Autunno con i bellissimi colori di Chisinau

Viaggio nella capitale della Moldavia, che cerca un difficile avvicinamento all'Europa. Monumenti, hotel, cibo, mercati e parchi

  • di Enrico 9
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Sarebbe stata la domanda che tutti ci avrebbero posto se avessimo detto dove andavamo; così, avendo visto tante città europee, di quando in quando partiamo per una destinazione “strana”, come Kiev o Sofia o Timisoara, o appunto Kishinev, avvisando praticamente solo il sito “Dove siamo nel mondo”. Non ci aspettiamo molto, solamente di vedere differenze o affinità. E’ chiaro che se ancora non si sono viste le più belle città europee meglio dar loro la precedenza, in caso contrario, a volte la curiosità ha il sopravvento. Abbiamo trovato un volo con Meridiana e siamo partiti all’ora di pranzo e come al ritorno la scelta del cibo in aereo è stata tra una confezione di 2 biscotti o 25 gr. di salatini. Chisinau, 700 mila abitanti, capitale della Moldavia faceva parte dell’Urss da cui è indipendente dal 1991, i primi dell’800 era un villaggio che fu regalato dalla Russia ai Turchi. Arriviamo, anche causa fuso orario, nel tardo pomeriggio al piccolo aeroporto della città, solo 4 gate, cambiamo un po’ di valuta e subito la prima discussione con l’agenzia dei taxi che si trova nella hall dell’aeroporto (ci sono 2 compagnie), in quanto sia su internet che in un cartello esposto stava scritto che la tratta fino al centro costa 90 Leu (circa 15 Leu per un Euro); ce ne vengono chiesti 150 adducendo motivazioni assurde. Diciamo che prenderemo il microbus 165 (3 o 5 Leu) che si trova alla sinistra dell’uscita, ma all’esterno chiediamo ancora ai tassisti della stessa compagnia: concordiamo 120 Leu (all’hotel ci diranno che chiamandolo loro il taxi ci costerà 80 Leu). Giungiamo quindi all’hotel Villa Natali, 3 stelle, situato in centro, 500 metri dalla cattedrale, nelle vicinanze tanti palazzi governativi ed ambasciate, zona sicura come tutto il centro. Paghiamo 60 euro a notte la doppia con colazione, poco, rispetto agli altri hotel, costosi, frequentati soprattutto da uomini d’affari e pochissimi turisti. Devo dire cha abbiamo trovato gentilezza e disponibilità: siamo stati bene, consigliato! Riponiamo la valigia ed usciamo per vedere il centro città alle luci della sera. Attraversiamo il parco Stefan cel Mare all’uscita del quale vi è appunto la statua di questo eroe della liberazione. Ci sorprende come anche a tarda ora, intanto si sono fatte le 20 e siamo d’autunno, vi sia tanta gente seduta sulle panchine, intente a chiacchierare o soprattutto ad approfittare di internet gratuitamente. Ci diranno poi che i parchi sono il principale luogo d’incontro. Vediamo la bianca cattedrale ortodossa del 1836 ma spesso distrutta da guerre, e di fronte il campanile, entrambi molto simili a quelli di Vilnius. All’interno, dorato e sfarzoso, si trovano preziose icone. Vietato fotografare, ma... La cattedrale è situata anch’essa in un parco, mentre di fronte, proprio sulla strada principale, Boulevard Stefan cell Mare, si trova l’arco di trionfo con tanto di orologio del 1840 che commemora la vittoria dell’esercito dello zar sugli ottomani. L’illuminazione non è straordinaria anche perché gli spazi sono smpi. Sul viale alcune donne stanno ancora vendendo i loro prodotti per strada consistenti in fiori, frutta e altro e con 1 Leu ci si può anche pesare su bilance che qualcuno ha portano sul marciapiede: tipico dei paesi dell’est. Lentamente rientriamo in albergo.

Il giorno seguente, dopo buona colazione usciamo ripetendo inizialmente il tragitto della sera precedente e ci rendiamo conto dei bellissimi colori autunnali che presenta la verde Chisinau. Nel parco vecchie e grandi panchine nero-verdi in legno, tante statue dedicate a poeti e scrittori russi e rumeni, una bella fontana purtroppo inattiva perché ci avviciniamo all’inverno ed alberi di varie specie così da offrire varie tonalità di colore. Finalmente la cattedrale alla luce del giorno, soprattutto la domenica i bambini possono guidare piccole auto o cavalcare un poni: avevamo letto di un mercato, ma forse solo d’estate. Notiamo tanti chioschi di cambiavalute aperti anche 24 ore, così come il mercato dei fiori nella via che costeggia la cattedrale per almeno 300 metri, ma mi sembrano cari per gli stipendi degli abitanti locali; questo ci verrà confermato in hotel, i moldavi comprano ai mercati di periferia o lungo le strade, l’addetta alle reception guadagna poco più di 200 euro. Di fronte all’arco di trionfo uno “slargo” dove si tenevano le parate sovietiche dominate da palazzo governativo, imponente, stile sovietico. In centro anche McDonald’s, con ottimi prezzi, chioschi che vendono bibite come la Coca cola a 12 Leu. il supermercato “1” aperto 24 ore, piccolo ma con ottima scelta di carni, pasticceria, tanto altro, e ottimi vini Moldavi che sono nei primi posti in Europa: i rossi Cabernet, Merlot, Pinot noir e tra i bianchi l’Aligotè, il Sauvignon, il Chardonnay e il Riesling: idea regalo. Nelle campagne le cantine sono aperte al pubblico e visitabili. A fianco il supermercato “Gemini”, 4 piani, per acquisti di abbigliamento, casa, cucina e prodotti vari. Di fronte vediamo il municipio del 1902 con torre con orologio in stile gotico-veneziano, anche questo costruito dall’architetto Bernardazzi, qui molto famoso. Proseguendo vi è la sala dell’organo (anni 20) e insistiamo per vedere il famoso organo con 3000 tube e che dicono abbia eccezionale musicalità. Vicino c’è il mercatino dell’artigianato che da più parti in internet leggo chiamarsi “Vernisaj”, ma temo che si tratti di una ripetizione errata, in loco non mi confermano il nome. In questo mercatino che si tiene tutti i giorni si trovano oggetti in legno, frutta compresa, oggettistica sovietica, terracotta e molti quadri per la verità non tanto artistici, oltre ad oggettini souvenir: acquistiamo. A fianco il teatro nazionale Eminescu (1920), il più grande della repubblica di Moldova. Quasi di fronte la circolare costruzione delle poste, dietro il palazzo in vetro della Sky tower, centro affari

  • 8919 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social