 sorge a mezza collina, sotto la località di Ruttars, a guardia della vallata del torrente Judrio. Visto dalla sottostante SP14 per Dolegna mostra uno spesso muraglione fiancheggiato da due massicce torri che incombono sui passanti

Scopri queste e altre storie su Go Live FVG! »
  • 5730 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social