Due vegani a Cardiff

Un breve viaggio alla scoperta di una città che ha molto da offrire a tutti: golosi, sportivi, festaioli e non solo

  • di diamante81
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Premessa: nel racconto sono presenti parole in grassetto che, di solito, sono seguite da link per rendere più agevole la ricerca. In questo modo, se non avete tempo di leggere tutto, potrete selezionare le informazioni più facilmente. Buona lettura e buon viaggio!

SABATO 28 APRILE 2018

Tutti ci chiedono perché andiamo a Cardiff e ci rendono ancora più curiosi di scoprire una città che, se non fosse stato per un’offerta della compagnia aerea Flybe (https://www.flybe.com/), non avremmo mai visitato, probabilmente.

Partire da Roma non è uno scherzo: treno + autobus + volo per un totale di quasi otto ore di viaggio e circa 190 euro di spesa. Si sa, però, che una vacanza senza sacrifici non è un vero viaggio e noi siamo disposti a soffrire un po’ per vedere posti nuovi.

Abbiamo pochi giorni a disposizione perciò partiamo con uno zaino a testa.

All’aeroporto c’è il fantastico “Natoo” (http://natoobar.it/) con succhi, frullati e primi anche vegani. Si trova all’ingresso del Terminal 3 – Arrivi, prima dei controlli di sicurezza. Purtroppo non siamo mai sicuri di cosa è possibile far passare ai controlli pertanto ci accontentiamo di acquistare una porzione di cus cus con verdure (sottaceto) e una bottiglia d’acqua da 0,75 (10,50 euro totali) dopo i controlli.

Questi ultimi sono stati veloci e l’e-gate per il controllo del passaporto evita il formarsi di code. L’aereo è arrivato con soli 10 minuti di ritardo e il bus T9 (http://www.trawscymru.info/t9/) era fermo alla fermata a sinistra dell’uscita dall’aeroporto (abbiamo solo dovuto correre un po’ per evitare di perderlo).

Il tragitto verso il centro di Cardiff è stato piacevole e l’hotel scelto, The Royal Hotel (https://www.royalhotelcardiff.com/), è davvero vicinissimo alla fermata.

Arriviamo in anticipo di quasi un’ora per il check-in perciò andiamo a pranzo da “Wok to walk” (https://www.woktowalk.com/uk/restaurants/) (13 sterline) a 20 metri dall’hotel che si riconferma ottimo (avevamo già provato quello di Amsterdam).

St. Mary’s Street è ancora più caotica di quanto abbia letto nei vari siti e visto nelle foto! Alle 14 di sabato pullula di gente di ogni età. Alcuni sono in giro per la partita di rugby al Principality Stadium (http://www.principalitystadium.wales/), altri fanno la fila per entrare nei locali, altre sono agghindate per l’addio al nubilato. Al centro della ressa si muovono lentamente i carretti che vendono caffè, sciarpe e maglie delle squadre [oggi c’è il Judgment Day durante il quale le quattro squadre gallesi (Cardiff Blues, Dragons, Ospreys e Scarlets) si affronteranno in campo] e hot dog.

L’hotel ha due ingressi: quello su St. Mary’s Street prevede alcune rampe di scale mentre quello in Westgate Street ha l’ascensore fino alla reception. Ovviamente noi prendiamo il primo ingresso e cominciamo a salire i piccoli e ripidi gradini. La reception è bella e, in generale, l’hotel è stato rinnovato splendidamente. Sul sito dell’hotel è possibile ottenere uno sconto del 10% (in alcuni casi, quindi, si paga meno che prenotandolo da altri siti).

La nostra stanza, la 407, è piccola ma accogliente e si trova al 4° piano. C’è una finestra antica e di proporzioni ridotte all’esterno ed un’altra finestra della stessa dimensione più moderna con gli infissi in alluminio. Peccato che questi tendano a staccarsi dalla parete ogni volta che apriamo per arieggiare la stanza. In compenso la seconda finestra funziona bene come isolante acustico e non sentiamo quasi alcun rumore provenire dalla strada, anche di notte quando la confusione aumenta a dismisura. Le prese inglesi necessitano di un adattatore per i nostri apparecchi ma in camera sono presenti anche prese USB molto comode per ricaricare i dispositivi elettronici

  • 850 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social