Vacanze al mare tra Lefkada, Cefalonia e Itaca

Tre storie, tre isole… lo stesso mare per un viaggio all’insegna del relax sulle meravigliose spiagge delle Ionie

  • di starsunlu
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Dopo molti anni di isole greche quest’anno decidiamo per tre isole Ionie, avendo già visto Zante e ricordando il suo splendido mare, prenotiamo il volo con easy jet da Milano a Cefalonia e da lì ci muoveremo con tutti i mezzi possibili per arrivare alle altre due isole. Partiamo in 4… io, mio marito Roberto e Alessandro. Le tre isole sono: Lefkada, situata tra Corfù e Cefalonia, ha 117 Km di coste e caratteristici villaggi di pescatori direttamente sul mare. Il nome dell’isola significa “bianco” per le sue scogliere bianche a sud dell’isola. Cefalonia, la sua costa si estende per 237 Km, offrendo 39 spiagge, è l’isola più grande delle Ionie. Ha molti splendidi monasteri, altopiani e verdi colline, quasi mai brulla, offre ai turisti, mare, cultura e buon cibo. Itaca, patria di Ulisse, le cui gesta sono state narrate nell’odissea, ha una superficie di 96 Km2. La forma dell’isola è molto frastagliata, Vathi è la sua capitale, ha avuto un notevole sviluppo turistico negli ultimi anni, ma rimane un’isola da crociere giornaliere.

13 luglio

Partiamo da Milano con easy jet, arriviamo a Cefalonia e lì ci aspetta un taxi prenotato dall’Italia per portarci a fiskardo che si trova a nord dell’isola . A marzo avevamo pensato di partire dal porto di Sami verso Vassiliki (Lefkada) ma nei mesi successivi ci siamo accorti che tutti i siti dei traghetti davano il porto di Vassiliki chiuso per lavori, quindi l’unico porto di partenza per lefkada rimane Fiskardo. Il taxi impiega un paio d’ore (costo 77 euro). Fiskardo è un bellissimo paesino situato a nord di Cefalonia, in gran parte risparmiato dal terremoto del 1953 e a mio avviso rimane l’unico paesino pittoresco dell’isola. Pini, ulivi e cipressi la incorniciano e la passeggiata è vietata alle auto. Il suo nome deriva da Roberto il Guiscardo, un condottiero che qui mori’ di peste nel 1085. Dopo una sosta di alcune ore ci imbarchiamo sul traghetto per Nidri (l’altro porto di lefkada) al costo di 8,50 euro. Giungiamo a Nidri alle 22,30 e cerchiamo un taxi o un bus per arrivare a Vassiliki… non c’è nulla e grazie ad un noleggiatore siamo accompagnati con una macchina (30 euro). Alloggeremo all’hotel ponti beach per 4 giorni e gireremo l’isola con una macchina a noleggio (40 euro al giorno).

14 luglio 2016

Per prima visitiamo la spiaggia di Kathisma, una lunga distesa di ciottoli misti a sabbia bianca con un mare turchese. Attrezzatta con lettini e ombrellini (7 euro) e molte taverne. Poi entriamo all’interno verso Nidri e visitiamo le water fall… bella passeggiata in mezzo alla montagna rocciosa ma con un brutto finale… alla cascate non c’è acqua! Cena in taverna a Vassiliki circa 10 euro a testa.

15 luglio 2016

La seconda spiaggia è porto Katsiki, un capolavoro della natura, attraversando verso sud ovest la regione con panorami di ulivi e cipressi verdissimi, giungiamo a questa mitica spiaggia. Si discendono 100 gradini… e la bellezza è li! A portata di mano! Purtroppo è una meta delle numerose gite giornaliere delle barche e alle 13 diviene troppo affollata. Ci muoviamo quindi verso il monastero di S. Nicolas per strade assolate e quasi deserte. E’ In mezzo alla campagna verde, silenzioso e sereno questo monastero ci infonde pace. Al suo interno ci accoglie una vecchina vestita di nero che ci fa visitare la chiesa

  • 23640 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social