Norvegia low cost

Consigli pratici per raggiungere Nordkapp con il postale dei fiordi e cinque voli, con un budget di 350 euro

  • di luxocchio
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Capo Nord con 5 voli, l’imbarco sul famoso Hurtigruten (il postale dei fiordi), i pernottamenti, pit stop in Polonia avendo a disposizione solo 4 giorni e un budget di 350 euro

24 luglio

Il nostro viaggio, un po' avventuroso avendo a disposizione solo 4 giorni, ha richiesto una buona pianificazione relativamente ai voli aerei, tutti rigorosamente low cost, e all’imbarco sul postale, per giungere ai confini nord del mondo.

Siamo partiti da Bergamo alle 10.30 con volo Ryanair per Danzica, in Polonia, per poi proseguire per Tromso in Norvegia con volo Wizzair alle 15.00. Coincidenza tra i 2 voli di circa 2 ore che ci ha permesso di pranzare a Danzica airport.

Il secondo volo, da Danzica a Tromso, ha accumulato circa un'ora di ritardo, motivo per il quale appena sbarcati a Tromso abbiamo dovuto prendere immediatamente un taxi per il porto, da dove sarebbe partito il famoso Hurtigruten Lofoten, il postale dei fiordi, mitico battello del 1964 con arredamenti d’epoca. Senza tale ritardo avremmo potuto tranquillamente prendere il bus urbano, che ferma proprio all’uscita dell’aeroporto, che ci avrebbe condotto direttamente al porto. La distanza tra aeroporto e porto è minima, circa 5 km, per cui in soli 10 minuti eravamo già sulla banchina del porto.

Alle 18.30 il postale è salpato, diretto verso nord: nello stesso giorno avevamo tre diverse coincidenze che, con un po’ di fortuna, abbiamo rispettato.

Il postale dei fiordi, nato con la funzione di portare posta e pacchi nei sperduti villaggi lungo i 2.500 km di coste dei fiordi, oggi si è “riconvertito” anche a spartana nave da crociera. L’itinerario classico parte da Bergen e risale fino a oltre Capo Nord, con un viaggio che dura 7 giorni. Noi abbiamo acquistato il biglietto solo per alcune tappe, quelle oltre il circolo polare artico da Tromso a Honningsvag, punto di partenza per Capo Nord.

Il nostro viaggio sull’Hurtigruten è iniziato nel tardo pomeriggio per concludersi nella tarda mattinata del giorno successivo. Durante la notte il postale ha svolto il proprio compito: carico e scarico di merci a Skjervøy alle 22.30, poi a Øksfjord alle 2 di notte e a Hammerfest alle 5 del mattino. Il cielo, sereno nella prima parte del viaggio, si è coperto verso nord ma abbiamo apprezzato comunque la luce durante tutta la nottata, permettendoci di godere del meraviglioso paesaggio dei fiordi norvegesi. Fino alle fine di luglio è infatti ancora presente il sole di mezzanotte per cui c’è luce anche di notte. Nottata (che non c’è) passata in coperta ad ammirare questo stupendo spettacolo.

25 luglio

Giunti al piccolo villaggio di Honningsvåg, con una breve passeggiata lungo il fiordo siamo giunti al Vandrerhjem hostel, nostro punto di appoggio verso Capo Nord. All’ostello abbiamo avuto la fortuna di incontrare delle persone di Roma che ci hanno gentilmente offerto un passaggio sulla loro auto. L’alternativa sono alcuni bus, molto costosi, che organizzano il trasporto fino a Capo Nord.

Da Honningsvåg parte una piacevolissima strada di circa 30 km, lungo la quale si possono ammirare paesaggi sempre nuovi e si fanno incontri con bellissime renne. Giungere a Capo Nord è emozionante: cielo, mare, nuvole e Sole si mescolano tra loro in uno straordinario scenario. Qui sono d’obbligo le classiche foto al globo terrestre, simbolo del luogo

  • 655 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social